Racconti in valigia: Tra street food, sapori e tradizione

Racconti in valigia: Tra street food, sapori e tradizione

Condividi questo articolo

Un dolce inizio di settimana assieme a Monica, l’autrice del blog Dolci Gusti, nel quale potete trovare molte invitanti dolci ricette per ogni occasione. Con Monica abbiamo capito come la cucina locale possa essere un modo non solo per arricchire “gastronomicamente” la nostra esperienza di viaggio, ma soprattutto per scoprie qualcosa in più sulla popolazione locale e tornare a casa arricchiti ed ispirati.

Ecco per voi le sue parole:

Raccontaci qualcosa di te e di come nasce Dolci Gusti;

Amo viaggiare, mangiare e scrivere; la mia passione è però fare i dolci. Vedere cosa cresce da pochi ingredienti dentro il forno è sempre una magia per me. Il mio blog nasce nel 2010 in una serata di novembre, senza sapere neanche perché né cosa sarebbe diventato. Non mi intendevo molto di web ma ho cliccato su “crea blog” quasi come fossi spinta da qualcosa. Per fortuna direi. Da allora ho conosciuto molte blogger con alcune siamo diventate molto amiche e anche socie: insieme abbiamo fondato SayGood.it giusto un anno fa. Ho scritto due libri di torte, Le Fluffose e Bundt Cakes, Le Antiche Ciambelle, che hanno chiuso un cerchio iniziato quasi per caso. Quando torno a casa dal mio lavoro al Tg5, una delle prime cose che faccio è sfogliare una rivista in cerca di una ricetta o guardare nella dispensa se c’è un ingrediente che mi solletica.

Abbiamo visto che sei anche una appassionata di viaggi, quale di quelli che hai fatto ti ha stupito di più dal punto di vista enogastronomico?

La Thailandia senza alcun dubbio. Qui si trova il vero street food: i loro piatti tipici cucinati espressi nei loro carrettini ricolmi di noodles, spezie, salse sono tra le esperienze che ricordo con più vividezza e vero piacere. Il pad see jew e il pad thai, noodles saltati nei loro wok davanti ai tuoi occhi, li rifaccio spesso anche a casa e i miei figli ne sono ghiotti; ma mangiarli lì fatti per te da loro solo per 50 centesimi significa volare in paradiso.

Il viaggio diviene per te fonte di ispirazione per nuove ricette?

Il viaggio è ispirazione. Appena scendo in un paese straniero la prima cosa che afferro è l’idioma diverso e subito dopo cerco il cibo che mi parli di quella terra. Delle abitudini dei sapori e delle tradizioni. Qui tutto diventa passibile di nuove idee, apertura mentale, stimolo per creare cose nuove quando torno a casa. La capacità di mescolare con azzardo ingredienti che magari non avrei mai pensato di accostare.

Hai un viaggio anche enogastronomico nel cassetto? Un paese, un ristorante?

Spagna, San Sebastian, il ristorante Arzak è nel cassetto dei miei desideri.

Ringraziamo Monica per averci permesso di entrare nella sua cucina, nei suoi viaggi e nei suoi sapori preferiti!


Condividi questo articolo

Lascia un commento