Racconti in valigia: viaggiare con bambini? Mission possible!

Condividi questo articolo

Spesso viaggiare con bambini, specialmente se il viaggio è lungo e all’estero, è causa di preoccupazione e stress, emozioni negative che rischiano di rovinare la vacanza. Per questo abbiamo deciso di intervistare Monica, mamma di Luchino, il protagonista di tanti viaggi ed avventure e dell’omonimo blog In giro con Luchino.  Ci ha svelato dei preziosi consigli su come organizzare sia il viaggio che la valigia, ecco a voi:

Raccontaci un pò di te e di come nasce “In giro con Luchino”

Ciao mi chiamo Monica , ho 40 anni e sono brianzola. Sono insegnante di scuola dell’infanzia, amo il mondo dei bambini, la pedagogia e tutto ciò che gravita intorno ad essa. Fin da piccola ho viaggiato parecchio con i miei genitori ,amanti degli “on the road”. Sono stati proprio loro a farmi scoprire molte bellezze italiane ed europee, ma soprattutto mi hanno trasmesso la passione per la scoperta.

Da 23 anni condivido la vita e l’amore per i viaggi con mio marito Marco. Abbiamo negli anni visitato molta Europa, girato le Alpi in moto, conosciuto capitali e sperimentato i viaggi a lungo raggio. Dai Caraibi all’America centrale ,al mio adorato sud-est asiatico.

Tante esperienze di viaggio fino a quello più emozionante, che ci ha cambiato la vita: diventare genitori di Luca, Luchino, il nostro monello ora seienne. Luca si è subito rivelato un piccolo viaggiatore ed un piccolo esploratore :ama camminare in montagna e fare lunghe passeggiate in bici. Lo scorso anno ho aperto la pagina Facebook e l’account Instagram chiamandoli “In giro con Luchino”. In essi ho raccontato i nostri viaggi, le nostre escursioni e le attività a misura di bambino che facevamo. In breve tempo le persone che ci seguivano sono via via aumentate ,fino a farmi convincere dalla mia amica Stefania, blogger ,ad aprire proprio un mio blog . Da allora abbiamo un discreto pubblico di “amici di Luchino “che seguono le nostre avventure. Abbiamo festeggiato lo scorso Maggio un anno di blog e siamo molto felici di coltivare questa nuova passione .

Nel nostro diario potete trovare le esperienze di viaggio ,ma anche recensioni di hotel e tips di viaggio.

Come trovare un alloggio Family Friendly? Quali sono i criteri che controllate prima di prenotare?

Quando viaggiamo optiamo per alloggiare in hotel o appartamenti ;entrambe le soluzioni devono rispondere ad alcuni criteri. La nostra ricerca parte sempre da internet e dalle recensioni degli altri viaggiatori

Per noi ,quando Luchino era piccolo ,era essenziale avere un Family Hotel che ci facilitasse nelle routine. Ad esempio avere lo spazio pappa per preparare il pasto ai piccoli, avere uno spazio per il cambio nelle aree comuni o un’area gioco dedicata a loro.  In camera era per noi necessario avere a disposizione un lettino perché Luca non ha mai dormito nel lettone;per questo motivo la camera doveva essere un po’ più spaziosa di una normale matrimoniale.

Inoltre l’hotel doveva essere accessibile al passeggino in ogni sua parte. Quando i bimbi iniziano a crescere per alcune famiglie diventa indispensabile il baby club.

Per noi non è necessario, ma un po’ di intrattenimento serale non lo disdegnamo mai ,come baby dance, truccabimbi o spettacolini. Quello che invece crediamo essere essenziale ora è che la location sia vicino alle spiagge, in caso di vacanza al mare, e che l’hotel disponga di piscina per un tuffo al rientro dalle escursioni.

A volte può servire il wi-fi in camera per vedere un cartone animato sul tablet in serata ,nel caso in cui si sia all’estero e non ci sia la TV in italiano.Avere il medico in hotel può essere un plus che non ci dispiace affatto, per scaramanzia e per il famoso “non si sa mai”.

Cosa non può mancare nello zaino, quando si viaggia con bambini, prima di un lungo viaggio aereo?

Da quando viaggiamo in aereo con Luchino (ha preso il primo volo a 10 mesi), abbiamo imparato a portare uno zainetto a lui dedicato come bagaglio a mano.

Cosa portare ?

Innanzitutto bisogna pensare ai bisogni primari dei bambini :da neonati avranno necessità di un cambio completo di vestiti ,di pannolini e quant’altro ,biberon e ciuccio per la pappa o nanna in base all’orario di partenza.

Quando poi i bambini crescono è necessario invece pensare maggiormente al loro intrattenimento . In genere portiamo con noi degli snack ( alcuni più sani ,altri più sfiziosi ) e delle Busy bags.

Cosa sono ?

Si tratta di piccole buste nelle quale selezioniamo giochini, matite e colori per disegnare, stickers ,giornalini  e via discorrendo . A volte il tablet con qualche cartone animato o gioco salva nelle situazioni in cui i bambini sono maggiormente agitati e nervosi. Inoltre in aereo è possibile sgranchirsi le gambe o guardare dal finestrino: un po’ di coccole ed è  già ora dell’atterraggio!

Dal tuo blog, ho visto che hai esperienza in passeggiate con bambini: quale tra queste consiglieresti ai nostri lettori con figli?

Amando parecchio l’outdoor ,appena ci è possibile, ci piace affrontare trekking a misura di bambino .Vivendo in Brianza abbiamo moltissime opportunità a breve distanza o a pochi km da casa.  Le Prealpi Lombarde hanno fatto da cornice a molte nostre camminate nella natura.

Due esempi su tutti .

A Canzo ,in provincia di Como ,si trova fra i boschi il sentiero chiamato” Lo Spirito del Bosco”: esso è costellato da sculture in legno che rappresentano figure fiabesche o mitologiche e vi si trovano buffe indicazioni e un labirinto. Tutto ciò invoglia il bambino a curiosare e a proseguire lungo il sentiero.

Invece ad Abbadia Lariana ,in provincia di Lecco ,si trova la Cascata del Cenghen, un bel percorso tra i boschi che costeggia un ruscello e giunge infine ad una cascata. Inutile dire che i bambini adorano giocare in queste fresche acque.

Grazie Monica per averci raccontato la tua storia e per i tuoi preziosi consigli. Insomma, non ci resta che prenotare il prossimo viaggio!  Se volete maggiori informazioni, tenervi aggiornati sulle loro avventure, curiosare un pò vi lasciamo il link qui.


Condividi questo articolo

Lascia un commento