Racconti in valigia: Le meraviglie a portata di mano

Condividi questo articolo

Oggi il panda ha avuto il piacere di intervistare Matilde, amante di viaggi autentici e autrice del blog Disciules, nel quale condivide le sue “gite fuori porta” alla scoperta delle bellezze nascoste della nostra terra.

Ecco a voi l’intervista:

Raccontami qualcosa su di te e su come nasce il tuo blog; 

Il blog Disciules.it/blog nasce come branca di un blog di viaggi dal mondo, andando a trattare temi inerenti al nord Italia e dintorni comprendendo percorsi di gusto, weekend di relax e trekking sulle montagne. Il blog è quindi un riassunto dei miei weekend passati cercando, ogni volta che posso, di evadere dalla città in cui vivo, Milano, che sa regalarmi tante opportunità di qualsiasi tipo ma non i verdi paesaggi che vado cercando.

Si possono quindi trovare tutte le escursioni che ho fatto in giornata, partendo appunto da Milano, le fughe romantiche e gli itinerari enogastronomici tra le vigne.

Per quelle volte che rimango a Milano sono solita provare sempre nuovi ristoranti, anche se Milano cambia così rapidamente che è difficile starle dietro. 

Non si tratta dell’unico blog che posseggo; grazie alla mia passione per il web ho sviluppato differenti portali, uno per ogni tematica che mi stava a cuore. Questo è stato possibile anche grazie alle mie capacità di grafica e web designer, di cui attualmente ne svolgo la professione, accompagnati da una curiosità infinita per il mondo e passione per fotografia e video reportage.

Come è nata la tua passione per i viaggi?

La mia passione per i viaggi ritengo abbia origini antichissime, insomma, dal momento in cui sono nata! Ho avuto la fortuna e la possibilità di viaggiare molto già dal primo anno di età, tanto che il mio primo biglietto per la Sardegna è stato acquistato quando ancora dovevo nascere. Sono così susseguiti viaggi in giro per il mondo in luoghi straordinari della terra, aprendo gli occhi verso un mondo tutto da scoprire.

Una volta diventata più grande ho interrotto i viaggi a lungo raggio ed ho iniziato ad esplorare ciò che mi circondava. Ho passato quindi molto tempo nella mia regione, andando alla ricerca dei luoghi meno conosciuti ed inesplorati. Ci sono così tante meraviglie dietro casa senza dover andare troppo lontano nel mondo!

Mentre postavo le mie prime foto su Facebook mi sentivo domandare “ma dove sei andata per vedere questa meraviglia?” ed io rispondevo “si trova a pochi passi da noi, vicino casa!”.

Da qui nasce quindi l’idea del progetto, ovvero quello di condividere luoghi preziosi ed alcune volte fuori dai normali tracciati del turismo per permettere di rivalutare il nostro stesso territorio.

Quale esperienza di viaggio che hai avuto ti è rimasta nel cuore?

Si sa, ogni esperienza di viaggio ti regala qualcosa e più sono le scoperte che fai e più il tuo cuore si arricchisce. L’esperienza di viaggio che mi è rimasta nel cuore è quella che più mi assomiglia. Un viaggio in Val Senales, in Trentino Alto Adige, completamente immersa in un paesaggio totalmente innevato. Una volta arrivati al rifugio grazie alle due funivie, il panorama che si è aperto davanti a me era quasi surreale. Una distesa di neve e montagne a perdita d’occhio. Non lontano dal rifugio a 300 mt di quota si trovava l’iglù (o Igloo all’inglese) nel quale avrei pernottato durante la notte. Essere un tutt’uno con la natura è stato come sentirsi parte del mondo, nonostante quella notte io non sia riuscita a chiudere occhio. Il mattino dopo sono uscita dall’Iglù con il sorgere del sole, e dopo una nottata con il vento che soffiava sulle pareti ghiacciate è stata una bella ricompensa!

Cosa rende un viaggio un’esperienza unica?

Per vivere un’autentica esperienza di viaggio il segreto credo sia quello di uscire dalle rotte comuni e andare alla scoperta del vero. Stringere amicizia con la popolazione locale (o affidarsi a tours con i locals), avere l’opportunità di vedere come la vita viene sperimentata in certi luoghi, assaporando la vera cucina locale in ristoranti tipici o meglio nelle case degli abitanti. Nulla di estremo, nulla di speciale, solo ciò che è reale.

Grazie Matilde per averci dedicato il tuo tempo e per averci fatti sognare attraverso i tuoi racconti.

Se volete contattarla o saperne di più su di lei e sui suoi viaggi potete trovare il blog qui!


Condividi questo articolo

Lascia un commento