Racconti in valigia: I viaggi di “Lostinfood”

Condividi questo articolo

Oggi il panda ha avuto il piacere di intervistare Silvia ed Alex, due amanti dei viaggi e autori del blog Lostinfood, nel quale condividono i loro consigli, le loro esperienze e le loro avventure!

Ecco a voi l’intervista:

Raccontatemi qualcosa su di voi e su come nasce il vostro blog; 

Il nostro blog nasce 3 anni fa, quasi per caso, dalla nostra passione sia per il viaggio che per il food. Ma sono soprattutto le continue richieste di consigli da parte di nostri amici e conoscenti su dove andare, cosa mangiare o dove mangiare dopo che vedevano i nostril normali post a spingerci a creare il blog. All’inizio il focus era il food, poi ci siamo spostati sul viaggio mantenendo però come filo conduttore il buon cibo. Pensiamo che il food completi un’esperienza a 360° sul viaggio che si vive. Inoltre l’attenzione e la ricerca su dove andare a mangiare è sempre più alta. Soprattutto il cibo completa la memorabilità di un viaggio: siamo convinti che seppur si visiti un luogo indimenticabile ci ricorderemo sempre se in quel posto avremo mangiato bene o male. Lo stesso principio di ricerca lo applichiamo anche ai luoghi dove soggiornare. Ci piace mangiare e dormire in posti particolari. Attenzione, questo non vuol dire che cerchiamo ristorante con chef stellati o hotel luxury. Siamo sempre alla ricerca di qualcosa di unico, come hotel a tema, il glamping, le case sull’albero, hotel urban style o in qualche modo cool che completino l’esperienza della destinazione.  E’ difficile che affrontiamo un viaggio senza avere una lista di ristoranti da testare o hotel particolari dove dormire.

Quando e come nasce la vostra passione per i viaggi?

La passione per i viaggi è sicuramente qualcosa che ci accomuna. Alessandro ha sempre viaggiato sin da giovane, dal suo primo interrail ai lavori estivi ai tempi dell’università negli Stati Uniti con le infinite e avventurose traversate in grayhound fino al lavoro in agenzie di pr e marketing nel turismo, seguito da mete da sogno come l’Australia o le British Virgin Island.

Quando ci siamo conosciuti è diventato normale viaggiare: il nostro primo viaggio fatto insieme è stato nel 2006 in Provenza. Un posto in cui amiamo tornare è la Normandia, un posto speciale nel cuore è la Scozia. E poi tanto Stati Uniti e Canada, con quest’ultimo abbiamo costruito un rapporto particolare: la passione per questo paese si fonde con il nostro lavoro principale ed il nostro blog tanto che oggi creiamo eventi per promuovere la destinazione essendo brand ambassador di Air Canada…. 

Cosa vi appassiona di più dei viaggi “on the road”?

Ci piace costruire da zero l’itinerario, un momento che amiamo perché costruisce il sogno del viaggio. La parte che precede I nostri viaggi, sia vicini che lontani, è sempre intensa e comporta tanta ricerca. Ci piace la parte itinerante di un viaggio perché ti mette in stretto contatto con i luoghi che si visitano. E poi perché c’è sempre una deviazione, a volte impossibile, per quanto programmiamo tutto: il poter essere itineranti da un senso di libertà e non ti pone limiti. 

Il vostro blog si chiama “Lostinfood”: avete mai pianificato un viaggio solo per l’offerta enogastronomica del luogo? 

Sì lo abbiamo fatto in diversi viaggi o per lo meno il food ha determinato la scelta del nostro itinerario o destinazione: nel New England abbiamo seguito, esplorato e testato le varie shack alla ricerca del miglior lobster roll; sull’Ile d’Orleans in Quebec siamo andati per incontrare i diversi produttori locali.

E lo scorso inverno abbiamo organizzato un viaggio sempre in Quebec per vivere i “Temps
des Sucres” ovvero quando incomincia la raccolta della linfa d’acero e dove tutto diventa un momento di festa. Le cabane à sucre (i posti in cui viene prodotto lo sciroppo d’acero)  aprono le porte e imbandiscono le tavole di piatti e prodotti local dove l’ingrediente padrone è proprio lo sciroppo d’acero che qui viene prodotto per ben il 70 % del mercato tanto da essere considerato l’oro del Quebec.

Grazie Silvia e grazie Alex per averci dedicato il vostro tempo e per averci fatti sognare attraverso i vostri racconti.

Se volete contattare Silvia e Alex o saperne di più su di loro e sulle loro avventure potete trovare il blog qui!


Condividi questo articolo

Lascia un commento