Racconti in valigia: Dolomiti da sogno

Racconti in valigia: Dolomiti da sogno

Condividi questo articolo

Oggi il Panda ha il piacere di intervistare Nicola e Umberto, grandi appassionati della montagna e della fotografia e autori del blog Dolomiti da sogno, in cui parlano di sentieri, rifugi e news sulle loro Alpi.

Raccontami qualcosa su di voi e su come nasce il vostro blog; 

Dolomiti da sogno è composta da Nicola Ercolini e Umberto Tridello, rispettivamente di 26 e 25 anni, residenti a Rovigo. Oltre alle lauree in comunicazione e web marketing (Nicola) e in Scienze dello sport (Umberto) siamo spinti da una grande passione per le montagne e per la fotografia, in particolare dalle nostre Dolomiti. Il blog è nato all’inizio del 2019 con l’obiettivo di promuovere il territorio delle nostre Dolomiti e cercare di aiutarlo (per quanto possibile) a rialzarsi dopo la tempesta Vaia. L’obiettivo di questo progetto è quello di comunicare le Dolomiti in un modo più fresco e innovativo, cercando di dare un taglio giovane a tutta la linea editoriale. Il progetto è costituito da un blog, in cui si parla di sentieri, rifugi e news sulle Dolomiti, supportato da una strategia e da una pianificazione social utilizzando principalmente Facebook e Instagram. Il sogno nel cassetto è quello di diventare un sito/portale di riferimento per le nostre Dolomiti, in cui gli utenti possono trovare sia le novità che riguardano le nostre montagne, ma anche ispirazioni e curiosità su tanti rifugi o sentieri.

Siete sempre stati appassionati alla montagna o esiste un momento preciso in cui vi siete innamorati di lei?

Si, siamo sempre stati appassionati di montagna, fin da piccoli abbiamo iniziato a muovere i nostri primi passi proprio sulle Dolomiti. La fortuna di questo progetto sono stati i nostri genitori, che fin da piccoli ci hanno portati sulle Dolomiti a respirare aria fresca e ad ammirare panorami mozzafiato. Negli anni la voglia di raggiungere le cime più alte ha coltivato in noi una grande passione per le montagne, tanto da iniziare insieme il cammino per questo progetto.

Qual è il sentiero che prediligete quando volete concedervi una giornata in solitaria “per staccare la mente”?

Ci sono diversi sentieri che ci piace percorrere per staccare la mente dalla quotidianità, e riuscire a trovarne uno in particolare è davvero difficile, ma credo che l’escursione che ci è rimasta più nel cuore sia quello che dal Rif. Ciampedie arriva ai Rif. Preuss e Vajolet, e poi fino al Re Alberto. Il panorama qui è davvero incredibile, partendo dal Rif. Gardeccia, e proseguendo fino ai Rif. Preuss, Vajolet, raggiungendo i piedi delle Torri del Vajolet al Rif. Re Alberto. 

I 5 posti che devono essere necessariamente visitati se si organizza una vacanza sulle Dolomiti in inverno? 

Tra i 5 posti che consigliamo di visitare a chi vuole organizzare una vacanza sulle Dolomiti in inverno, sono senza dubbio la Chiesa di San Giacomo a Ortisei, in Val Gardena, le Tre Cime di Lavaredo, la Val Venegia ai piedi delle Pale di San Martino, il Lago di Braies quando è ghiacciato e una tranquilla passeggiata al Rifugio Fuciade dal Passo San Pellegrino.

Grazie Nicola e Umberto per averci raccontato le vostre montagne!

Se volete contattarli o saperne di più su di loro, potete trovare il blog qui!


Condividi questo articolo

Lascia un commento