Racconti in valigia: (Dis)avventure in viaggio

Condividi questo articolo

Oggi il Panda ha il piacere di intervistare Chiara, blogger e Accompagnatore Turistico, che ama condividere le sue avventure su ViaggiatriceDichiarata

Raccontami qualcosa su di te e su come nasce il tuo Blog

Sono un Accompagnatore Turistico di mestiere e una Blogger di viaggi per passione. Viaggiare è la cosa che amo fare di più e che più di tutte mi arricchisce e da un senso alla mia vita. Quando viaggio mi sento libera di essere me stessa e mi lascio travolgere dagli eventi. Difficilmente organizzo il viaggio nei dettagli, amo viverlo alla giornata (in realtà al minuto, ma non voglio che mi crediate pazza), mi piace andare letteralmente dove mi porta il cuore. Vivo la mia libertà sotto ogni aspetto, e le emozioni che mi regala il viaggio sono di una profondità unica, indescrivibili. 

Il blog è nato per gioco nel 2015. Dopo aver vissuto, lavorato e studiato all’estero tanti anni, ero tornata in Italia da poco e volevo assolutamente trovare una fonte di reddito per il futuro che mi portasse in giro per il mondo (ancora non ci guadagno, ma ci sto lavorando). Nel blog parlo di cose poco comuni e poco ricercate, e non mi importa se questo non gli ha ancora permesso di diventare popolare. Per me il viaggio non è solo dare consigli e suggerire itinerari. Il viaggio per me non è andare da punto a a punto b, è molto molto di più, e voglio parlare di questo, perché è ciò che mi appassiona: il viaggio è le persone che incontri, quello che mangi, ciò che vedi, l’esperienza che vivi, una canzone che senti, un’emozione che provi. Parlo dei vari aspetti del viaggio perché non ne parla quasi nessuno, ma è la parte più bella e più vera del viaggio. Il nome del blog, Viaggiatrice Dichiarata, è nato da un gioco di parole con il mio nome, Chiara➡Dichiarata. L’ho trovato geniale e mi descrive alla perfezione.

Sul tuo blog salta subito all’occhio la rubrica (Dis)Avventure. Di cosa si tratta?

Le (dis)avventure sono semplicemente quelle che capitano a tutti, ma che nessuno racconta mai. Chi non ha mai perso un aereo, mancato una coincidenza, rotto una valigia in mezzo alla strada, fuso il motore nel mezzo di niente? A tutti capitano, e io voglio raccontarle per ricordare che non tutte le disavventure vengono per nuocere o perché siamo sfigati, e la maggior parte delle volte, se la si prende con filosofia, hanno sia un lieto fine che un insegnamento. E poi dai, a raccontarle sono divertenti!

Se dovessi sceglierne una, qual è la più divertente?

Ce ne sono diverse, alcune non le ho ancora scritte, ma la (dis)avventura che racconto più spesso è sicuramente quella del vulcano🤣. La trovate a questo link.
Mi fanno sempre ridere rileggendole: il viaggio in Tasmania (parte 1), il mio primo road trip da Sydney a Melbourne (tappi per le orecchie), il video sulla Duna 45 in Namibia, il bagno con i coccodrilli.

Qual è il prossimo viaggio in programmi in cui speri che (non) ti capitino (Dis)Avventure?

Il prossimo viaggio in programma è datato 6 febbraio 2020 con partenza in India e ritorno dal Nepal  ovviamente senza itinerario prestabilito 


Condividi questo articolo

Lascia un commento