Racconti in valigia: Mabka.it, aiutare i nuovi e smarriti intolleranti

Racconti in valigia: Mabka.it, aiutare i nuovi e smarriti intolleranti

Condividi questo articolo

Oggi il Panda ha il piacere di intervistare Maria, appassionata di viaggi e autrice del blog Mabka.it, nel quale racconta ai suoi lettori delle sue esperienze, della sua vita e delle sue ricette per intolleranti, dando preziosi consigli a coloro che vogliono mettersi ai fornelli!

Ecco per voi la sua intervista:

Raccontami qualcosa su di te e su come nasce il tuo blog

Sono una semplice mamma, moglie e insegnante con la passione per la cucina.

Un giorno mio marito è tornato a casa dicendomi :

“ Amore ti ho aperto un sito!”  

“ Come scusa?! “

Eh sì, è partito tutto da lì, c’erano tante persone che mi scrivevano tutto il giorno , anche in tarda serata come cucinare, come sostituire, come leggere un’etichetta ed era davvero un continuo quasi ingestibile. Così ho messo tutto nero su bianco su un sito web. Man mano che cucinavo mi rendevo conto che c’era tantissima disinformazione a riguardo e molti avevano davvero bisogno di un aiuto concreto . Così è nato il sito mabka.it che ha l’obiettivo proprio di aiutare i nuovi e smarriti intolleranti a capire come gestire questo cambiamento non solo alimentare ma anche di abitudini. 

Credi che un paese si possa scoprire anche “assaggiandolo”?

La cucina tipica rispecchia sempre la cultura e la tradizione del paese in cui nasce . Io sono di Lodi e qui è proprio terra di caseifici ( sono fortunata eh a nascere intollerante al lattosio proprio qui?!) , la Tortionata è una torta da credenza a base di burro per esempio, un altro ingrediente famoso della mia terra è il mascarpone, base insostituibile del tiramisù. O la raspadura, un formaggio che viene proprio grattato in scaglie ed è molto saporito, nei risotti è la morte loro. 

Ovviamente questa zona e queste tipicità non possono collimare con la mia cucina. 

Quanto è importante per te utilizzare i prodotti del luogo nelle tue ricette?

Usare i prodotti del luogo è fondamentale, il km 0 garantisce non solo la qualità, la freschezza, la conservazione ecc ma anche un prezzo più adeguato. E poi vuoi mettere il risultato in cucina?! Nemmeno paragonabili a quelli delle grandi catene di distribuzione, un frutto appena raccolto ha un sapore, una succosità , una consistenza impagabile . Le uova appena prese in cascina danno una pasta, una torta, delle meringhe e molto altro davvero con una marcia in più.

Quale cultura culinaria ti affascina di più? come mai?

Mi affascina senza dubbio la cucina ricercata, l’impiattamento moderno e cromaticamente d’impatto. Il mio genere poi è senza dubbio il finger food, mi rispecchia, è tutto in un solo boccone, senza margine di errore, un’esplosione di sapori e di consistenze .  

Spero un giorno di esserne capace ovviamente.

Grazie Maria per averci dedicato il tuo tempo, il Panda non vede l’ora di ripartire!

Vi ricordiamo che, se volete contattare Maria, volete ispirazioni e consigli sul prossimo piatto o volete seguire le sue avventure, potete trovare il suo sito  qui

Sei un viaggiatore? Vuoi vivere le stesse esperienze di Maria?


Condividi questo articolo

Lascia un commento