Racconti in valigia: Thailandia, la terra dei sorrisi

Condividi questo articolo

Oggi il panda ha il piacere di intervistare Nicola e Rossella, du incalliti viaggiatori che amano viaggiare senza spendere troppo. Trovate tutte le loro storie e i loro consigli su Viaggiatori Low Cost

Raccontatemi qualcosa su di voi e su come nasce il vostro blog.

Ci chiamiamo Nicola Spina e Rossella de Gennaro e siamo due viaggiatori vecchio stampo con
uno smisurato amore per i viaggi e un’irrefrenabile voglia di viaggiare. Per noi non esiste un
viaggio migliore, né uno minore, ognuno ha contribuito a dare forma e struttura alla nostra
personalità.
Il blog “Viaggiatori Low Cost” nasce nel 2010 con l’intento di poter condividere le nostre
esperienze e tante informazioni utili con tutte le persone che come noi amano viaggiare.

Qual è stato il luogo che vi ha impressionato maggiormente durante il vostro viaggio
in Thailandia?

Deciderne uno solo non è facile, abbiamo visitato tantissimi luoghi e molti di essi sono rimasti indelebili nella mente e nel cuore. Siamo passati dalla caotica e rumorosa Bangkok alla pace
assoluta dei templi di Chiang Mai, per poi andare nella vecchia Capitale del Paese e infine
immergerci nelle splendide acque del Golfo del Siam.
A Bangkok ci è piaciuto tantissimo il Grand Palace ma la nostra attenzione è stata completamente
rapita da Chinatown, un quartiere pieno zeppo di mercati dove vendono oggetti strani e cibo al di
fuori di ogni immaginazione. Si respira un’atmosfera quasi surreale e con ritmi molto frenetici.
A Chiang Mai siamo rimasti colpiti dai numerosi templi presenti, tra cui il Wat Phrathat Doi
Suthep situati a pochi chilometri dal centro abitato e da cui si gode di una bellissima vista sulla
città.
Ad Ayutthaya, l’antica capitale della Thailandia, consigliamo il Wat Chaiwatthanaram:
probabilmente è stato questo il luogo che ci ha impressionato di più. Si tratta di un tempio molto
suggestivo in stile Khmer cambogiano composto da una torre centrale alta 35 metri e circondata da altre otto più piccole e basse.

C’è stata una curiosità, un’ usanza o un piatto tipico che vi ha colpito particolarmente?

Ciò che ci ha sorpresi maggiormente è il modo in cui i thailandesi affrontano la quotidianità. Hanno
sempre il sorriso stampato sul volto e sono estremamente gentili e disponibili. Non è un caso che la Thailandia venga chiamata la “Terra dei Sorrisi”.
La cucina thailandese è ricca di spezie e predilige i contrasti tra sapori diversi. Il peperoncino è
presente quasi ovunque ed ha un grado di piccantezza molto elevato. Uno dei piatti che ci è piaciuto di più è il Khoi Soi, tipico del Nord della Thailandia e piccante al punto giusto. Consiste in una gustosa zuppa di curry in latte di cocco con pollo e nidi di spaghetti fritti e croccanti abbinati a spaghetti freschi.

Questo paese sta diventando una meta del turismo di massa, quali pensate siano i luoghi più sconosciuti che vale la pena visitare?

Luoghi veramente sconosciuti è difficile consigliarli perché ci sono angoli della Thailandia che
ancora oggi sono difficili da raggiungere se non attraverso numerose ore di viaggio e diversi mezzi di trasporto. Durante il nostro viaggio abbiamo conosciuto un ragazzo che proveniva dal nord- ovest che impiegava quasi un giorno utilizzando treno, autobus e poi un motorino per giungere nel suo villaggio.
In ogni caso oltre le classiche destinazioni ci sentiamo di consigliare Ko Phangan, una bellissima
isola del Golfo del Siam situata accanto alla più celebre e turistica Ko Samui. Ci sono spiagge
stupende, acqua cristallina e pochi turisti. È una bellezza quasi incontaminata!


Condividi questo articolo

Lascia un commento