La voce di Aurora: Capo Verde

Condividi questo articolo

Oggi abbiamo avuto il piacere di intervistare Aurora, una studentessa di 22 anni che qualche tempo fa è stata a Capo Verde e ha voluto condividere con noi la sua esperienza.

Raccontaci la tua esperienza a Capo Verde

Più che esperienza la definirei una vera e propria avventura! Tutto è iniziato circa un mese prima della partenza, con una chiamata della mia migliore amica: “Lola, a luglio partiamo per Capo Verde”, e come avrei potuto dire di no?

L’idea era quella di raggiungere un gruppo di nostri amici sull’Isola di Sal, dopo che loro avrebbero girato il Senegal. L’organizzazione non è sicuramente il nostro punto forte, ma, dopo un certo numero di incontri e kg di gelato per ispirarci, l’itinerario e le prenotazioni erano pronte, una settimana dopo mi sarei ritrovata sulle spiagge dorate di Capo Verde, non vedevo l’ora!

Dopo 7 ore di viaggio in aereo siamo atterrate all’aeroporto di Sal e, fin dal primo momento, abbiamo respirato la vitalità e la spensieratezza dei capoverdiani e anche noi siamo entrate subito nello spirito “Capo Verde No Stress”. Lunghe spiagge dorate, mare di un azzurro cristallino, barche di pescatori in arrivo ogni mattina con kg di pesce fresco in vendita sul molo, tramonti mozzafiato e tanto, tanto surf! 

Spostandoci dal paese principale, Sal, abbiamo avuto l’occasione di visitare dei luoghi e vivere esperienze che non mi sarei mai immaginata, come assistere a un miraggio in mezzo al deserto, mangiare la Cachupa in un “ristorante” locale durante la pausa pranzo dei lavoratori e essere inseguiti da una mandria di mucche nel bel mezzo del deserto!

Ti è piaciuto? Quali pensi siano stati i punti di forza e di debolezza?

All’inizio mi sono trovata un pochino disorientata perchè, comunque, la cultura africana e totalmente opposta a quella europea e anche il tenore di vita, ma il calore delle persone e la loro cordialità ci hanno fatte sentire subito a casa! Devo ammettere che forse il punto di debolezza dell’isola di Sal è l’essere un luogo molto turistico, soprattutto l’omonima cittadina. Se è la tua prima esperienza in un paese con una cultura molto diversa dalla nostra un viaggio a Sal può essere un buon modo per tentare un primo approccio, ma se sei alla ricerca della vera Capo Verde consiglio di optare per una delle altre isole, più verdi e meno turistiche. 

Consigli per i prossimi viaggiatori?

Il consiglio più grande che vi posso dare è quello di affidarvi in anticipo a un tour operator o un’agenzia locale, soprattutto quando si visitano posti sconosciuti e lontani. In questo caso, soprattutto se la vostra intenzione non è solo un soggiorno mare, ma amate visitare un luogo nella sua interezza, come me. Noi abbiamo organizzato tutto in loco perché non sapevamo quanto fossero stanchi i nostri compagni di viaggio dopo due settimane in giro per il Senegal però abbiamo avuto qualche difficoltà nel reperire la miglior opzione per ogni escursione. Per motivi di comodità abbiamo deciso di noleggiare un’automobile e girare un po’ in balia di noi stessi per le principali attrazioni dell’isola trovandoci in alcune situazioni che, con il senno di poi, non erano delle migliori, come ad esempio perdersi nel mezzo del deserto senza connessione internet o una cartina rischiando di forare una gomma e non poterci più muovere!


Condividi questo articolo

Lascia un commento