Racconti in valigia: uno scrittore con la passione per il Regno Unito

Racconti in valigia: uno scrittore con la passione per il Regno Unito

Condividi questo articolo

Oggi il panda ha avuto il piacere di intervistare Andrea, appassionato di scrittura che gestisce un blog con interessanti articoli che spaziano su differenti argomenti

 Raccontami qualcosa su di te e su come nasce il tuo blog

Scrittore per caso e blogger per passione. Cresciuto tra le righe e gli incubi dei maggiori autori horror come ad esempio H. P. Lovecraft, E. A. Poe o Stephen King, lo sguardo è andato oltre quel fantastico orizzonte.  E il web che con le sue immense opportunità mi ha dato quella marcia in più per avventurarmi nel vasto mondo dei blogger. Nel tempo ho collaborato con diversi siti e blog generalisti e decidendo di dare vita a ‘Andrew’s Blog’ ovvero il mio blog personale. Però non mi bastava. Volevo qualcosa di meno personale e così decisi per un progetto condiviso. Alla fine ecco nascere l’idea del blog ‘VerosimilmenteVero’. Un progetto che nel corso degli anni ho fatto crescere, anche grazie alla preziosa collaborazione di diversi autori e amici come Ariella Gibellato e Gianluca Minghetti.  

Quali sono le tue principali passioni?

La mia prima passione? Possiamo dire la lettura poi la scrittura. E come dico sempre, i sogni sono fatti per essere vissuti e non lasciati dentro i cassetti e così ho intrapreso la via dello scrittore per hobby. E così nel 2012 e nel 2017 escono le mie prime pubblicazioni con lo pseudonimo ‘A.J.Reed’. Il mio primo romanzo ‘Riscatti’ affronta il delicato tema dell’omosessualità e dell’omofobia in un intreccio di amore, odio, vita e morte oltre che di rinascita. Mentre con il mio secondo romanzo ‘Il Nuovo Ordine’ (Edizioni La Sirena) ritorno al mio primo amore ovvero l’horror. Un horror politico a tinte apocalittiche e al tempo stesso globe trotters, infatti la trama è ambientata in Scozia, Inghilterra, Italia, Canada, Stati Uniti d’America e Israele. Un altro amore è l’acqua ‘clorata’. La relazione tra me e il nuoto parte da lontano e nel tempo tra alti e bassi si è rafforzata grazie alla partecipazione nella squadra nuoto master della mia società (Rari Nantes Caglairi).

Qual è il viaggio che ti ha maggiormente cambiato?

Molti i viaggi fatti negli anni ma forse quello che mi ha segnato di più nella vita è senza ombra di dubbio quando sono stato per la prima volta a Londra. Lo so… non sono stato l’unico a essere folgorato sulla via di Londra. Sin da piccolo ho sempre sentito parlare delle magie di Londra. Della sua libertà e del suo anticonformismo. Londra è da sempre considerata una città d libertà in cui trovare la fortuna o se stessi. Il primo ricordo del mio arrivo a Londra? Potrà suonare strano ma è l’immagine di una vecchia mendicante seduta davanti ad un ingresso avvolta con delle coperte consumate dal tempo che ho intravisto dal finestrino del bus che mi portava dall’aeroporto al centro della capitale londinese. Quell’immagine di povertà e solitudine è ancora impressa nella mia mente.

4)      Qual è il tuo viaggio dei sogni?

Un viaggio alla scoperta dell’autentico Regno Unito. Londra è una città cosmopolita che ha perso la sua anima inglese. Anima che si può riscoprire nei dintorni, in luoghi meno turistici e legati alle tradizioni. Un viaggio da percorrere dall’Inghilterra al Galles per poi attraversa la Scozia con meta finale l’Irlanda del Nord. Un modo per ammirare anche la bellezza naturalistica di quest’isola. Spostandosi in treno o con auto a noleggio. Pernottare in locande o hotel cercando di scoprire l’anima britannica in tutte le sue sfumature e contraddizioni. Un percorso in piena libertà e che ripercorra le vicende più importanti della storia britannica. Diciamo un percorso che copra quelle mete fuori dal turismo di massa.

Se volete visitare il blog di Andrea lo trovate qui


Condividi questo articolo

Lascia un commento