Racconti in valigia: Ingredienti, tradizioni, zone geografiche insieme creano una magia

Racconti in valigia: Ingredienti, tradizioni, zone geografiche insieme creano una magia

Condividi questo articolo

Oggi il Panda ha il piacere di intervistare Paolo, appassionato di cucina e autore del blog Passion food, nel quale raccontano ai suoi lettori delle sue esperienze, della sua vita e delle sue ricette, dando preziosi consigli a coloro che vogliono mettersi ai fornelli!

Ecco per voi la sue intervista:

Raccontami qualcosa su di te e su come nasce il tuo blog

Ciao, mi chiamo Paolo Bortolussi e sono un agente di commercio della provincia di Venezia. La cucina però  è da sempre il modo in cui esprimo la mia creatività; mi piace sperimentare, accostare ingredienti e tecniche diverse per realizzare piatti gustosi, colorati e belli da vedere; da condividere poi con i miei amici e la mia famiglia. E’ proprio questa passione che due anni fa mi ha portato ad aprire il mio blog di cucina (www.passionfood.it) dove oggi condivido, oltre che su Instagram, con chi mi segue tutte le mie ricette. Il nome stesso del blog voleva indicare chiaramente l’ingrediente principale della mia cucina: la passione, la stessa che da non professionista mi ha portato ad avere molte soddisfazioni. 

Pensi che la cultura culinaria di un paese contribuisca a creare un’identità del luogo?

Eccome! ingredienti, tradizioni, zone geografiche  mescolate assieme creano quella magia che sono le ricette tipiche di ogni Paese e alcune volte addirittura basta spostarsi di pochissimi kilometri per trovarne di completamente diverse. 

Arte, architettura, paesaggio caratterizzano ogni luogo, e anche  la cucina rientra pienamente nella cultura di ogni Paese raccontandoci molto di essa. Basta menzionare una sola ricetta per identificare subito un Paese o una Regione: se dico paella penso subito alla Spagna, se dico tzatziki penso subito alla Grecia e lo stesso vale anche per le regioni: come ad esempio  il porceddu Per la Sardegna o il risotto alla milanese per la Lombardia. 

Quanto è importante per te vivere un’esperienza gastronomica durante il proprio viaggio?

Ogni volta che organizzo un viaggio cerco sempre di informarmi prima della partenza  anche sulla cucina tipica, gli ingredienti locali, negozi, mercati, ristoranti e pasticcerie. Una volta arrivato cerco poi di assecondare anche  il mio sesto senso (che devo dire il vero il più delle volte funziona) per la ricerca dei locali dove sperimentare la cucina tipica. Naturalmente in vacanza sono banditi se sono all’estero ristoranti italiani o pizzerie. In alcuni viaggi, tempo permettendo, cerco anche di frequentare dei corsi di cucina tipica per poter toccare proprio con mano le tradizioni e gli ingredienti come è successo lo scorso anno  ad Atene. 

Ti sei mai lasciato ispirare da un tuo viaggio per una ricetta? Se sì, condividila con noi! 

Certo, più volte anche; cerco sempre di rubare dei piccoli segreti di abbinamenti  tecniche di cottura o ricette tipiche, cercando poi di adattarle al mio stile. gli esempi che potrei fare sono veramente molti ma  ricordo ancora che di ritorno da Barcellona dove avevo visitato la Fondazione Mirò mi sono ritrovato a replicare in un piatto di risotto uno dei suoi quadri più celebri.

Grazie Paolo per averci dedicato il tuo tempo, il Panda non vede l’ora di ripartire!

Vi ricordo che se volete contattare Paolo trovate il suo blog qui

Sei un viaggiatore? Vuoi vivere le stesse esperienze di Paolo?


Condividi questo articolo

Lascia un commento