Racconti in valigia: Viaggiare significa vivere ed assaporare un luogo

Condividi questo articolo

Oggi il Panda ha il piacere di intervistare Veronica e Abele, travel addicted e autori del blog Viaggi idee camperizzate, nel quale raccontano ai propri lettori delle loro esperienze e dei loro viaggi!. Curiosi di sapere cosa ci hanno raccontato?

Ecco per voi la loro intervista:

Raccontami qualcosa su di te e su come nasce il tuo blog

Siamo Veronica e Abele, insieme da una vita e da sempre campeggiatori. Abbiamo cominciato con una piccola tendina ed un fornellino a gas appoggiato a terra, con tanti sogni nel cassetto e tanta voglia di viaggiare e di scoprire quello che c’era “là fuori”.

Vedevamo arrivare i camper nei campeggi e sognavamo, un giorno, di poterne avere uno.

Abbiamo formato la nostra famiglia e da nove anni viaggiamo in camper con i nostri figli: Flavio di 16 anni e Giulia di 11.

Il nostro blog nasce dal forte desiderio di condividere esperienze con gli altri perchè crediamo fortemente nell’aiuto reciproco. Soprattutto quando si è alle prime armi, può essere utile appoggiarsi alle esperienze altrui e il metodo più immediato e comodo per averle a disposizione è il web.

Il blog poi, ci viene in aiuto laddove la memoria scarseggia: poter avere una traccia dei viaggi effettuati, delle soste e delle cose viste in quel luogo, è utile anche a noi che amiamo ricordare e raccontare i nostri viaggi ad amici e conoscenti e dopo nove anni di viaggi lunghi e weekend è quasi impossibile ricordare ogni dettaglio.

Cosa significa per te viaggiare?

Amo da sempre la geografia, potrei stare ore seduta a studiare una cartina geografica, i percorsi ed i luoghi.

Viaggiare per me significa poter vedere dal vivo quei luoghi, assaporarne gli odori, guardare gli abitanti e osservare come vivono.

Potermi meravigliare davanti alla maestosità di una montagna oppure stupirmi per il lavoro certosino fatto dall’uomo come nel caso della Sagrada Familia di Barcellona.

Siamo persone semplici, non amiamo il lusso e le grandi firme, preferiamo di gran lunga investire i nostri soldi in viaggi ed esperienze che ci arricchiscono culturalmente e ci permettono di fare nuove amicizie.

Viaggiare in camper ti da la possibilità di avere sempre con te la tua casa. Quando apri la porta, ovunque tu sia parcheggiato, sai che ritroverai quel calore, quell’accoglienza, quell’essere a casa che non troveresti in nessun hotel.

Cosa rende un viaggio un’esperienza unica?

Qualcuno un giorno disse che “un viaggio inizia già nella testa prima di partire”.

Ecco io penso che sia proprio così.

Programmare un viaggio ti da la sensazione di essere già là.

Ogni viaggio è unico e irripetibile perchè porta con se emozioni e sensazioni che difficilmente si avrebbero anche tornando nello stesso posto. Essere di fronte ad una spiaggia immensa, ad uno scoglio a picco o ad un possente maniero trecentesco, ti permette di vedere un nuovo pezzettino di mondo, come in un grande puzzle, ogni viaggio aggiunge un tassello e regala ricordi unici.

Qual è la tua destinazione da sogno?

Appena ho letto la domanda, ho pensato a capo nord e alla penisola scandinava, ma in realtà il vero sogno è poter partire per qualche mese senza avere la fretta di tornare. Questo ci darebbe la possibilità di raggiungere posti molto lontani in tutta calma, godendoci ogni tappa.

Per ora programmiamo viaggi più brevi e, sognando più in piccolo, ci piacerebbe moltissimo visitare la Gran Bretagna.

I sogni, se ci credi fino in fondo, si realizzano davvero.

Ne abbiamo le prove!

Grazie Veronica e Abele per aver condiviso con noi la vostra storia!

Vi ricordiamo che, se volete contattare Veronica e Abele o volete seguire le loro avventure, potete trovare il loro blog  qui 

Sei un viaggiatore? Vuoi vive


Condividi questo articolo

Lascia un commento