Racconti in valigia: La Cucina come Strumento per Vivere una Cultura Diversa

Condividi questo articolo

Oggi il Panda ha il piacere di intervistare Tony, appassionato di cucina e autore del blog Tony Anania, nel quale racconta ai suoi lettori delle sue esperienze, della sua vita e delle sue ricette, dando preziosi consigli a coloro che vogliono mettersi ai fornelli!

Ecco per voi la sue intervista:

Raccontami qualcosa su di te e su come nasce il tuo blog

Dopo la mia partecipazione al talent show di Real Time Bake Off Italia 5 ricevevo giornalmente tantissime richieste di aiuto da studenti e casalinghe che amavano la cucina e in particolare la pasticceria. Così, sotto l’ala protettrice del mio angelo custode Matteo, in un pomeriggio è nato il blog Tonyanania2k. Non volevamo un semplice blog di ricette ma un portale dove sentirsi al sicuro, dove potersi mettere in gioco anche con un’insalata e un cucchiaio di legno. Così abbiamo creato diverse rubriche che spaziano dalle ricette last minute per gli studenti fuorisede alle torte belle toste, come le chiamo io. 

Credi che un’esperienza gastronomica possa contribuire a rendere un viaggio unico?

Assolutamente sì, al 150%. Non si può andare in Francia e non mangiare un macaron, a Londra e non fare colazione al the breakfast club, a Monaco di Baviera e non mangiare la foresta nera o a Vienna e non mangiare la sacher… e potrei fare altri 1000 esempi. Viaggiare significa entrare in contatto con usi e costumi diversi. La cucina è forse uno dei più importanti mezzi per sentirsi per un breve periodo parte di un qualcosa diverso dal tuo quotidiano. Non sopporto chi va in viaggio lontano dai confini italiani e cerca ristoranti italiani e mangia per una settimana pasta e pizza. 

Ti è mai capitato di lasciarti ispirare da un viaggio o un’esperienza per la creazione di una nuova ricetta? Se sì in quale occasione?

Succede molto spesso. Ma principalmente, essendo una persona molto curiosa e sempre in cerca di nuove tendenze e gusti, amo tantissimo cucinare e preparare piatti e dolci lontani dalla nostra tradizione culinaria. Sacher, dolci al té matcha, paris-brest, macarons, red velvet, cinnamon rolls, pancakes, pumpkin pie, lemon pie sono le mie specialità. Organizzo poi i miei viaggi e gusto le ricette originali per capire se il gusto dei miei dolci è uguale o se devo cambiare qualcosa. Vorrei viaggiare tutti i giorni ma tra università, eventi e stage è molto difficile. Parigi mi ha ispirato molto per la preparazione di diverse mie ricette. 

Condividi con noi una delle tue ricette dal mondo!

Ecco la ricetta dei miei macarons: 

Ingredienti: 

200 gr di farina di mandole 

200 gr di zucchero a velo 

75 gr di albumi 

75 gr di albumi 

200 gr di zucchero 

60 ml di acqua

Coloranti alimentari in polvere

per la ganache:

100 gr di panna 

100 gr di cioccolato fondente o 150 g di cioccolato bianco

procedimento:

setacciate la farina di mandorle e lo zucchero a velo, anche più volte se è necessario, le polveri devono essere finissime. Aggiungete alle polveri i primi 75 g albumi, creando un composto appiccicoso. In un pentolino versate l’acqua e lo zucchero fino a creare uno sciroppo di 121°. In una planetaria iniziate a montare gli altri 75 g di albumi e, una volta che lo sciroppo arriva a 121°, abbassate la velocità della planetaria al minimo e versate a filo lo sciroppo sugli albumi. Una volta terminato aumentate la potenza della planetaria. Continuate a far montare la meringa fin quando la ciotola della planetaria non sia a temperatura ambiente (ci vorranno circa 15 min). Unire la meringa all’altro impasto con delicatezza. Suddividere il composto e colorarlo. Creare la classica forma dei macarons su un tappetino appositi o se non lo avete potete con un tappo di bottiglia, sulla carta da forno, disegnare con una matita dei tondini. Infornare a 150° per 12/15 minuti. 

Per la ganache:

scaldare la panna in un pentolino e colarla in una ciotola dove avete tritato grossolanamente il cioccolato. Fate raffreddare in freezer fino ad ottenere una consistenza lavorabile. Potete Adesso è il momento di farcire i vostri macarons. Versate la ganache in una sac-a-poche con beccuccio liscio, prendete un dischetto di macarons, ponete al centro del tondino un po’ di ganache e coprite con l’altro dischetto.

Grazie Tony per averci dedicato il tuo tempo, il Panda non vede l’ora di ripartire!

Vi ricordo che se volete contattare Tony trovate il suo blog qui

Sei un viaggiatore? Vuoi vivere le stesse esperienze di Tony?


Condividi questo articolo

Lascia un commento