Viaggio in Birmania con Rolling Pandas

Visita la Birmania. Da Yangon alle pagode d'oro

Scopri tutti i segreti della Birmania

Alla scoperta della Birmania, il Paese delle Pagode

La Birmania, conosciuta anche come Myanmar, è uno stato del sud-est asiatico. Caratterizzato da una complicata storia coloniale e da moltissimi scontri interni dovuti alla presenza di numerose etnie diverse, nonché da un lungo periodo di governo sotto una dittatura militare, in tempi recenti la Birmania è riuscita a trovare una nuova tranquillità istituzionale. Questo mutato contesto politico ha permesso una nuova apertura nei confronti dell’estero, permettendo anche al turismo di svilupparsi maggiormente. Nonostante questo, la Birmania rimane un paese ancora molto arretrato, rurale, incontaminato, con una profonda spiritualità legata al sentito credo buddhista.

Quello della Birmania è un fascino semplice, legato alla tranquillità della sua popolazione, ma anche grandioso, viste le spettacolari costruzioni religiose che sorgono anche nei luoghi più sperduti. Questi contrasti, insieme alla sua magnifica natura, rendono la Birmania una meta perfetta per chi cerca un viaggio all’insegna della scoperta e dell’avventura, un’esperienza indimenticabile che non possiamo che consigliarvi.

Cosa vedere in Birmania - Le migliori Esperienze del Myanmar

Per prepararsi a un viaggio in Birmania, scegliere cosa vedere non è semplice. Questo paese, infatti, è una meta ancora piuttosto remota e poco conosciuta, non ancora intaccata dalla presenza di un turismo di massa, un luogo spirituale, misterioso e per questo molto affascinante. Destreggiarsi fra le numerose antiche città, la sconfinata quantità di luoghi sacri al buddhismo e le bellezze naturali del paese non è semplice, per questo abbiamo voluto venirvi incontro selezionando sei mete imperdibili se state progettando di fare un tour del Myanmar, perfette per cercare di capire meglio questo lontano paese, ammirandone le principali attrazioni.

bagan birmania

Bagan

Un qualsiasi tour della Birmania ha come fulcro una visita al sito archeologico di Bagan, un luogo sacro per i buddhisti, di cui si può percepire chiaramente la spiritualità e l’importanza. Per questo è fondamentale essere rispettosi del complesso nella sua totalità, togliendosi scarpe e calzini prima di accedere ai templi e facendo attenzione ai vari divieti, pena il rischio di multe o, addirittura, di essere arrestati. 

Il sito è ricchissimo di templi, fra cui i più famosi sono il  Tempio Gawdaw Palin e il That Byin Nyu Guphayagyi, la costruzione più alta fra quelle presenti. Il tempio più sacro di Bagan è il Tempio di Ananda, il cui nome deriva da una parola che significa “saggezza sconfinata”, dove vengono ospitate le statue di quattro Buddha che, guardando verso i quattro punti cardinali, rappresentano l’ascesa al Nirvana. Anche le pagode sono numerose e la più suggestiva è la Pagoda Myazedi, che contiene le prime iscrizioni che attestano la lingua birmana, incise su una pietra che è stata dichiarata patrimonio dell’UNESCO. 

Webp.net-resizeimage (1)

Yangon

Durante un viaggio in Birmania una cosa da vedere assolutamente è Yangon, maggiore centro del paese ed ex capitale, dove l’identità birmana si mescola con le influenze arrvivate da Inghilterra, Thailandia e Cina.

La più nota attrazione di Yangon è la Shwedagon Paya, imponente e riccamente decorata pagoda, meta di pellegrinaggio per molti buddhisti, anche per la presenza di una ciocca di capelli che si dice sia appartenuta al Buddha. La città è molto conosciuta anche per le sue numerose aree verdi, fra cui segnaliamo il Giardino Zoologico, dove vengono ospitate tutte le maggiori specie faunistiche del paese, i Giardini Mahabandoola, con i loro meravigliosi roseti, e il Parco del Popolo, conosciuto per le fontane. 

A meritare una visita può essere anche la casa di Aung San Suu Kyi, una residenza che è meta di molti turisti, curiosi di vedere la casa della famosa e coraggiosa leader politica, che è stata in grado di opporsi alla dittatura militare che per molto tempo ha governato la Birmania.

Webp.net-resizeimage (2)

Mandalay

Mandalay, centro economico e religioso della Birmania, è una tappa molto interessante per un tour del Myanmar. Città di costruzione relativamente recente, Mandalay ha un’anima multietnica, ospitando comunità provenienti da numerosi paesi dell’Asia, un aspetto che ha reso le sue strade e le sue architetture un mix di stili, colori e profumi. 

L’attrazione principale di Mandalay è il Palazzo Reale, una cittadella ricostruita completamente nel 1945 in seguito a un incendio. Attualmente una parte del complesso è adibito a uso militare, ma buona parte delle sue stanze rimangono comunque aperte al pubblico. Un altro luogo simbolo è il Ponte U Bein, una passerella riccamente decorata, in cui mancano ringhiere o passerelle di protezione, dove si affollano gli abitanti della città, approfittando delle nuoverose attività commerciali che si trovano sul ponte. 

Inoltre, la città è ricca di siti religiosi e legati alla spiritualità buddista, soprattutto monasteri e pagode.

lago inle birmania

Lago Inle

Il Lago Inle in Birmania è una delle attrazioni principali, vista la sua straordinaria bellezza. È un lago di acqua dolce situato fra le montagne, in una location davvero suggestiva.

A livello turistico, il lago sta iniziando ad essere sempre più attrezzato, con piccole strutture ricettive e bazar dove vengono venduti prodotti locali, ma ad affascinare rimane comunque la sua natura e lo splendore dei paesaggi che offre, specialmente al tramonto. È un luogo, poi, molto vivace e ricco di attività della popolazione locale: mercati, orti galleggianti, laboratori artigianali collocati sui numerosi villaggi galleggianti. La zona è animata da una particolare comunità di pescatori, gli intha, che utilizza una gamba come remo per muovere le minuscole imbarcazioni per la pesca, una modalità tipica solo di questo luogo. 

Vi consigliamo di approfittare del servizio di noleggio bici presente in zona per esplorare il lago e i suoi dintorni, un’esperienza unica per il vostro viaggio in Birmania.

Pegu

Antica capitale della Birmania e centro fondamentale durante il colonialismo britannico, Pegu è una città dal glorioso passato, che merita una visita durante il vostro tour della Birmania.

A ricordare i fasti dell’antico splendore sono le numerose architetture religiose e celebrative che sono distribuite sul territorio della città e nella giungla circostante. Statue e pagode creano un vero e proprio museo a cielo aperto e andare alla scoperta di questi monumenti, specialmente quelli nascosti fra la vegetazione, fa sentire come dei veri e propri esploratori. A Pegu si trova anche la Shwemawdaw Pagoda, simbolo della città, nonché pagoda più alta di tutto il Myanmar grazie alle varie “aggiunte” che ha subito nel tempo. 

Una piccola attrazione per i più curiosi è il Monastero del Serpente, un luogo dove è possibile vedere un animale leggendario, un boa vecchio di 115 anni, presunta reincarnazione di un monaco, che vive nel tempio e viene venerato come creatura divina.

mare birmania

Mare

Se state cercando una destinazione per una spettacolare vacanza di mare, la Birmania può essere un’ottima scelta. Caratterizzata da spiagge bianche e acque cristalline, la Birmania non ha niente da invidiare alla bellezza di altre località del sud-est asiatico, con il pregio aggiuntivo di essere una meta ancora poco esplorata, dunque non rovinata dal turismo di massa. 

Il mare della Birmania è quello di un classico paradiso tropicale, con infinite distese di sabbia, un mare pulito e pieno di pesci colorati, le palme a fare da contorno. Non ci sono, però, grandi strutture o servizi turistici: l’aria che si respira p genuina, quasi selvaggia in alcune località, dimostrando come un viaggio in Birmania rimanga ancora all’insegna dell’avventura e dell’esplorazione, adatto per chi ha voglia di ritrovarsi in ambientazioni che ricordano quelle di fantastiche isole deserte e incontaminate.

Fra le spiagge più belle, vi segnaliamo Ngpali Beach e la suggestiva Sliver Beach.

Guarda cosa dicono i nostri Pandas sul loro viaggio in Birmania

Quando Andare in Birmania

Se state organizzando un viaggio in Birmania, quando andare è un aspetto importante da scegliere e conoscere i periodi migliori per visitarla è fondamentale. Quindi, quando andare in Myanmar?

La Birmania ha un clima generalmente tropicale, caratterizzata da tre stagioni: la stagione piovosa da metà maggio a metà ottobre, una stagione più fresca da novembre a metà febbraio e una stagione calda pre-monsonica da febbraio a maggio. Lungo la costa le piogge sono abbondanti durante la stagione monsonica e specialmente nei mesi di giugno, luglio e agosto, quindi, nonostante il mare sia caldo tutto l’anno, durante l’estate potrebbe essere difficoltoso trovare belle giornate adatte per stare in spiaggia. Nel paese ci sono anche zone montuose, caratterizzate da un clima fresco o freddo quando si prende in considerazione la regione himalayana.

Andare in Birmania in Estate

In Birmania l’estate coincide con la stagione delle piogge, quindi non si consiglia di scegliere questo periodo per recarsi nelle zone costiere del Myanmar. A giugno, luglio e agosto le piogge sulla costa sono quasi ininterrotte e i monsono sono frequenti, dunque una vacanza di mare e relax rischierebbe di essere rovinata. Un’esplorazione delle pianure del centro del Myanmar, invece, può essere praticabile, perché rimangono più riparate, con un clima meno variabile, sempre piuttosto caldo e umido.

Andare in Birmania in Inverno

Il periodo invernale, in particolare tra metà dicembre e metà febbraio, è quello migliore per visitare la Birmania. Durante questi mesi il rischio di incorrere in cicloni e monsoni è molto basso e il tempo si mantiene perlopiù soleggiato, con un caldo secco piacevole e sopportabile. Lungo la zona costiera il clima è piuttosto caldo, mentre le zone interne tendono ad essere più fresche, ma il freddo intenso è raro. L’escursione termica fra giorno e notte, comunque, è abbastanza intensa, specialmente nelle regioni più interne del paese.

Informazioni utili per un viaggio in Birmania

fuso orario

Fuso Orario

Il fuso orario della Birmania è di 5.30 ore avanti rispetto all'orario italiano (GMT+6:30).

lingua

Lingua

La lingua ufficiale della Birmania è il birmano, appartenente al gruppo delle lingue sinotibetane, un ceppo di lingue diffuso nel paese con altri vari idiomi minori. Sono poi presenti anche lingue appartenenti ad altre famiglie linguistiche, parlate dai vari gruppi etnici che popolano la Birmania.

placeholder2

Location

La Birmania è uno stato dell'Asia sud-Orientale affacciato sull'Oceano Pacifico, in particolare sul Golfo del Bengala e sul Mar dell'Andamane. Occupa una porzione della penisola indocinese e gli stati con cui confina sono Thailandia, Laos, Cina, India e Bangladesh.

vaccini

Vaccini

Previo parere medico, si consiglia di sottoporsi a una profilassi antimalarica, soprattutto se ci si reca nelle zone più rurali della Birmania. Fra la popolazione locale sono diffuse malattie come epatite A e B, l’encefalite giapponese, il tifo, la rabbia, la difterite e il tetano, rispetto a cui potrebbe essere consigliato vaccinarsi. Anche un vaccino contro la poliomielite è caldamente consigliato (o un richiamo, nel caso ci si sia vaccinati da bambini), mentre è obbligatorio vaccinarsi contro la febbre gialla nel caso si provenga da un paese dove questa è diffusa.

valuta

Valuta

La moneta ufficiale della Birmania è il kyat birmano.
1 euro corrisponde a circa 1793 kyat.

visti

Visti

Per visitare la Birmania è necessario munirsi di un passaporto con validità residua non inferiore a 6 mesi dalla scadenza dal momento in cui ci si reca nel paese. Un visto per il Myanmar è necessario e va richiesto con una procedura online sul sito dell'ambasciata birmana, per poi essere ritirato in loco, presso i maggiori aeroporti del paese. Il visto per la Birmania è a pagamento e ha validità singola per un massimo di 28 giorni di permanenza turistica nello stato asiatico.
Fatti spedire direttamente il visto a casa con la nostra promozione. CLICCA QUI.

aeroporto

Aeroporto

L'Aeroporto Internazionale di Yangon è l'aeroporto in Birmania più importante. In Myanmar un altro aeroporto significativo è quello di Mandalay, mentre per raggiungere la capitale del paese si può atterrare all'aeroporto di Naypyidaw.
codice: RGN

prese elettriche

Elettricità

In Birmania si utilizzano prese elettriche da 230V.
Le prese sono di vario tipo (tipo C, D, F, G) a seconda delle zone e della qualità degli alloggi, quindi è consigliato munirsi di un adattatore universale.

chiamata d'emergenza

Emergenze

C sono due numeri di emergenza della polizia specifici per i turisti: 01378479 / 01379701. Si segnala, però, che in Birmania la copertura telefonica è scarsa e si ha un segnale mediocre solamente nelle grandi città, mentre nel resto del paese può essere quasi assente.

Iscriviti alla nostra newsletter

per avere l'accesso esclusivo ad offerte speciali sui nostri viaggi avventura in Birmania


Sei indeciso su che tipo di viaggio in Birmania vuoi fare?

Scopri i Paesi dell'Asia in cui ti possiamo portare

Condividi questa pagina con i tuoi amici

keyboard_arrow_up