Racconti in Valigia: Non Siamo Turisti Ma Viaggiatori

Condividi questo articolo

Il Panda oggi ha avuto il piacere di intervistare Linda e Sathya, travel addicted, autori del blog Fall in Travels,  nel quale i lettori possono trovare utili consigli ed ispirazioni di viaggio! Il Panda ha viaggiato con loro, nei racconti, nelle esperienze e nei loro viaggi alla scoperta di meravigliose destinazioni!

Siete curiosi di sapere cosa avranno raccontato al Panda? Ecco per voi la loro intervista:

Raccontatemi qualcosa su di voi e su come nasce il vostro blog

Siamo Linda e Sathya, 25 e 27 anni, rispettivamente di Livorno e di Lecce.

La nostra è una storia nata per caso, quando meno te lo aspetti e soprattutto quando non la cerchi.

Stavamo entrambi trascorrendo la stagione invernale nell’isola di Tenerife per lavoro, Sathya istruttore di moto d’acqua ed io cameriera nel bar dove lui ogni giorno faceva la pausa pranzo.

E’ stato un colpo di fulmine per tutti e due, dalla prima volta che ci siamo visti è scattato qualcosa di inspiegabile. Siamo diventati inseparabili fin da subito. Certo, le difficoltà ci sono state e neanche poche. Con l’arrivo dell’estate ognuno è tornato a casa sua, lui in Salento ed io in Toscana. E’ stato difficile, complicato e per niente scontato.

La distanza ci ha messo alla prova ogni giorno, abbiamo trascorso giornate intere in treno, in macchina o in aereo per vederci solo per due ore, ma alla fine possiamo dire di aver vinto noi. Il nostro amore e la nostra passione per i viaggi ci hanno unito tantissimo ed ecco qua che è iniziata la nostra grande avventura.

Zaino in spalla abbiamo scelto di visitare tutto il sud est asiatico insieme, passando l’intero inverno in viaggio. Non ci definiamo turisti ma viaggiatori, abbiamo un budget giornaliero da rispettare e ci mettiamo alla prova ogni giorno. Lavoriamo come matti nella stagione estiva, senza sosta e senza distrazioni. Risparmiamo il più possibile per fare quello che amiamo davvero : Viaggiare. Viaggiare insieme e tanto.

Abbiamo tantissimi altri sogni da realizzare, tanti progetti futuri e stiamo mettendo le basi per poterli concretizzare.

Quindi chi siamo?

Siamo due semplicissimi ragazzi innamorati pazzi che amano la vita, amano viaggiare, amano i sorrisi e le cose semplici. Amano il cibo, la musica i tramonti e il rumore del mare.

Siamo fatti di paesaggi, di mappe di cieli stellati e di sorrisi.

E ci auguro di non cambiare mai, Ci auguro che i nostri occhi siano sempre così. Curiosi, positivi, con la voglia di mangiarsi il mondo, VIVI.

Tutto questo ci ha portato a voler scrivere nero su bianco i nostri viaggi, a condividere la nostra passione in un mondo virtuale che stiamo scoprendo poco a poco sempre di più. Ci piace l’idea di poter essere utili a qualcuno e poter, tramite i nostri articoli, dar dei consigli a viaggiatori come noi. La scelta del nostro nome Fallintravels ci è venuta pensando ad un mix tra amore e viaggi, infatti in inglese la parola innamorarsi viene tradotta in Fall in love, e con la parola Fall in travels ci sentiamo rappresentati a pieno.

Come nasce la vostra passione per i viaggi?

La nostra passione per i viaggi nasce insieme a noi, non c’è un momento preciso in cui abbiamo scoperto il viaggio. Ce l’abbiamo sempre avuto dentro. Incontrandoci e conoscendoci lo abbiamo solo alimentato.

Sathya ha sempre viaggiato fin da piccolo con la famiglia, dal Brasile al giro in camper intorno alla Spagna, a Londra, Amsterdam e tante altre città europee, fino a Tenerife.

Linda invece è cresciuta con un unico grande, enorme sogno: girare il mondo. E’ il suo desiderio da sempre, non ricorda di aver voluto altro dalla vita. A 19 anni inizia la sua prima esperienza all’estero, si trasferisce da sola a Tenerife e ci resta per 5 anni a lavorare.

Fino a che le nostre strade finalmente si sono incrociate. Vivendo insieme ci siamo subito resi conto di essere due anime uguali, infatti noi non siamo fatti per la routine, l’abitudine e i giorni tutti uguali. Non siamo fatti per aspettare il weekend e per odiare il lunedì. Non siamo fatti per un lavoro a tempo indeterminato da odiare, per avere per forza un posto nella società e per comprarsi la macchina più costosa.

No, noi troviamo la felicità in nuovi orizzonti, a noi piace scoprire e scoprirci ogni giorno in posti nuovi, con abitudini nuove e con persone diverse.

Quali sono i criteri che usi per decidere se una città o luogo vale la pena di essere visto o meno?

In realtà non usiamo nessun criterio o stereotipo fisso. Andiamo molto a sentimento. Per noi ogni luogo vale la pena di essere visto e vissuto. Ogni posto nel mondo ha qualcosa da dirci, una storia da raccontare e bellezze da far vedere.

Amiamo tutto, da luoghi selvaggi e pieni di natura a quelli costruiti e pieni di gente, a quelli storici e religiosi. Il mondo è grande e siamo convinti che valga la pena vederlo tutto.

Le nostre mete ideali comunque sono quelle opposte al relax, per noi stare una settimana intera distesi in spiaggia a non fare niente è autodistruttivo! Non riusciamo a stare fermi, siamo curiosi e vogliamo sempre vedere, scoprire. Quindi secondo noi in un luogo dovrebbero esserci un giusto mix di avventura, di escursioni da poter fare, di monumenti storici da vedere e la giusta dose di relax.

Una meta molto gettonata ultimamente è Cuba, hai mai pensato di visitare questo paese?

Cuba era nei nostri progetti di viaggio lo scorso anno, poi però per forze maggiori (clima a nostro sfavore nel periodo scelto) abbiamo optato per la Thailandia ed il sud est asiatico. Ovviamente rimane nella nostra lista di posti da vedere, è un luogo che ci affascina molto sia dal punto di vista culturale che paesaggistico.

Senza dubbio ci andremo e non vediamo l’ora di farlo per poter dire un po’ di più e raccontare la nostra esperienza in questo fantastico posto.

Non so voi, ma il Panda ha già fatto la valigia per partire all’avventura!

Se volete seguire le loro avventure, oppure volete ispirazione per il prossimo viaggio  o mettervi in contatto diretto,  vi lasciamo il link al loro sito qui.

Sei un viaggiatore? Vuoi vivere le stesse esperienze di Linda e Sathya?


Condividi questo articolo

Lascia un commento