Turisti per caso: l’Orsa nel Carro

Turisti per caso: l’Orsa nel Carro Travel Blog

Abbiamo intervistato oggi Daniela, autrice de l’Orsa nel Carro Travel Blog, che ci ha raccontato delle sue esperienze di viaggio, tra cui il viaggio più strano che abbia mai fatto, di cosa pensa del turismo di massa e di cosa mangia di solito quando viaggia.

Parlaci un po’ di te e del tuo blog.

Mi chiamo Daniela ma ormai per tutti sono “Orsa”. Non ricordo esattamente il momento in cui i miei amici e colleghi blogger hanno cominciato a chiamarmi così ma ormai mi ci sono affezionata. Nella vita sono una ghostwriter e proofreader freelance. Non poche volte mi è capitato di scrivere contenuti in tema travel per noti magazine e testate online cedendone i diritti. Così un po’ per rivalsa ho deciso di aprire il mio spazio personale dapprima su Blogspot, poi su WordPress e infine su hosting privato. L’Orsa Nel Carro raccoglie le mie personalissime esperienze di viaggio, mi piace raccontare di mete low cost fuori dai soliti itinerari turistici. Nel tempo grazie al blog ho acquisito credibilità, fiducia ed esperienza tali da portarmi a piccole e grandi collaborazioni con Enti e Brand.

Pensi ci sia differenza tra turisti e viaggiatori?

Una volta si, ora a dirla tutta questa cosa di distinguere il turista dal viaggiatore mi urta tantissimo. E’ una scuola di pensiero ormai sdoganata, vecchia e spocchiosa. E poi grazie al nostro lavoro di travel blogger il “turista” si sta lentamente estinguendo. Li stiamo educando ad essere dei bravi viaggiatori!

Qual è il viaggio più strano che tu abbia mai fatto? Perché?

Viaggi strani mai però per due volte mi sono lasciata andare ad una di quelle zingarate anni’80. Ore 8:00 colazione con sfogliatella all’aeroporto di Napoli. Ore 13:00 pranzo fra le calli di Venezia. Ore 20:00 cena a Napoli con pizza margherita.

Cosa ne pensi del turismo di massa?

Non ci penso affatto. Sarà la saggezza dell’età che avanza, sarà che il viaggio mi mette in uno stato di grazia totale o sarà semplicemente che evito le destinazioni con troppa gente.

Che cosa mangi in viaggio di solito?

Di tutto, basta che sia cibo local. Però ho una specie di tradizione in viaggio. La sera prima del volo o comunque il pasto che precede il rientro a casa lo consumo all’insegna del cibo italiano. Una pizza o un piatto di pasta per una sorta di decompressione da cibo estero. Non c’è nulla da fare: per quanto abbia mangiato sempre bene in viaggio, la cucina italiana è sempre il top.

Quali sono i tuoi compagni inseparabili durante un viaggio?

Smartphone (non uso la Reflex) e federa personale per il cuscino…come si dice, ci metto la faccia!

 

Ringraziamo ancora Daniela per questa bellissima intervista. Vi ricordiamo che potete trovare il suo blog qui

Sei un viaggiatore? Vuoi provare a viaggiare e vivere le stesse esperienze di Daniela?

Registrati subito!

Condividi questo articolo con i tuoi amici

Come funziona Rolling Pandas?

req

Crea il tuo viaggio

  • Viaggia in tutto il mondo
  • Scopri 1000+ tour organizzati
  • Più di 200 partner scelti con cura
prev

Ricevi il preventivo

  • Manda la tua richiesta senza impegno
  • Ricevi il preventivo da un esperto locale
  • Prenota con un clic
go

Parti in sicurezza

  • Piattaforma per pagamenti sicuri
  • Utilizzato da centinaia di viaggiatori
  • Opzioni di pagamento flessibili

Vuoi fare un viaggio su misura? Scrivici!

mood_bad
  • Non ci sono commenti
  • chat
    Aggiungi un commento
    keyboard_arrow_up