Racconti in valigia: Crescere insieme per le strade del mondo!

Condividi questo articolo

Oggi il Panda ha il piacere di intervistare Italia e Pietro, compagni di vita, amanti dei viaggi autori del blog Consigli di Gusto in cui condividono i loro consigli, le loro esperienze e le loro passioni.

Ecco qua l’intervista:

Raccontatemi qualcosa su di voi e su come nasce il vostro blog;

Il nostro blog “ Consigli di Gusto” nasce nel 2012 in un pomeriggio di una calda estate. Con il canto delle cicale in sottofondo e all’ombra del trullo di Pietro in Puglia tutto è nato quasi per gioco.

I nostri viaggi insieme iniziano nel 2010, dalla primissima vacanza nel vicino Marocco ai viaggi zaino in spalla nell’estremo Oriente: Pechino, Singapore, la Malesia, Bangkok e la Thailandia, l’Indonesia, Bali, e poi Cuba, il Costa Rica, le Antille Francesi, Hong Kong, le Filippine, la Colombia, l’Australia e quest’anno Myanmar e un po’ di relax alle Maldive.

Pietro aveva già da anni un suo blog personale, in cui raccontava le sue passioni, dai viaggi, alla tecnologia. Abbiamo iniziato a scrivere su “Consigli di gusto” per la voglia di raccontare le nostre esperienze, di raccontare i sapori e le sensazioni provate nelle nostre avventure in giro per il Mondo.

Ma facciamo un passo indietro. Viviamo entrambi a Rimini da 20 anni,  in realtà Italia è nata nelle Marche e Pietro è di origini pugliesi. A Rimini abbiamo studiato ed è ormai la nostra casa e proprio qui, nel 2009, le nostre vite si sono incrociate.

Quando è nata la vostra passione per i viaggi?

La passione per i viaggi è nata ed è cresciuta giorno dopo giorno. Come si dice? l’appetito vien mangiando e nel nostro caso è stato proprio cosi. I weekend fuori porta sono diventati sempre più frequenti e con il passare degli anni si sono trasformati in viaggi sempre più lunghi e sempre più lontani. Non riusciamo più a pensare alla nostra vita senza viaggiare,: adoriamo passeggiare per le strade del mondo, ci piace conoscere culture diverse dalla nostra, amiamo assaggiare cibi mai visti o girare per i mercati più remoti. Ci siamo resi conto che non esiste modo migliore per crescere assieme.

Il prossimo viaggio? Tra un mese saremo nel Circolo Polare Artico per ammirare l’aurora boreale!

In che modo l’esperienza enogastronomica può rendere unico un viaggio?

Crediamo che l’esperienza enogastronomica dia un valore aggiunto ad un viaggio. Nel cibo e nei suoi piatti si riflette la cultura e la storia di un Paese e spesso, nei nostri viaggi,  ci muoviamo proprio per provare determinati piatti o vini.

In alcuni casi, alcune tappe dei nostri viaggi, sono proprio dedicate alla ricerca dei sapori locali, come è successo in Australia, dove, nell’ultima parte del viaggio abbiamo deciso di visitare la McLaren Valley, una zona vinicola molto famosa.

Ho visto dal vostro blog che avete fatto un viaggio in Colombia:

Quali piatti tipici consigliate di assaggiare ai nostri lettori?

Come avrete capito, il cibo rappresenta un elemento irrinunciabile nei nostri viaggi. La Colombia è stata una vera e propria scoperta, anche dal punto di vista culinario. Abbiamo assaggiato piatti buonissimi, dalla colazione, alla cena, senza dimenticare lo street food.

Abbiamo assaggiato le buonissime empanadas fatte con farina di mais ripiene di pollo sfilacciato e patate e accompagnate dalla salsa di guacamole, le arepa di mais, tipica focaccia preparata con farina di mais e ( per colazione) la polenta di mais cotta nelle foglie di platano. A Bogotà  abbiamo bevuto la tipica bevanda locale “la chicha”, la birra delle comunità indigene ottenuta dalla fermentazione del mais e ci siamo scaldati con la cioccolata santafereno, la tipica cioccolata calda servita con il formaggio (lo sappiamo può sembrare un abbinamento assurdo!).

In Colombia abbiamo visitato anche una finca di cafè e assaggiato una tazza del loro caffè.

Grazie ragazzi per averci dedicato il vostro tempo e per averci fatti sognare con i vostri racconti!

Se volete contattarli o saperne di più su di loro e sui loro viaggi, trovate il suo blog qui!


Condividi questo articolo

Lascia un commento