Turisti per caso: My Modena Diary

Condividi questo articolo con i tuoi amici

Turisti per Caso: My Modena Diary Blog

Abbiamo intervistato oggi Stefania, autrice del destination blog My Modena Diary, che ci ha raccontato della sua passione per i viaggi, delle sue mete preferite e di ciò che pensa del turismo sostenibile.

Raccontaci un po’ di te, com’è nata l’idea per il tuo blog?

Mi chiamo Stefania Fregni e sono consulente di comunicazione e blogger. Lavoro nel campo della comunicazione da circa quindici anni, ormai, e avvicinarmi al mondo del digitale è stato un percorso naturale. Quello che mi ha appassionato fin da subito è stata la creazione di contenuti, testuali e d’immagine, quindi l’idea di creare un mio blog su cui poterli raccogliere e poi condividere è stata, anche in questo caso, una scelta che mi è venuta spontanea. Il primo blog che ho creato è il mio personale/professionale dove oltre a presentarmi, descrivo il mio lavoro, scrivo di contenuti che riguardano il digitale, applicati al Travel e al Food & Beverage, due settori di cui mi occupo, e racconto le mie esperienze di viaggio. Il secondo progetto, invece, cui da due anni sto dedicando anima e cuore si chiama My Modena Diary e non è proprio un travel blog, piuttosto credo sia stato uno dei primi “destination blog” dedicato a una città italiana, Modena, la mia città. Un progetto che mi sta portando diverse soddisfazioni! Molto seguito e conosciuto, My Modena Diary mi sta offrendo in primis l’opportunità di raccontare e far conoscere la mia città, poi di essere riconosciuta come “voce narrante” locale e, infine, di realizzare e sviluppare progetti affini, come, al momento, un e-commerce.

 

Preferisci viaggiare in Italia o nel resto del mondo?

Per quanto riguarda i viaggi, da sempre una mia grande passione, solitamente preferisco farli scegliendo mete diverse dall’Italia. L’idea di “staccare” completamente con le abitudini che conosco (cibo, lingua, usi e costumi in generale) e di confrontarmi con realtà a volte anche molto diverse dalla nostra, è per me parte dell’essenza stessa di un viaggio. Devo, però, dire che negli ultimi anni, soprattutto, da quando ho aperto il blog sulla mia città, ho capito veramente cosa vuol dire guardare ciò che ci circonda e a cui siamo abituati sempre con occhi nuovi. L’Italia è un paese meraviglioso, ricco di un’infinità di luoghi da vedere e vivere: ho in programma quindi di dedicare tempo anche a queste scoperte!

 

Qual è la tua meta preferita? Perché? Ci sei stata più volte?

Credo di avere un’attrazione speciale per gli Stati Uniti, in particolare per la California, una terra magica, dinamica, in cui tutto sembra possibile. Per diversi motivi, dovuti, credo, anche al destino, mi è capitato di andarci ormai 4 volte. Solitamente tendo a non tornare in un luogo, per non precludermi la possibilità di vederne altri, ma se mi diceste che c’è la possibilità di partire domani per la California non esiterei un secondo!

 

Cosa ne pensi del turismo sostenibile?

Non posso pensarne altro che bene! “Rispetto” è una grande parola, che dovrebbe davvero essere sempre più riconsiderata parte integrante nel nostro modo di comportarci, ovunque. Per quanto riguarda il turismo, rispettare i luoghi che si visitano e le persone che s’incontrano, è fondamentale, non solo come “forma mentis” quando s’intraprende un viaggio ma anche come chiave per entrare in contatto con l’assoluta autenticità di quel luogo.

Preferisci viaggiare da sola o in gruppo?

Mi piace viaggiare in piccoli gruppi, due credo sia il numero perfetto 😉

 

 

Qual è secondo te il significato del viaggio?

Per me il concetto del “viaggiare” racchiude in sé svariati significati, anche molto profondi. Primo fra tutti, un viaggio implica sempre una crescita personale. Qualunque sia il luogo che si visita, quell’esperienza ci restituirà qualcosa che ci renderà diversi, anche solo per il fatto di averla compiuta. Una crescita, poi, porta con sé una diversa consapevolezza sia di sé sia del mondo che ci circonda. Viaggiare significa evolvere, cambiare, esperire, vivere intensamente ciò che la vita ci sta offrendo, andando oltre la stanchezza, oltre a qualsiasi imprevisto, oltre a tutto quello che magari nella quotidianità riuscirebbe a trattenerci.

Ringraziamo ancora Stefania per questa bellissima intervista. Vi ricordiamo che potete trovare il suo blog qui

 

Sei un viaggiatore? Vuoi provare a viaggiare e vivere le stesse esperienze di Stefania?

Registrati subito!

Condividi questo articolo con i tuoi amici

mood_bad
  • Non ci sono commenti
  • chat
    Aggiungi un commento
    keyboard_arrow_up