Turisti per caso: in viaggio con una Famiglia in Fuga

Turisti per caso: Famiglia in Fuga

Abbiamo intervistato oggi Michele, uno degli autori del travel blog Famiglia in Fuga, che ci ha raccontato di come è nata l’idea per questo progetto, delle esperienze di viaggio della sua famiglia e di quello che ti succede se passi sotto un metal detector all’aeroporto di Nairobi.

 

Parlateci un po’ di voi. Come è nata l’idea per il vostro blog?

Ciao! Siamo papà Michele, mamma Chiara, Alessia e Gabriele e siamo una famiglia in fuga! In fuga dalla vita quotidiana, dallo stress del lavoro e per dimenticare i problemi. Ogni momento è buono per partire, in aereo, auto, nave o camper non importa, a noi basta viaggiare e scoprire nuovi luoghi, conoscere nuove culture ed assaggiare nuovi piatti! Ogni viaggio torniamo sempre più ricchi dentro ed abbiamo voglia di raccontare le nostre avventure al mondo intero. Famiglia in Fuga è nato nell’estate del 2017 quando i medici hanno diagnosticato una malattia rara al piccolo Gabriele, la sindrome di Helers Danlos. Dopo aver metabolizzato in parte il colpo che la vita ci ha voluto infliggere, abbiamo deciso che i nostri figli avrebbero viaggiato e conosciuto il mondo insieme a noi. Da quel momento abbiamo anche deciso di raccontare le nostre avventure in giro per il mondo lasciando un segno indelebile per tutte le persone che ci vogliono bene e che ci seguono.

 

Qual è il posto migliore in cui siete mai stati? Perché?

Il posto migliore è quello dove ancora non siamo stati! Per noi ogni viaggio è il migliore, ma se devo dirti se c’è un posto che più ci è piaciuto, possiamo sicuramente dirti il Madagascar. Un posto meraviglioso per la natura, per il bellissimo mare, per i colori e per la gente.

 

Come influisce l’avere con voi dei figli sui vostri viaggi?

Viaggiamo con loro e per loro, in ogni viaggio cerchiamo di inserire anche attrazioni che possano piacere ai bambini, in particolare al piccolo.

 

Avete mai stretto relazioni importanti durante i vostri viaggi?

In tutti i nostri viaggi abbiamo costruito relazioni più o meno importanti, ci sono famiglie con cui abbiamo viaggiato oltre dieci anni fa e ci sentiamo spesso anche se abitiamo a mille chilometri di distanza.

Cosa ne pensate del turismo sostenibile?

Siamo favorevoli ad un turismo che rispetti i diritti e la culture delle popolazioni ospitanti, rispetti l’ambiente in modo da favorire la migliore convivenza possibile tra l’uomo e la natura.

 

 

Raccontateci un aneddoto di un vostro viaggio

Ne abbiamo molti, ma sicuramente il più divertente è quando l’addetto alla sicurezza dell’aeroporto di Nairobi mi ha fatto spogliare fino a rimanere in mutande perché non credeva che avessi una placca nella gamba che faceva suonare il Metal detector, tutto questo mentre la gente rideva compreso me!

 

Ringraziamo ancora Michele, Chiara, Alessia e Gabriele per questa bellissima intervista. Vi ricordiamo che potete trovare il loro blog qui

Sei un viaggiatore? Vuoi provare a viaggiare e vivere le stesse esperienze di Michele e la sua famiglia?

Registrati subito!

Condividi questo articolo con i tuoi amici

Come funziona Rolling Pandas?

req

Crea il tuo viaggio

  • Viaggia in tutto il mondo
  • Scopri 1000+ tour organizzati
  • Più di 200 partner scelti con cura
prev

Ricevi il preventivo

  • Manda la tua richiesta senza impegno
  • Ricevi il preventivo da un esperto locale
  • Prenota con un clic
go

Parti in sicurezza

  • Piattaforma per pagamenti sicuri
  • Utilizzato da centinaia di viaggiatori
  • Opzioni di pagamento flessibili

Vuoi fare un viaggio su misura? Scrivici!

mood_bad
  • Non ci sono commenti
  • chat
    Aggiungi un commento
    keyboard_arrow_up