Viaggio in Namibia con Rolling Pandas

Alla scoperta della Namibia: mare e deserto in un’esplosione di colori

Viaggio in Namibia: alla scoperta del diamante africano

Molti definiscono la Namibia “l’Africa per principianti”. Che dire?! Un luogo straordinario da cui iniziare per scoprire il continente africano.

La Namibia possiede una bellezza naturale senza eguali, che pochi paesi dell’Africa possono vantare. La Namibia del mare di sabbia, coi suoi colori intensi che vanno dal rosa all’arancio. Delle valli di Sossusvlei che ospitano il Deadvleiun, una depressione di sabbia bianca, dimora di un cimitero di alberi d’acacia eriolobe che sembrano usciti dal famoso dipinto di Salvador Dalì, “La persistenza della Memoria”.

La Namibia deve il suo nome al Deserto del Namib, che ricopre gran parte del territorio namibiano. La scelta di questo nome è dovuta principalmente al fatto di volere evitare eventuali diatribe tra le popolazioni del luogo. Un viaggio in Namibia è un viaggio alla scoperta del deserto più antico al mondo, il Deserto del Namib. Un luogo in cui le dune sabbiose ricordano montagne imponenti. Un luogo in cui è possibile ammirare un deserto di sabbia rosa fondersi con l’oceano, a Sandwich Harbour e sulla Skeleton Coast. Il nostro viaggio in Namibia prosegue nell’entroterra, dove, il cuore della Namibia è traversato da alcune formazioni rocciose come le montagne di Naukluft, dalle montagne di granito (la maggior parte di origine vulcanica) di Brandberg e Spitzkoppe, e da grandi canyon di origine erosiva come lo strabiliante Fish River Canyon. Non possiamo poi non citare la regione de “il Dito di Caprivi”, bagnata dallo Zambesi – il fiume dal corso perenne – e le distese rosso paprika della regione desertica del Kalahari, tappezzata da infiniti fili d’erba dorata. Un viaggio in Namibia è anche un viaggio a contatto con la natura selvaggia delle popolazioni faunistiche: l’Etosha National Park ospita popolazioni di grandi felini, elefanti, rinoceronti neri; a Damarland potrai ammirare gli elefanti e i leoni che si sono adattati all’ambiente desertico; nella Skeleton Coast, le Otarie orsine prendono il sole; i fenicotteri rosa si rifocillano nelle acque di Sandwich Harbour.
Il territorio della Namibia è costituito da 4 aree principali:

  • Gli Altopiani Centrali,ricoperti di cespugli e costellati di “pan” – bacini acquiferi che durante la stagione secca si rivestono di una crosta di sale. Uno dei più famosi pan namibiani è il Sossusvlei, che ospita tra le dune più alte al mondo, come quella del Big Daddy (380 m). Il termine Sossusvlei (o Sossus Vlei) si riferisce a una pozza d’acqua effimera ccinta da imponenti dune dai colori intensi, che vanno dall’arancio al rosa (merito della composizione ferrosa della sabbia e della sua ossidazione).

  • La Regione Costiera, dove il deserto del Namib sovrasta in gran parte le coste del paese. Per chi sta organizzando un viaggio in Namibia, è imperativo andare a visitare la Duna 45, la cui ascesa nel mare della Namibia è un must. Risalendo il litorale verso Nord, incontriamo la Skeleton Coast, il cui nome deriva dai relitti di navi che giacciono sui suoi arenili e alla presenza di numerose carcasse di cetacei. Diversamente dal resto della costa questo tratto è caratterizzato da cromature grigiastre, che rendono questo tratto di mare in Namibia inquietante e al contempo le danno un fascino cupo e misterioso. Nella zona sud del litorale, sul mare della Namibia si affaccia la Costa dei Diamanti, così soprannominata per la presenza di miniere marine di diamanti che si estendono lungo i 1400 m della costa.

  • Il deserto orientale, verso oriente gli altopiani centrali pian piano si digradano fino a fondersi col deserto del Kalahari.

  • Il Dito di Caprivi, una striscia sottile di terra, che a differenza del resto del territorio della Namibia è ricca di bacini acquiferi, grazie al perenne fluire del fiume Zambesi nel territorio. Questa regione fu oggetto di negoziazioni, sul finire del XIX secolo, tra la Gran Bretagna e la colonia tedesca dell’Africa Tedesca del Sud-Ovest (l’attuale Namibia), al fine di concedere una connessione fluviale alla colonia tedesca di Tanganica, oggi nota come Tanzania.
La Namibia è stata per molto tempo territorio coloniale, ha ottenuto l’indipendenza soltanto nel 1990. La Namibia fu infatti prima colonia tedesca e successivamente del Sudafrica. La prima forma di civiltà si dice sia stata quella dei San (noti come Boscimani), i quali sono anche il popolo più antico del mondo. La presenza del Deserto di Namib fu per molto tempo d’ostacolo agli esploratori del vecchio continente. I primi viaggiatori, mercanti, cacciatori riuscirono a raggiungere via mare la Namibia soltanto nel XVI secolo. Dapprima esploratori portoghesi che nel tempo vennero soppiantati dagli olandesi. Al calare del  XIX secolo, il Regno Unito prese possesso della zona di Walvis Bay, allo scopo di isolare le ambizioni tedesche di espansione nell’area, e assicurarsi anche un punto di scalo strategico. Successivamente il mercante tedesco Adolf Lüderitz acquistò, da un sovrano locale, una parte di territorio nella zona di Angra Pequena (la città di Lüderitz e la costa adiacente devono a lui il loro nome); ponendo l’area sotto la protezione dell’Impero tedesco a prevenzione di un’eventuale invasione britannica. L’impero tedesco, in seguito, con il Trattato di Helgoland-Zanzibar tra la Gran Bretagna e la Germania, prese possesso della regione nota come il Dito di Caprivi, la quale era un punto strategico delle rotte commerciali del tempo.

Purtroppo la popolazione di colore non era tutelata dalle autorità del luogo, e nel tempo si vennero a creare situazioni di tensione che sfociarono nella Rivolta Ottentotta. Le guerre però spinsero il paese verso un regime ancora più tirannico, in cui il “lavoro forzato” era paragonabile alla schiavitù e dove iniziarono a delinearsi le prime stratificazione della società su base razziale.

Al calar della prima guerra mondiale. La Germania uscita sconfitta dal conflitto perse il suo potere sul territorio della Namibia. La Namibia venne annessa alle colonie britanniche e amministrata per conto della Gran Bretagna dal governo dell’Unione Sudafricana.

Solo negli anni 60 del novecento si intravedono le prime pressioni internazionali per l’indipendenza delle colonie africane. Nel 1966, l’organizzazione indipendentista di ispirazione marxista SWAPO (South-West Africa People’s Organisation) inizio un’azione di guerriglia che sfocio vent’anni dopo nella Guerra di indipendenza della Namibia.

Finalmente, il 21 marzo del 1990 la Namibia viene proclamata indipendente, e Sam Nujoma della SWAPO ne divenne il primo Presidente. L’attuale capitale della Namibia è Windhoek. 

Quando andare in Namibia

Nel decidere quando andar in Namibia dobbiamo tenere conto del fatto che il clima della Namibia va dal desertico al subtropicale, di solito caldo e asciutto, e le precipitazioni sono scarse e variabili. La Namibia è un paese arido. L’aridità del clima deriva dalle fredde correnti del Benguela che provoca la condensazione del vapore acqueo in Namibia sul mare, portando così sulla costa aria secca.
Il clima in Namibia presenta stagioni invertite rispetto al nostro. Pertanto, il periodo più caldo e umido in Namibia lo si ha in inverno, con temperature fra i 20 e i 34°C durante il giorno.. Nella zona costiera del deserto del Namib, durante questo periodo il clima è desertico con scarsità di precipitazioni. Fortunatamente le temperature non sono mai eccessive, grazie alle correnti fredde provenienti dall’oceano atlantico. Nelle zone interne le temperature salgono durante il giorno e soprattutto nel periodo delle grandi piogge, tra gennaio e febbraio.
Nei mesi invernali, quindi tra giugno e settembre, le temperature variano dai 18 ai 25°C il giorno, durante la notte invece le temperature scendono anche sotto lo zero. 

Quando andare in Namibia? Il periodo migliore per un viaggio in Namibia è quello da marzo a novembre per chi è temerario di fronte le alte temperature, e quello da maggio ad agosto per chi predilige un clima più fresco soprattutto nelle ore serali.
Nella scelta di quando andare in Namibia bisogna tenere in considerazione anche le zone e le attrazioni di cui vogliamo godere.

Un viaggio in Namibia da dicembre a marzo, anche se le precipitazioni sono molto intense, ti permetterà di godere della Namibia in fiore. Inoltre il 21 marzo è festa nazionale, l’Independence Day e potrai assistere ai festeggiamenti, tra parate e competizioni sportive. Sempre nel mese di marzo, ti consigliamo un viaggio a Windhoek, la capitale della Namibia, per assistere al Mbapira/Enjando Street Festival. Durante questo evento le vie della capitale si animano con ballerini, musicisti e la popolazione del luogo sfoggia gli abiti tradizionali.


Un viaggio in Namibia ad aprile e novembre ti permetterà di goderti la località evitando la massa enorme di turisti che di solito si riversa nella regione durante il resto dell’anno. A fine aprile la capitale della Namibia si colora d’allegria e divertimento con i festeggiamenti del Carnevale. 

Un viaggio in Namibia da maggio a ottobre, la stagione secca, ti permetterà di visitare i parchi nazionali e godere di incantevoli safari. Inoltre se sei appassionato di sport estremi, nella regione di Swakopmund potrai praticare sport quali il sandboard, il surf e il paracadutismo. Inoltre essendo una ex colonia tedesca a fine ottobre non può mancare il classico Oktoberfest, fiumi di birra in arrivo per compensare la siccità del territorio nel periodo.

Andare in Namibia a Gennaio

3stelle

Andare in Namibia a Febbraio

3stelle

Andare in Namibia a Marzo

4stelle

Andare in Namibia a Aprile

5stelle

Andare in Namibia a Maggio

5stelle

Andare in Namibia a Giugno

5stelle

Andare in Namibia a Luglio

5stelle

Andare in Namibia a Agosto

5stelle

Andare in Namibia a Settembre

5stelle

Andare in Namibia a Ottobre

5stelle

Andare in Namibia a Novembre

4stelle

Andare in Namibia a Dicembre

3stelle

I viaggi in Namibia di Rolling Pandas

Guarda alcuni dei nostri viaggi migliori in Namibia

Cosa vedere in Namibia

Nell’organizzare un viaggio in Namibia, dobbiamo decidere le località, cosa vedere in Namibia una volta arrivati. Nella nostra Top Experience sul cosa vedere in Namibia vi sono:

  • Sossusvlei
  • Il Fish River Canyon
  • La città di Lüderitz
  • La Skeleton Coast

Sossusvlei, un Dalì che prende forma

Nell’organizzare un viaggio in Namibia, è imperativo fare una tappa a Sossusvlei il cui paesaggio è in costante cambiamento. Ciò è dovuto ai venti che alterano il volto delle dune e al riflesso della luce sulla sabbia, durante l’arco della giornata, che ne varia la cromatura, raggiungendo il picco massimo della loro brillantezza subito dopo il tramonto. A Sossusvlei si giunge tramite Sesriem, nota come Le Sei Lingue (il numero di cinghie di cuoio del carro dei buoi, necessari per attingere acqua dal fondo della gola vicina). La regione ospita una depressione di sabbia candida, Deadvlei, che in passato era un’oasi di acacie. In seguito, il fiume che dava vita all’oasi mutò il proprio percorso a causa dello spostamento delle dune. Ciò ha dato vita all’elemento più caratteristico di Deadvlei (letteralmente, il “vlei morto”),  un grande numero di alberi morti di acacia, che hanno assunto col tempo un colore molto scuro che contrasta col candore del suolo e l’arancione delle dune. Osservando il paesaggio sembra di trovarsi catapultati in un Dalì originale.

Il Fish River Canyon, fascino dai tanti volti

Il Canyon misura 160 Km in lunghezza, 27 Km in larghezza e  550 m in profondità. La prospettiva migliore di questo strabiliante Canyon di origine tellurica è quella della monumentale scalata di 5 giorni che ti permette di percorrere metà della lunghezza del canyon. Questa scalata parte da Hobas fino a Ai-Ais, dove ti attende un resort con terme di acqua calda. A causa del caldo e delle alluvioni improvvise nella stagione estiva, il percorso è accessibile solo dal 15 aprile al 15 settembre. 

La leggenda vuole che durante la Prima Guerra Mondiale, 2 prigionieri tedeschi si nascosero alle Sulphur Springs, le terme di zolfo, per sfuggire alla cattura. Uno sembrava soffrire di asma, mentre l’altro di cancro alla pelle, ma grazie ai poteri guaritivi delle terme, entrambi furono curati.

Luderitz, surreale opera tedesca di art nouveau

La città si trova ad essere la farcitura di un sandwich, tra il Deserto del Namib e il litorale costiero in balia dei venti del sud dell’Atlantico. La città è una reliquia coloniale tedesca, che sembra non essere stata in alcun modo toccata dalle influenze del XXI secolo. Luderitz ricorda un po’ i piccoli villaggi bavaresi del vecchio continente, con le sue chiese, panifici e cafè. La cittadina sembra vivere in una sorta di distorsione temporale, che le dà un tocco di oscurità da un lato e un certo charm dall’altro. È certo che Luderitz è il paese più assurdo dell’Africa.

Skeleton Coast, le sabbie dell’Inferno

I primi coloni portoghesi soprannominarono questa località costiera As Areias do Inferno (letteralmente Le Sabbie dell’Inferno), perché una volta che una nave veniva trascinata a riva, il destino della ciurma era segnato. È una regione nebbiosa, in cui sono presenti delle secche di sabbia bianca e roccia sulla quale giacciono vecchi relitti e scheletri di balene. La Skeleton Coast per la sua conformazione ha una sorta di fascino cupo e misterioso a cui non puoi resistere. 

viaggio in namibia

Informazioni utili per un viaggio in Namibia

Lingua & Religione

Nonostante l’inglese sia la lingua ufficiale del paese, solo per il 6% della popolazione bianca è lingua madre. Sono l’afrikaans (60%), il tedesco (32%) e l’oshiwambo le lingue riconosciute e parlate nella regione. 

La religione diffuse su tutto il territorio è quella cristiana, soprattutto luterana. Nella capitale della Namibia, Windhoek è presente una piccola comunità di musulmani.

Fuso Orario

Il fuso orario adottato in Namibia è l’UTC +2. Rispetto all’Italia è 1 ora avanti.

Untitled-1

Valuta

La divisa ufficiale è il Dollaro Namibiano. È diviso in 100 centesimi.

Si usa anche il Rand sud africano, che in Namibia è stato rimpiazzato come moneta legale dal dollaro namibiano. Il Rand continua ad essere comunque usato perché è la moneta ufficiale del Sudafrica e può essere scambiato localmente allo stesso valore.

dollaro namibia

Visti

Ai visitatori è richiesto un passaporto valido per almeno 6 mesi dopo la data di ingresso in Namibia. Il visto è obbligatorio solo per soggiorni superiori ai 90 giorni.

Vaccini

Si consiglia: 

L’adozione delle necessarie misure igienico-sanitarie;

Sottoporsi, previo parere medico, ad una terapia antimalarica nella stagione estiva (novembre-marzo) se ci si reca nelle regioni settentrionali del Paese.

Trasporti

La Namibia ha buoni collegamenti aerei ma anche molto costosi. 

Il servizio di autobus è limitato ad alcune vetture di lusso che collegano Windhoek a Città del Capo e a Johannesburg.

La Ferrovia Trans-Namib  offre servizi di collegamento tra le città principali a prezzi ragionevoli.

Il modo più semplice per visitare la Namibia è il noleggio di un’auto. Ma bisogna tenere conto del fatto che le tariffe sono piuttosto alte e nella spesa va anche considerato il costo del carburante per coprire le lunghe distanze.

La soluzione più economica è unirsi alle escursioni organizzate.


Se ti piace la Namibia dai un'occhiata anche a

Ecco i Paesi in cui ti possiamo portare

  • Canada
  • Caraibi
  • USA
  • Costa Rica
  • Honduras
  • Messico
  • Argentina
  • Brasile
  • Cile
  • Perù
  • Inghilterra
  • Islanda
  • Italia
  • Spagna
  • Egitto
  • Kenya
  • Marocco
  • Sudafrica
  • Dubai
  • Giordania
  • Israele
  • Oman
  • Cina
  • Giappone
  • India
  • Thailandia
  • Australia
  • Isole Fiji
  • Nuova Zelanda
  • Polinesia

Condividi questa pagina con i tuoi amici

keyboard_arrow_up