Racconti in valigia: Il cibo è un momento di unione e coesione tra popoli che abbatte qualsiasi barriera

Condividi questo articolo

Oggi il Panda ha il piacere di intervistare Rubina, appassionata di cucina e autrice del blog La Ghiottona, nel quale racconta ai suoi lettori delle sue esperienze, della sua vita e delle sue ricette, dando preziosi consigli a coloro che vogliono mettersi ai fornelli!

Ecco per voi la sua intervista:

Raccontami qualcosa su di te e su come nasce il tuo blog

Io sono Rubina o meglio La Ghiottona dal 2014. Il mio blog è nato diversi anni fa come il classico blog di lifestyle dove raccontavo di me, della mia vita, inserendo ogni tanto qualche ristorante interessante che scovavo in giro nella mia zona. Di origini friulane ma adottata da più di dieci anni in Veneto, vivo in un paese confinante con le due regioni e amo questa situazione perché mi consente di esplorarle entrambe con facilità.

Poi ho deciso di incentrare il blog solo sui famosi “Angoli Ghiotti”, ovvero locali, ristoranti, che risultano per me imperdibili. Il mio giudizio è assolutamente personale e negli anni si è creata, grazie anche alla piccola community che mi segue su Instagram, una certa fiducia per dove consiglio di andare a mangiare.

Come nasce la tua passione per la cucina?

La mia passione per la cucina nasce semplicemente da una parola: MANGIARE. Mio nonno era un pasticcere e mio padre era un vero appassionato di cucina, il suo momento di relax erano i fornelli e per quanto provasse a trasmettermi la gioia del cucinare ho sempre preferito fare più da “cavia” per i suoi piatti che imparare a prendere in mano una padella. Mi definisco quindi un’assaggiatrice doc, alla costante ricerca di un piatto che mi trasmetta emozioni ed esplosioni al palato.

Credi che un’esperienza gastronomica possa contribuire a rendere un viaggio unico?

Assolutamente si. Il cibo è la cornice di un viaggio. Quando ne organizzo uno lo strutturo non solo sulle cose da vedere, ma contemporaneamente su cosa e dove mangiare. Il cibo è un momento di unione e coesione tra popoli che abbatte qualsiasi barriera.

Un’altra cosa che mi piace spesso fare è scoprire non solo i piatti tipici e le materie prime dei territori, ma anche come si sono sviluppate le cucine di altri paesi al di fuori dei loro stati. La cucina cinese per esempio ormai noi la conosciamo, i piatti sono pressoché simili nei ristoranti dove andiamo, ma se ci spostiamo in Australia per esempio la cucina cinese è totalmente diversa dai gusti a cui siamo abituati in Italia. Questo è un aspetto che ricerco spesso per vedere come si mescolano e si adattano le diverse cucine a seconda dei paesi dove si fermano. Ecco perché mi potrete vedere in una Berlino a mangiare currywurst come anche entrare in un ristorante giapponese.

Quale esperienza di viaggio che hai avuto è per te indimenticabile?

Il viaggio per me indimenticabile è stato quello fatto nel 2018 in Israele e Giordania. È stata una vacanza organizzata nei minimi dettagli per mesi e i momenti che mi hanno toccata di più sono stati la visita al muro del pianto e trascorrere la notte nel deserto del Wadi Rum in Giordania. È un’esperienza che una volta nella vita va fatta, abbiamo mangiato piatti cucinati sotto la sabbia e chiacchierato con i beduini che organizzano i trasporti e i tour nel deserto, ti accolgono in casa loro e tutto quello che hanno te lo offrono, sono di un’accoglienza disarmante. Tutt’ora, a distante di poco più di un anno, amo riguardare le foto e i video fatti durante quel viaggio quasi a volermi reimmergermi in quelle magiche atmosfere.

Grazie Rubina per averci dedicato il tuo tempo, il Panda non vede l’ora di ripartire!

Vi ricordo che se volete contattare Rubina trovate il suo blog qui

Sei un viaggiatore? Vuoi vivere le stesse esperienze di Rubina?


Condividi questo articolo

Lascia un commento