Viaggio in Sardegna con Rolling Pandas

visita l'isola dalla costa smeralda

Alla scoperta della Sardegna, tra mare cristallino e tradizione

La Sardegna, isola di punta dell’Italia, è nell’immaginario comune la vacanza estiva per eccellenza in un mare di smeraldo, tra piccole e grandi insenature dalla sabbia bianchissima.

La Sardegna in realtà ha una storia molto antica e varia, fatta di Nuraghi (di cui rimangono oltre 7000 monumenti che caratterizzano il paese), dominazioni, lotte e molto altro. I primi abitanti risalgono al Neolitico, da allora la Sardegna per la sua posizione strategica e le sue risorse minerarie, è stata oggetto di attenzione delle potenze che si affacciavano sul mediterraneo centro-occidentale. Fenici, Cartaginesi, Romani, Arabi, e ancora Genovesi, Pisani, Francesi e Spagnoli si sono contesi il suo territorio.

Situata al centro del Mediterraneo, con un territorio prevalentemente montuoso ma privo di alte vette, la Sardegna regala al visitatore un ambiente naturale unico: il mare regna incontrastato con i suoi colori e si insinua nelle calette tortuose, lungo le coste e le spiagge, nelle località più frequentate. Chi preferisce la montagna potrà invece andare alla scoperta della regione del Gennargentu, il più vasto complesso montano della Sardegna, dove la natura regna incontrastata. 

Quando andare in Sardegna

In Sardegna il clima è mediterraneo, con inverni miti e abbastanza piovosi, ed estati calde e soleggiate, un po’ afose ma ben ventilate. Si può dire che la Sardegna sia una destinazione turistica ideale 365 giorni l’anno.
Le piogge non sono abbondanti, sono più frequenti in autunno e in inverno, e diminuiscono progressivamente nel corso della primavera, toccando un minimo in estate, quando non piove quasi mai.
La Sardegna è un’isola ventosa, soprattutto da ottobre ad aprile, a causa del Maestrale, che in estate è ben voluto poiché rende più sopportabile il caldo; meno benvenuto è lo Scirocco, portatore di ondate di caldo dall’Africa con punte di 40 °C e più.
Nelle zone montuose il clima diventa gradualmente più freddo. La cima più elevata, alta 1.834 metri, si trova nel Massiccio del Gennargentu, dove in inverno la neve è abbastanza frequente.Riassumendo, il periodo migliore per visitare la Sardegna è quello estivo, da giugno ad agosto, se si intende fare vita da spiaggia.

 

Andare in Sardegna a Gennaio

2stelle

Andare in Sardegna a Febbraio

2stelle

Andare in Sardegna a Marzo

3stelle

Andare in Sardegna a Aprile

4stelle

Andare in Sardegna a Maggio

5stelle

Andare in Sardegna a Giugno

5stelle

Andare in Sardegna a Luglio

5stelle

Andare in Sardegna a Agosto

5stelle

Andare in Sardegna a Settembre

4stelle

Andare in Sardegna a Ottobre

3stelle

Andare in Sardegna a Novembre

2stelle

Andare in Sardegna a Dicembre

2stelle

I viaggi in Sardegna di Rolling Pandas

Guarda alcuni dei nostri viaggi migliori in Sardegna

Cosa vedere in Sardegna

Non è facile dare una priorità alle incantevoli bellezze che si possono ammirare in Sardegna.
  • Nuraghi
  • Arcipelago della Maddalena
  • Caprera
  • Bocche di Bonifacio
  • La costa nord occidentale Sardegna
  • La Costa Smeralda
  • San Teodoro e la costa orientale
  • Cagliari e la Sardegna meridionale

I Nuraghi

Tra le sue meraviglie, la Sardegna offre al visitatore i complessi nuragici sparsi su tutto il territorio, monumenti unici al mondo che testimoniano una cultura antica e ancora in parte misteriosa che va dal XV al VI secolo a C. Le Nuraghe o torri nuragiche sono grandi torri costruite con mattoni a secco, erette con finalità prettamente difensive. Uno dei Nuraghi più famoso è senza dubbio quello di “Su Nuraxi” situato nel paese di Barumini, nel cuore della Sardegna. Questo complesso archeologico è stato scoperto negli anni ’50 e dal 1997, è entrato a far parte dei Patrimoni dell’UNESCO.

Arcipelago della Maddalena

Una tappa fissa è sicuramente l’Arcipelago della Maddalena, bagnato da un mare meraviglioso e trasparente, situato nella costa nord-settentrionale, al largo della Costa Smeralda, con le cosiddette “sette sorelle” (La Maddalena, Caprera, Budelli, Santo Stefano, Santa Maria, Spargi, Razzoli), cioè le isole principali dell’arcipelago. I visitatori potranno navigare lungo le coste del Parco Nazionale della Maddalena con i suoi fondali ricchi di vita per gli amanti delle immersioni. La Maddalena, con le sue isole ventose ricche di insenature naturali, è una meta ideale per vacanze in barca a vela e per le escursioni a cavallo o per i percorsi in mountain bike, un modo alternativo per vivere le spiagge al tramonto e per godere di panorami granitici e di scenari naturalistici.

Caprera

Caprera, la seconda isola più grande dopo la Maddalena, è famosa per aver ospitato Garibaldi durante il suo esilio: la sua casa è oggi una casa museo aperta al pubblico, immersa nella tipica vegetazione mediterranea e ricca di cimeli che ripercorrono la vita dell’eroe dei due mondi. Sempre sull’isola rimane la sua tomba e quella della sua famiglia. Caprera è facilmente raggiungibile da La Maddalena grazie al ponte-diga Passo della Moneta, una creazione dovuta proprio a Garibaldi.

Le bocche di Bonifacio

Navigando da Caprera verso le Bocche di Bonifacio, si rimane colpiti dalla bellezza dell’isola di Budelli, disabitata e selvaggia, uno dei gioielli più splendenti dell’arcipelago, con la sua incantevole Spiaggia Rosa, tra le più belle del Mediterraneo, la cui colorazione deriva dallo sbriciolamento della miniacinia miniacea, un microrganismo rosa che vive nella posidonia all’interno di gusci e conchiglie, trasportato a riva dalle correnti. Per raggiungere Budelli potrai rivolgerti a visite guidate e noleggio imbarcazioni che partono dalla Costa Smeralda, La Maddalena, Palau e Santa Teresa Gallura.

La costa nord occidentale della Sardegna

La costa nord occidentale della Sardegna invece ha un suo profumo: è quello del mare, che la fa da padrone. Partendo da Castelsardo, un’antica roccaforte medievale, caratterizzata dalla presenza del castello dei Doria, che sorge di fronte al mare fino al Parco Naturale dell’isola di Asinara, passando per Stintino, una tra le mete turistiche più conosciute, capace di coniugare il fascino del vivace paesino di pescatori con strutture turistiche di altissimo livello, mostrandosi al mondo come un capolavoro di rara bellezza. Le spiagge di questa zona sono tra le più rinomate dell’Isola e si caratterizzano per la sabbia chiara, come quella della meravigliosa spiaggia de La Pelosa, di fronte alla quale sorge la Torre omonima, struttura aragonese del ‘500, una delle antiche torri di avvistamento presenti in tutta la Sardegna. Infine, Sassari, nell’immediato entroterra, storico polo urbano del Capo di Sopra e antica città regia ricca di arte e natura, è il punto di riferimento più importante del nord della Sardegna.

Costa Smeralda

Tra le mete più affascinanti della Sardegna troviamo anche la celebre Costa Smeralda, nella parte nordorientale della Regione, a nord di Olbia tra i golfi di Arzachena e di Cugnana. Gli 80 chilometri di litorale sono avvolti dalla macchia mediterranea, punteggiati da spiagge di sabbia bianca, calette nascoste, isole e animati da una vivace vita notturna che si svolge in locali alla moda. Porto Cervo è la perla della Costa ma Porto Rotondo, ricco di piazzette e negozietti, non è da meno.

San Teodoro e la costa orientale della Sardegna

Varcato il confine dell’ammaliante e seducente Costa Smeralda, inizia un lungo viaggio verso sud alla scoperta del tratto costiero orientale della Sardegna, affacciato sul Mar Tirreno; vi si trovano chilometri e chilometri di spiagge e calette veramente imperdibili, alcune delle quali ancora oggi quasi incontaminate nella bassa stagione estiva. Troviamo così San Teodoro, una splendida riserva dove poter ammirare fenicotteri rosa ed altre specie protette. Conosciuto in Gallura come Santu Diàdoru, il borgo è abitato da poco meno di cinquemila residenti in inverno, animato da decine di migliaia di turisti d’estate. Sulla costa centro orientale dell’isola troviamo il Golfo di Orosei, una mezzaluna di costa incontaminata lungo la quale si estendono spiagge da sogno caratterizzate da sabbie chiare e da una natura selvaggia che il cemento non ha deturpato. Numerose grotte e cale sono la mèta di visitatori alla scoperta di immagini e sensazioni incomparabili: Cala Biriola, la Grotta del Bue Marino, Cala Liberotto, Cala Cartoe e Cala Goloritzè sono solo alcuni degli scenari naturali dove il tempo sembra si è fermato.

Cagliari e la Sardegna meridionale

Si arriva così nella parte Meridionale della Sardegna, dove il vero splendore è la costa: lunghe spiagge da sogno e un mare che riporta a quello dei più remoti paradisi tropicali, dalle splendide isole di San Pietro e Sant’Antioco, fino a Porto Corallo, nella costa opposta. Merita una visita Iglesias, regina delle rievocazioni medievali, che accoglie i suoi turisti fra miniere e antiche chiese. Per gli amanti del surf la tappa obbligata è Baia Chia, paradiso estivo di onde turchesi, sole e relax. Al centro del Golfo degli Angeli si trova infine Cagliari, sede universitaria e arcivescovile, capoluogo dell’Isola, città di bellezze artistiche che si rincorrono fra le vie dei quartieri storici. Cagliari è buon cibo, gallerie d’arte, shopping e natura. Il suo porto è classificato “internazionale” per via della sua importanza; svolge funzioni commerciali, industriali, turistiche e di servizio per passeggeri.
Sardegna San Teodoro

Informazioni utili per un viaggio in Sardegna

Lingua & Religione in Sardegna

La Lingua ufficiale della Sardegna è l’italiano, ed è diffuso il Sardo, il dialetto ufficiale, nonché una lingua appartenente al gruppo delle lingue indoeuropee che, per differenziazione evidente sia ai parlanti nativi, sia ai non sardi, sia agli studiosi di ogni tempo, deve essere considerata autonoma dai sistemi dialettali di area italica, gallica e ispanica e pertanto classificata come idioma a sé stante. Gli altri dialetti diffusi nella regione sono il sassarese, il gallurese, il catalano e il ligure a livello locale.

Fuso Orario in Sardegna

Il fuso orario è quello italiano (CEST)

Valuta in Sardegna

La Valuta è l’Euro
euro

Visti in Sardegna

Per andare in Sardegna non è richiesto alcun visto per i cittadini residenti nei Paesi dell’UE.

Vaccini in Sardegna

Non sono necessari particolari vaccini per fare un viaggio in Sardegna.

Trasporti in Sardegna

La Sardegna si può raggiungere in due modi: in aereo oppure in traghetto. Se si vuole girare l’isola è utile imbarcarsi sul traghetto con la propria macchina, in modo da avere un mezzo a disposizione durante il soggiorno.


Se ti piace la Sardegna dai un'occhiata anche a

capoverdeThumb


Capo Verde

egitto


Egitto

malta


Malta

puglia


Puglia

sicilia


Sicilia

Ecco i Paesi in cui ti possiamo portare

  • Canada
  • Caraibi
  • USA
  • Costa Rica
  • Honduras
  • Messico
  • Argentina
  • Brasile
  • Cile
  • Perù
  • Inghilterra
  • Islanda
  • Italia
  • Spagna
  • Egitto
  • Kenya
  • Marocco
  • Sudafrica
  • Dubai
  • Giordania
  • Israele
  • Oman
  • Cina
  • Giappone
  • India
  • Thailandia
  • Australia
  • Isole Fiji
  • Nuova Zelanda
  • Polinesia

Condividi questa pagina con i tuoi amici

keyboard_arrow_up