Racconti in valigia: Un bisogno irrefrenabile di viaggiare

Condividi questo articolo

Il Panda oggi ha intervistato  Giovanni, travel addicted, che gestisce il blog Giovanni Augello,  nel quale i lettori possono trovare utili consigli ed ispirazioni di viaggio! Il Panda ha viaggiato con lui, nella sua storia, nei suoi viaggi preferiti alla scoperta di meravigliose destinazioni!

Siete curiosi di sapere cosa avrà raccontato al Panda? Ecco per voi la sua intervista:

Raccontami qualcosa su di te e su come nasce il tuo blog

Passione smodata per i viaggi sin da quando, appena diciottenne, ho intrapreso la mia prima “fuga” indipendente con uno zaino sulle spalle. Da quel giorno… non mi sono più fermato e, negli anni, ho avuto il privilegio di calpestare il suolo di terre lontane e misteriose, nei cinque continenti.

Il blog nasce non solo per il piacere di scrivere e di condividere informazioni pratiche, ma anche (e soprattutto) per poter raccontare e trasmettere le emozioni che ciascuno dei luoghi da me visitati mi ha regalato, con l’auspicio di poter offrire utili spunti di riflessione a coloro che, lasciandosi ispirare, decideranno di incamminarsi sulla mia stessa strada.

Come nasce la tua passione per il mondo travel?

Ho sempre avvertito come irrefrenabile il bisogno di viaggiare, non per il banale raggiungimento della meta, bensì come espressione di desiderio e di ricerca interiore, come occasione di crescita individuale. Viaggiando, lungo la strada, mi sono spesso fermato ad ascoltare qualcuno che avesse qualcosa da raccontare, ho avuto l’opportunità di comprendere meglio le cose, ho imparato ad apprezzare le differenze ed ogni volta ho sempre avuto la sensazione d’esser tornato sempre più ricco di quando ero partito.

Cosa è indispensabile portare nel proprio zaino durante un’avventura nel deserto marocchino?

Si dice che il viaggiatore autentico subisca il fascino dell’ignoto, che si accompagna al piacere della vita senza il superfluo: ecco perché ho sempre pensato che chi parte sentendo il bisogno di portare con sé troppa roba al seguito non è un viaggiatore… è semplicemente un turista. Anche il deserto marocchino non sfugge a questa regola generale: una maglia a maniche lunghe, una giacca antivento, un cappello, occhiali da sole, una borraccia e, naturalmente, l’immancabile macchina fotografica per catturare le immagini più belle.

Quali sono le tappe must di un itinerario in Marocco?

Un viaggio in Marocco è davvero un viaggio incredibile in una terra accogliente e stimolante, da sempre sospesa nell’immaginario collettivo tra mito e realtà: non rinuncerei per nulla al mondo ad alcuni itinerari classici come il tour delle città imperiali e la magia del deserto, ma non mi limiterei a seguire le piste più battute, seguirei anche eventuali percorsi alternativi, magari avvalendomi dei suggerimenti di chi ha una conoscenza approfondita del territorio, fiducioso di poter scoprire angoli inediti e suggestivi da custodire per sempre nell’album della mia memoria.

Non so voi, ma il Panda ha già fatto la valigia per partire all’avventura!

Se volete seguire le avventure di Giovanni, oppure volete ispirazione per il prossimo viaggio  o mettervi in contatto diretto con lui,  vi lasciamo il link al suo sito qui.


Condividi questo articolo

Lascia un commento