Racconti in valigia: Il viaggio ai tempi della quarantena con Alessandra

Condividi questo articolo

Oggi il panda ha il piacere di intervistare Alessandra, autrice del blog almalusplace

Raccontami qualcosa su di te e su come nasce il tuo blog

Mi chiamo Alessandra, pugliese di nascita, bolognese di adozione e sono appassionata di Social Media e Content Creation.
Sono mamma single di Giovanni, un meraviglioso bambino di sei anni, che è la principale fonte di ispirazione del mio blog, Almalu’s Place e del mio feed di Instagram.
Il blog è ormai nato tantissimi anni fa e nel tempo si è chiaramente evoluto nei contenuti con me, diventando un blog dedicato al mondo del bambino: scrivo di maternità, di moda, design e lifestyle con un occhio di riguardo per la fotografia.

Come stai passando questi giorni di quarantena insieme alla tua famiglia?

Io e Giovanni #restiamoacasa e abbiamo cercato di creare una nuova routine che possa funzionare per noi. La mattina ci alziamo, facciamo colazione, ci vestiamo, come se dovessimo uscire per andare a scuola. Ma in questi giorni studiamo a casa; Giovanni ha cominciato la prima elementare a settembre e le maestre ci stanno aiutando fornendo materiali, letture e schede per fare in modo che i bimbi non restino troppo indietro. Poi ci dedichiamo ai giochi liberi e dopo prepariamo il pranzo e mangiamo. Nel pomeriggio facciamo dei lavoretti (sul mio profilo Instagram, nelle storie in evidenza, ci sono tutti i nostri Quaran-craft), guardiamo un film insieme e giochiamo un altro po’, fino all’ora di cena. Dopo cena Giovanni guarda un altro po’ di tv mentre io sistemo in casa. Poi ci prepariamo alla notte: mettiamo il pigiama, laviamo i denti, leggiamo e dormiamo 😉

Pensi che il viaggio sia momento per rafforzare i legami familiari?

Assolutamente sì. Ogni viaggio è una scoperta nuova per lui, ma anche per me che vedo il mondo attraverso una prospettiva nuova. Prima dell’arrivo di Giovanni ho sempre viaggiato “comoda”, ma da quando c’è lui mi piace stare di più a contatto con la Natura, che è la più grande maestra di vita che possiamo avere. Viaggiare ti porta spesso fuori dalla tua comfort zone, ma è un momento fondamentale per creare ricordi e sviluppare la curiosità già tanto viva dei bambini.

Qual è il viaggio che sogni di fare insieme alla tua famiglia?

Ce ne sono tanti, ma vi dirò quello che Giovanni dice sempre di voler fare: il Messico per il Dia de Muertos. Gli piace talmente tanto che per il suo quarto compleanno abbiamo fatto una festa a tema messicano!


Condividi questo articolo

Lascia un commento