Racconti in valigia: Viaggiando nelle Bellezza, un blog per apprezzare le meraviglie del mondo

Condividi questo articolo

Oggi il Panda ha il piacere di intervistare Laura e Sara che attraverso il loro blog “Viaggiando nella Bellezza” amano condividere le eccellenze culturali di ogni luogo del mondo.

Raccontami qualcosa su di te e su come nasce il tuo blog

Siamo Laura Corchia e Sara Venturiero, nate a Galatina, in provincia di Lecce, nella lingua di terra lambita da due mari chiamata Salento, l’area geografica più a Sud della Puglia. Dopo aver concluso gli studi in Storia dell’Arte e Conservazione dei Beni Culturali, abbiamo pensato di convertire le nostre conoscenze in qualcosa di moderno, più vicino ai giovani e di più facile utilizzo: quello di divulgare le bellezze del patrimonio artistico e culturale italiano attraverso i canali social. Così è nato il canale RestaurArs che, con nostra estrema gioia, passo dopo passo, ha raggiunto numeri ragguardevoli di followers appassionati. Poco dopo, nel 2016, dalla sua costola, è nato anche Viaggiando nella Bellezza, il cui scopo è quello di permettere a tutti di viaggiare attraverso le meravigliose immagini del nostro pianeta e le righe del nostro blog. Tutto accomunato dell’attenzione verso l’arte, l’architettura, la storia, la cultura e tutte le forme di bellezza sparse per il Mondo. 

Pensi che il viaggio possa essere una buona occasione di arricchimento culturale?

L’uomo è per natura curioso, pronto a scoprire ciò che lo circonda. Al pari di una spugna, è capace di assorbire tutto ciò che il Mondo ha da offrirgli. L’azione del mettersi in viaggio è proprio questo: rendersi disponibile ad accogliere il nuovo. Passando dai paesaggi alle diverse realtà locali, dalle tradizioni del luogo alla loro storia, fino all’enogastronomia ed ai rapporti umani con le popolazioni autoctone. In questo modo gli occhi e l’animo del viaggiatore si arricchiscono di tante piccole tessere coloratissime che formano l’intricato mosaico culturale di ogni essere umano. 

In Italia abbiamo un patrimonio culturale molto ampio, ma non sempre conosciuto, quali pensi siano i luoghi più sottovalutati?

Il patrimonio italiano risulta, ad oggi, un tasto dolente della nostra società: tanto importante quanto bistrattato. In un solo Stato, alquanto piccolo se lo confrontiamo con altre realtà, è racchiuso circa il 75% dei Beni mondiali, nonché quello con il maggior numero di siti patrimonio dell’umanità protetti dall’UNESCO. Un Bene Culturale è a tutti gli effetti la testimonianza di un popolo, della sua crescita, dell’evoluzione storica che esso ha avuto nel tempo. È la concretizzazione dell’identità di una Nazione. Pertanto non può essere dovuto, scontato, minimizzato da coloro che dovrebbero essere i suoi stessi custodi. Credo che le piccole realtà locali debbano avere il giusto riconoscimento, in quanto anch’essi sono parte integrante dell’intero sistema-paese. In questo le iniziative legate al “Borgo più bello d’Italia” sono fondamentali a tal fine. 

Dal punto di vista storico-culturale qual è il viaggio che sogni di fare?

Sarebbe banale affermare che poter avere la possibilità di scoprire il Mondo, in tutte le sue realtà, sia un considerevole arricchimento della cultura personale di ognuno. 
Sara: Se davvero potessi scegliere un luogo specifico, sognato da sempre per innumerevoli ragioni, certamente direi l’America centro-meridionale, in particolar modo i siti archeologici delle civiltà precolombiane. Così distanti da noi, sotto molti punti di vista, anche geograficamente, eppure così affascinanti. 
Laura: Adoro l’America e la Turchia perché sono luoghi che mi affascinano molto e verso i quali sento un forte richiamo naturale.

Per approfondimenti vi consigliamo di visitare Viaggiando nella Bellezza


Condividi questo articolo

Lascia un commento