Racconti in valigia: Una chiacchierata con Fix On Magazine

Condividi questo articolo

Oggi il panda ha il piacere di intervistare Giacomo Ambrosino, fondatore di Fix On Magazine

Raccontami qualcosa su di te e su come nasce il tuo blog

Mi chiamo Giacomo Ambrosino, 38 anni, fotografo e fondatore di GMPhotoagency, agenzia che si occupa di servizi professionali per l’immagine e la comunicazione. Per quanto riguarda Fix On Magazine è nato come strumento di comunicazione dell’agenzia GMPhotoagency, di cui sono il fondatore. E’ un magazine nato per fare rete, parlare di cultura a 360 gradi e di fungere in qualche modo da veicolo pubblicitario della nostra agenzia.

Quali sono le tue principali passioni?

Inutile dire che una delle passioni più grandi è la fotografia, che poi ho avuto la fortuna e capacità di renderla il mio lavoro. Poi amo leggere, ascoltare musica e stare con la mia famiglia e i miei amici. 

C’è un viaggio in particolare che ritieni ti abbia particolarmente segnato?

Sono molto onesto, non mi ritengo un viaggiatore esperto. Ho avuto la fortuna di viaggiare un po’ per l’Italia sia per lavoro che per passione. Sicuramente uno dei viaggi che ha segnato la mia esistenza è rappresentato diciamo da un triennio trascorso con il WWF a fare il volontario in Sicilia, dapprima a Cefalù in provincia di Palermo, all’interno del Centro di Educazione Ambientale e poi nel 2004 nella riserva naturale Torre Salsa a Siculiana Marina (AG) per un progetto dedicato alle tartarughe marine della specie “Caretta Caretta”.  Un’esperienza davvero importante che mi ha formato il mio essere responsabile nei confronti dell’ambiente e con i rapporti personali. 

Qual è il viaggio dei tuoi sogni?

Sono un fotografo ed è inutile dire che sicuramente il viaggio dei miei sogni sia quello di poter raccontare ciò che vedo intorno al mondo. Non ho una meta precisa o preferita. Sicuramente vorrei tanto che in uno di questi viaggi ci sia con me la mia famiglia. Come reporter mi piacerebbe magari fotografare la Nuova Zelanda mentre con la famiglia sicuramente una meta potrebbe essere l’Argentina. 


Condividi questo articolo

Lascia un commento