Racconti in valigia: Un viaggio on the road in Sudafrica è un’esperienza imperdibile

Condividi questo articolo

Oggi il Panda ha il piacere di intervistare Gloria, appassionata di viaggi e autrice del blog Gate41, nel quale racconta ai suoi lettori delle sue esperienze, della sua vita e dà preziosi consigli a coloro che vogliono mettersi in viaggio!

Ecco per voi la sua intervista:

Raccontami qualcosa su di te e su come nasce il tuo blog

Intanto volevo ringraziarvi per lo spazio che mi dedicate sul vostro Blog

Vi dico l’essenziale perché non so definirmi diversamente. Sono una viaggiatrice come lo siamo un po’ tutti oggi. Ho lavorato per qualche anno in azienda in area Marketing ma il lavoro d’ufficio non faceva per me. Avevo bisogno di più libertà e creatività nella mia vita quindi ho deciso di intraprendere un’altra strada. Attualmente sono Social Media Manager e Content Creator. L’idea di questo blog è nata quando ho iniziato a viaggiare “in fai da me”. Spesso non riuscivo a trovare informazioni sui viaggi che intendevo realizzare quindi, una volta tornata dal viaggio, ho iniziato a raccontare la mia esperienza cercando di dare info precise e pratiche sulla destinazione. Oltre alla voglia di condividere, questo Blog insieme alla mia pagina Instagram @gate41.it, sono anche l’unione della mia passione per i viaggi, la fotografia e la scrittura.

Cosa significa per te viaggiare?

Per me viaggiare significa abbandonare la comfort zone, mettersi alla prova, immergersi in un contesto completamente diverso dal tuo. Significa vivere con il cuore e la mente aperta nuove culture e stili di vita. Accettare le differenze, non giudicare, imparare e cambiare idea. Svegliarsi all’alba per vivere un attimo di emozione pura, stupirsi ancora! È quella sensazione di libertà e di assoluta felicità che si prova nel vivere un luogo che hai sognato a lungo, un momento che ti sta cambiando per sempre.

Qual è l’ultimo viaggio che hai fatto? Cosa ne pensi di questo paese?

L’ultimo viaggio che ho fatto è stato in Sudafrica. Prima di partire ero preoccupata per la questione sicurezza e i lunghi spostamenti. Adesso posso dire che un viaggio on the road in Sudafrica è un’esperienza imperdibile per chi ama la natura. Il Sudafrica è difficile da definire, è un paese contradittorio. Ha il tasso di criminalità tra i più elevati al mondo ma il popolo sudafricano è ospitale, gentile. Offre davvero tanto dal punto di vista naturalistico, è il mondo in un paese. Purtroppo però le tracce dell’Apartheid sono ancora molto evidenti. Ci sono strutture di ottimo livello quasi ovunque ma ci sono ancora zone di baraccopoli. È un paese che va visitato con la giusta consapevolezza.

Cosa ti ha affascinato del Sudafrica di più? Consiglieresti questa meta? Come mai?

Sicuramente la natura, la varietà paesaggistica e le esperienze che si possono vivere in Sudafrica. Siamo partiti dalla famosa Panorama Route tra paesaggi di montagna, cascate a picco, canyon e ci siamo addentrati in self drive nella savana tra giraffe, leoni, iene, elefanti. Abbiamo raggiunto in auto l’estuario di Santa Lucia tra coccodrilli e ippopotami poi un volo interno ci ha portati a Cape Town tra i pinguini. Attraversando Winelands e i paesaggi stupendi della Route 44 siamo arrivati a Hermanus per avvistare le balene! Già solo l’esperienza del safari vale il viaggio. Mi ricordo di quel safari all’alba nel Kruger. Era un’uscita con il ranger povera di avvistamenti. Tornavamo verso il Rest Lodge percorrendo una strada secondaria. Qualcuno urla “Rhino!” Noi: “sarà un elefante”. Il ranger fa qualche metro in retromarcia. Ci fermiamo. Silenzio totale! Occhi spalancati guardano nella stessa direzione. A pochi metri da noi, nella boscaglia, ci osserva l’animale più protetto del parco, quello che non pensi di poter avvistare con pochi giorni di safari: il rinoceronte nero! Anche il ranger si è commosso e non riesce a parlare. Dalla sua commozione riusciamo a capire quanto questo momento sia unico e prezioso. Quanto siamo stati fortunati a trovarci proprio li in quel preciso istante. Il rinoceronte se ne va e noi riusciamo a parlare solo qualche minuto dopo. Il Sudafrica regala emozioni e sorprese come questa e per me è questo il motivo principale per cui intraprendere quest’avventura. Si tratta comunque di un viaggio impegnativo che richiede una buona organizzazione e consapevolezza dei rischi in cui si potrebbe inciampare ma lo consiglierei senza dubbio a chi cerca natura ed emozioni.

Grazie Gloria per averci dedicato il tuo tempo, il Panda non vede l’ora di ripartire!

Vi ricordo che se volete contattare Gloria trovate il suo blog qui

Sei un viaggiatore? Vuoi vivere le stesse esperienze di Gloria?


Condividi questo articolo

Lascia un commento