Racconti in valigia: La Norvegia agli occhi di un fotografo

Condividi questo articolo

Oggi il panda ha avuto il piacere di intervistare Luca, fotografo e autore dell’omonimo blog Luca Castagnini, in cui condivide le sue creazioni.

Parlami un po’ di te e di come è nato il tuo blog;

Ho creato il mio sito quasi due anni fa, per avere un portfolio online personale e poter personalizzare i miei layout a modo mio, so che molto spesso un sito di un fotografo dovrebbe essere minimal e molto diretto a ciò che è in grado di creare, però io mi sono spinto in una direzione diversa, ho creato un sito web che parla di me e dei miei viaggi particolarmente, poi ho avuto la possibilità di lavorare con altre aziende e portare diversi contenuti sul sito, come presentazioni di brand, tips per il viaggio e molto altro.

Mi fa molto piacere che le persone abbiano avuto sin da subito un riscontro positivo di tutto il lavoro che ho fatto!

Le tue foto sono davvero spettacolari, prima di partire per un viaggio sai già che spot vorrai fotografare oppure ti lasci ispirare sul luogo?

Grazie mille del complimento!

Allora, diciamo che ci sono entrambi i fattori in ballo, io sono una persona molto metodica e programmo quasi tutto il viaggio molto spesso (hotel/case/ricerca ristoranti), quando però parliamo di spot mi lascio anche ispirare dal luogo in cui sono, ovviamente durante ogni viaggio ho una lista di posti che non posso perdermi, infatti moltissimi posti del magnifico Portogallo li ho scoperti proprio così, on the road!

Che cosa preferisci fotografare quando sei in viaggio? 

La mia fotografia spesso si concentra nella categoria travel, quindi landscapes ma anche cityscapes e perché no anche animali che incontro in viaggio.

Ultimamente mi piace fotografare anche la gente, la vera anima del paese che sto visitando, penso che i locals siano davvero un fattore determinante durante i miei viaggi ed effettivamente è vero che se veniamo accolti calorosamente mentre siamo in viaggio quello ci resta impresso, altro piccolo esempio, sia in Norvegia che in Irlanda ma anche soprattutto in Portogallo ho avuto la fortuna forse di trovare veramente delle persone squisite su cui appunto basare la mia idea di “cittadino tipo” della tale nazione o regione.

Ho visto che sei stato in Norvegia, che cosa ti ha colpito maggiormente in questo luogo? (Persone, paesaggi, usanze, …)

La Norvegia mi ha colto impreparato per l’immensità dei paesaggi che propone, spiagge infinite e che cambiano completamente a seconda del tempo atmosferico, spot nascosti e scorci magnifici in ogni dove, per non parlare della fauna che possiamo trovare (ricordando che alle Lofoten è sicuramente raro trovare animali specialmente nelle zone più remote verso oceano).

Ma non solo quello appunto, come ti dicevo prima, le persone. Le persone portano questo paese ad un altro livello, io mi sono sentito veramente accolto come un loro fratello e ho appunto avuto la fortuna di poter conoscere diverse persone del luogo che mi hanno raccontato la storia e le usanze delle isole ed inoltre sono stato portato a due battute di pesca con una piccola barca (mal di mare a me!).

La Norvegia può certamente sembrare un paese freddo e remoto ma sono i locals che veramente cambiano la totale visione di questa nazione pazzesca.

Cosa consigli di vedere a chi vuole intraprendere un viaggio verso la Norvegia e più specificamente verso Lofoten ed è appassionato di fotografia come te?

Decisamente i paesi, cercate connessioni e storie, quelle sono infinite e ne trovate tantissime nei vari villaggi, parlando però di spot fotografici: decisamente la montagna Senja è imperdibile, la magnifica spiaggia nera di Kvalvika beach, il villaggio stupendo che è Å i Lofoten per non dimenticare l’aurora boreale che non è per niente facile da vedere, è un po come andare a pesca(metafora che ci facevano i locals) a volte hai fortuna e le buone condizioni ti permettono di vedere la dea verde danzare leggiadramente sopra la tua testa, ma a volte può non apparire anche per 10 giorni a causa delle condizioni atmosferiche e di altri vari fattori magnetici.


Condividi questo articolo

Lascia un commento