Racconti in valigia: viaggiare e sperimentare

Condividi questo articolo

Abbiamo intervistato Simona, autrice del blog  Un Facocero In Cucina che ci ha raccontato di sé, delle sue esperienze e delle sue  idee sul mondo travel.

Raccontaci un po’ di te e del tuo blog

mi chiamo Simona, vivo a Milano, sono una sognatrice ed una sperimentatrice: sognatrice perché adoro viaggiare sia con la mente (ho già fatto il giro del mondo almeno 3 volte  ) che con lo zaino in spalla e mio figlio e il mio compagno per mano. Sperimentatrice perché mi piace provare sempre nuove ricette in cucina. Proprio per documentare gli esperimenti “riusciti”, da qualche anno ho un blog di cucina dove pubblico le mie creazioni, la maggior parte semplici e veloci, tutte, rigorosamente, documentate con foto improbabili!!!  

Preferisci viaggiare in Italia o nel resto del mondo?

l’Italia è un paese stupendo e non sono ancora riuscita a visitarlo tutto, ma ammetto che come mete preferisco posti (molto) lontani.

Hai mai stretto relazioni importanti durante uno dei tuoi viaggi?

ho conosciuto 2 dei miei migliori amici durante un viaggio: non ci vediamo spesso, ma ci basta pensare ad una meta, passare mesi e mesi a pianificare l’itinerario perfetto per ritrovare l’intesa ed essere felici insieme!

Tempo fa ho letto questa frase in un libro e l’ho fatta diventare mia: “Ogni viaggio lo vivi tre volte: quando lo sogni, quando lo vivi e quando lo ricordi”.

Quanto è importante per te il legame tra viaggio e cucina?

Con i viaggi si fanno esperienze a 360 gradi: si vedono posti nuovi, si conoscono persone nuove e si entra in contatto con usi, costumi e sapori – a volte – completamente diversi dai nostri. I profumi del cibo rimangono nella mente e ci riportano al posto in cui li abbiamo sentiti la prima volta dandoci la sensazione di essere di nuovo un po’ in vacanza (sono appena tornata dal Marocco e, ogni volta che sento un profumo di spezie, ritorno automaticamente nella medina di Fes e di Marrakech <3 )

Sei un viaggiatore? Vuoi provare a viaggiare e vivere le stesse esperienze di Simona?


Condividi questo articolo

Lascia un commento