Turisti per caso: in Viaggio con Giorni Rubati

Turisti per caso: Giorni Rubati

Abbiamo intervistato oggi Elena, autrice del travel blog Giorni Rubati che ci ha raccontato di come è nata l’idea per questo progetto, di come sceglie le sue mete di solito e di che preparativi fa prima di partire per un viaggio.

Raccontaci un po’ di te e del tuo blog

Il mio blog è nato nel 2012. Si trattava di un periodo strano, in cui avevo bisogno di trovare un cantuccio tutto per me dove mettere a posto i miei pensieri. Viaggiare mi fa stare bene, mi dà una spinta creativa, un’energia che poche altre attività mi danno. Quando mi sono accorta che quello che facevo non era così scontato, spronata dal mio compagno (oggi marito), con un po’ di timore, ho aperto il blog. Ho cercato di condividere con il mondo la mia filosofia di viaggio: l’attitudine alla scoperta, non solo verso mete esotiche, ma anche vicino a casa, il bisogno di imparare e conoscere sempre qualcosa di nuovo amando le diverse espressioni della cultura nel mondo. Da qualche anno sono diventata mamma ( 2 volte) e quindi il blog si è un po’ ammorbidito, ma non smetto mai di curiosare nel mondo e spero di trasmettere questa istruttiva “febbre di viaggio” ai miei piccoli.

 

 

Come scegli le tue mete di solito?

Sembrerà strano, ma per un viaggiatore incallito come me è molto difficile scegliere una meta… Perché vorresti vedere tutto! Molto spesso mi faccio guidare da una suggestione: una foto o un racconto che ho letto e che mi mettono voglia di approfondire. Poi, certo, mi aiutano le offerte sui voli o altre opportunità allettanti dal punto di vista economico.

Quali sono i preparativi che fai di solito prima di un viaggio?

Cerco di documentarmi il più possibile leggendo varie guide turistiche, blog, e riviste di viaggio. Nei preparativi veri e propri, a parte controllare che la documentazione sia a posto, sono un po’ da ultimo minuto. Tiro giù una check list di ciò che mi serve e cerco di seguirla. Sicuramente, ora che ho i bambini, il tempo per fare le valigie si è molto dilatato e per loro faccio sicuramente più attenzione, ma come mi disse un amico, ti servono solo 2 cose “portafoglio e documenti”. A dire il vero, se posso, mi concedo un piccolo vezzo: vado dalla parrucchiera qualche giorno prima della partenza! Può sembrare stupido, ma visto che di solito finisco il viaggio assomigliando a un porcospino, dare un bel taglio e avere una messa in piega prima di partire mi assicurano di avere un minimo di foto decenti (naturalmente parliamo di viaggi lunghi).

 

 

Cosa ne pensi del turismo di massa? Sfruttamento o risorsa?

Non credo nelle divisioni nette. Il turismo in generale ha sempre un volto bifronte: da una parte può essere un volano di crescita dei territori che tocca, dall’altro porta quasi sempre con sé uno snaturamento, l’abbandono di altre forme di sostentamento  con tutto quello che ne consegue e una mercificazione violenta di ogni aspetto tradizionale. Alle volte però contribuisce ad accendere i riflettori su realtà dimenticate, a far sì che il mondo se ne innamori e lotti per la loro sopravvivenza. Sicuramente credo che sia deleterio il turismo “formicaio” quello cioè che arriva, divora tutto in pochi minuti e se ne va, dopo aver sconquassato ambiente e persone. Per questo sono importanti le strategie di destagionalizzazione, la tutela dei sistemi ambientali fragili, le nuove forme di turismo sostenibile. Alle volte anche scelte che sembrano di poco conto possono fare la differenza. Io, ad esempio, scelgo di muovermi in bassa stagione o addirittura fuori stagione: già solo questo fatto può contribuire a spalmare i flussi turistici su un periodo più ampio, abbassando la pressione che investe certi luoghi durante il picco.

 

 

Quale legame c’è tra viaggi e cultura secondo te?

Beh… per me la cultura è tutto. Anche quando non ci si pensa, si crea cultura. Non solo: se io vado in montagna e cammino in paesaggi mozzafiato al cospetto della natura, in realtà sto calcando le orme di qualcun altro; carbonai, contadini, viandanti coloro che hanno contribuito a modellare la fisionomia di quel paesaggio. Se c’è di mezzo l’uomo, c’è di mezzo la cultura. Se poi intendi se considero la cultura un buon motivo per partire, diciamo che il 90% dei miei viaggi e a spinta culturale. Viaggiare è un atto di cultura.

 

 

Preferisci viaggiare in Italia o nel resto del mondo?

Di solito non mi importa, mi basta scoprire qualcosa di nuovo, ma devo ammettere che ogni tanto l”esterite” si fa sentire.

Raccontaci un aneddoto di uno dei tuoi viaggi

Io e mio marito ci dovevamo spostare da Chindenguele a  Maputo in Mozambico e, contrariamente a quello che tutti ci avevamo consigliato, abbiamo deciso di affidarci al trasporto in chapa: si tratta di furgoncini, pick.up, ogni tipo di mezzo possibile riadattati al trasporto di persone che vanno dappertutto su e giù per il Paese. Ci si sta stipati come sardine perché, finché c’è spazio, ti strizzano ancora un po’ e entra gente: bagagli compresi Gli altri passeggeri ci guardavano un po’ straniti, si vedeva che non erano abituati ai turisti. Il guidatore aveva messo il nostro zaino sul retro, insieme a moltissima altra roba. A un certo punto sentiamo un tonfo sordo: il nostro zaino era rotolato giù dal furgone! Tutti si sono messi a urlare al guidatore facendolo fermare e poi siamo scesi insieme a recuperare lo zaino tra le risate generali… avevamo rotto il ghiaccio!

Ringraziamo ancora Elena per questa bellissima intervista. Vi ricordiamo che potete trovare il suo blog qui

Sei un viaggiatore? Vuoi provare a viaggiare e vivere le stesse esperienze di Elena?

Registrati subito!

Condividi questo articolo con i tuoi amici

Come funziona Rolling Pandas?

req

Crea il tuo viaggio

  • Viaggia in tutto il mondo
  • Scopri 1000+ tour organizzati
  • Più di 200 partner scelti con cura
prev

Ricevi il preventivo

  • Manda la tua richiesta senza impegno
  • Ricevi il preventivo da un esperto locale
  • Prenota con un clic
go

Parti in sicurezza

  • Piattaforma per pagamenti sicuri
  • Utilizzato da centinaia di viaggiatori
  • Opzioni di pagamento flessibili

Vuoi fare un viaggio su misura? Scrivici!

mood_bad
  • Non ci sono commenti
  • chat
    Aggiungi un commento
    keyboard_arrow_up