Racconti in valigia: Quando l’amore alimenta il desiderio di viaggiare…

Condividi questo articolo

Oggi il panda ha il piacere di intervistare Jessica, una giovane blogger che ama condividere le sue esperienze e pensieri su Jessy around the world

Raccontami qualcosa su di te e su come nasce il tuo blog.

Sono una viaggiatrice assolutamente dipendente da tutto ciò che sia scoprire nuovi posti o girare luoghi, e senza possibilità di guarigione. Ho iniziato a viaggiare tardi purtroppo, quando avevo già vent’anni, e dico tardi perché col senno di poi avrei potuto viaggiare anche da adolescente. Quando poi ho incontrato la mia anima gemella, la mia passione per i viaggi si è intensificata ancora di più perché lui la condivide con me. Insieme ci alimentiamo il desiderio di viaggiare e la passione a vicenda. E nei nostri 4 anni da quando siamo insieme abbiamo fatto più viaggi che in tutta la nostra vita. Vorrei decisamente vivere di questi, dei viaggi che faccio, allora mi è venuta l’idea di aprire un blog l’anno scorso, sia perché mi fa piacere scrivere dei miei viaggi, sia perché spero di essere utile a qualcuno nell’organizzazione dei suoi, sarebbe la cosa che più mi farebbe felice.

 

Che significato ha per te la parola “viaggio”? 

Viaggio significa non solo partire, scoprire nuovi luoghi, ma determina anche un processo interiore, qualcosa che si sviluppa dentro di noi e ci plasma, rendendoci più ricchi, più colti, più saggi. Il viaggio è soprattutto alla scoperta di noi stessi, non è soltanto andare in una località per visitarla, scattare delle foto o riposarsi. Ogni viaggio mi aiuta a scoprire di più chi sono io, attraverso la scoperta di luoghi e culture diverse dalla mia, cosa voglio, come è la mia vita, e da ogni viaggio imparo moltissimo non solo sui luoghi e sulle persone ma anche su me stessa. Quindi il viaggio significa scoperta e lezione di vita, per me.

 

 

Quale pensi sia stato il viaggio che ti ha cambiata maggiormente? 

Premettendo che ogni viaggio mi ha insegnato e lasciato qualcosa, forse per il momento il viaggio che più mi ha cambiata è stato a Zanzibar. In questo posto ho visto la gente vivere con pochissimo eppure essere molto più felice di noi benestanti. Ho visto cosa significa vivere mangiando ciò che nasce e cresce nella tua terra, e mi sono sentita molto più in salute che a casa mia, perché mangiavo cose sane, senza additivi e sostanze chimiche, mangiavo cibo naturale. E ho capito quanta roba malsana mangiamo noi. Ho visto sorrisi sinceri che non vedevo da tempo, che non vedo mai qui da noi, sorrisi dati da uno stile di vita puro, che noi abbiamo dimenticato a favore del progresso economico che ci sta in realtà rovinando l’anima. Ho capito che meno hai, più è sincera la tua felicità, più sai cogliere l’essenza della vita.

 

Qual è il tuo viaggio dei sogni? 

Non ho un viaggio dei sogni a dire il vero. Io desidero vedere tutto, tutte le montagne innevate, le rovine antiche, i mari, le isole, le città che questo pianeta ha da offrire. Posso dire che un viaggio dei sogni è stato l’Australia perché la sognavo da quando ero bambina, o Zanzibar perché sognavo di festeggiare Natale al caldo da moltissimo, il prossimo viaggio dei sogni sarà visitare qualche paese in Asia perché non sono mai stata. Ma il viaggio dei sogni, diciamo così, è sempre il prossimo.

Per altre storie come queste e molto altro vi consigliamo di visitare Jessy around the world


Condividi questo articolo

Lascia un commento