Racconti in valigia: L’energia di Tokyo

Condividi questo articolo

Oggi il panda ha il piacere di intervistare Amrita, una viaggiatrice incallita che ama condividere le sue esperienze su Audrey in Wonderland

Raccontami qualcosa su di te e su come nasce il tuo blog

Nata in India, cresciuta nella campagna piemontese, trasferita a Torino e cittadina del mondo. Una laurea in tasca, diversi lavori alle spalle, avventure e progetti sempre work in progress e tanti sogni sempre in testa. Viaggiare per me è come respirare, è aprire gli occhi, confrontarsi con altre culture e mettersi in discussione continuamente. E’ una cosa che non posso evitare di fare, che sia dietro l’angolo o dall’altra parte del mondo. Ho preso il primo aereo a 9 mesi e non mi sono mai più fermata. A questa passione travolgente associo quella della lettura, della scrittura, della fotografia, della moda e dello stile a 360 gradi. Ho messo tutto questo in un blog che è nato quando ancora si scriveva solo per passione e che ho chiamato Audrey in Wonderland abbinando il nome della attrice più classy della storia al paese delle meraviglie di uno dei miei romanzi (e film Disney, ammetto!) preferiti. Una sorta di diario virtuale delle mie passioni, che negli anni è diventato sempre di più una parte del mio attuale lavoro in campo digital e social, che svolgo nella mia bellissima Torino. Sono sempre pronta a scattare una foto, a riempire una valigia, a fare shopping di accessori, a bere un Prosecco con le amiche, a iniziare un nuovo libro o a ricoprire fogli e fogli di appunti che poi perdo sistematicamente. Felice di fronte al mare, a un tramonto rosa, a un quadro di Van Gogh o a una pizza al prosciutto con un uomo speciale.

 

Qual è stato il tuo itinerario in Giappone?

Il mio viaggio in Giappone è stato un primo assaggio di questo Paese straordinario in cui già non vedo l’ora di tornare. Avendo solo una decina di giorni, ho privilegiato i “grandi classici”: sono atterrata ad Osaka, dove ho trascorso un paio di giorni, poi mi sono spostata a Kyoto, ho esplorato anche Nara e infine mi sono concentrata su Tokyo. E sono stati dieci giorni incredibili! Inoltre, gli spostamenti in Giappone sono velocissimi e comodissimi, quindi ho davvero approfittato di ogni singola ora trascorsa in questo Paese incredibile. Ad Osaka mi sono persa tra pagode e street food, a Kyoto ogni angolo è una poesia, a Nara mi sono innamorata dei cervi che girano liberi ovunque e a Tokyo ho amato l’onnipresente contrasto tra progresso inarrestabile e tradizione millenaria. Un ultimo appunto: ho viaggiato da sola e mi sono sempre sentita accolta e totalmente al sicuro. I giapponesi sono di una gentilezza squisita e anche quando non parlano una parola di inglese si fanno in quattro per aiutarvi in caso di bisogno.

 

Hai apprezzato la cucina giapponese?

 Tantissimo! Ad Osaka in particolare, si può gustare il migliore street food del mondo. Il Giappone non è solo sushi ma è anche tempura, carne, verdure, cerimonie del tè, gelati multicolore, riso a forma di Hello Kitty e gigantesche porzioni di zucchero filato! L’esperienza culinaria, durante un viaggio in Giappone, è parte integrante del viaggio e tutto, dai mercati del pesce ai ristoranti stellati, è una gioia per le papille gustative.

 

Qual è il luogo o città che ti è rimasta più nel cuore durante il tuo viaggio?

 Ho amato in parti uguali Tokyo e Kyoto. La prima perché ti senti al centro del mondo, c’è un’energia pazzesca che invade ogni angolo e hai costantemente la sensazione che tutto sia possibile, compreso vestirsi da supereroe e sfrecciare nel traffico di Shibuya a bordo di un go kart, bere lo stesso cocktail di Scarlett Johansson e Bill Murray in Lost in translation e diventare parte di un’opera d’arte multimediale al TeamLAB Borderless. A Kyoto invece ti sembra di fare un tuffo nel tempo: puoi scalare una montagna in mezzo a centinaia di torii arancioni, passeggiare in giardini straordinari, perderti in templi leggendari, sentire il vento che scuote gli alberi della foresta di bambù e incontrare per puro caso una bellissima Geisha. Come non mi stanco mai di ripetere: il Giappone è magia pura!

 

Blog: https://www.audreyinwonderland.it/blog/

Instagram: https://www.instagram.com/amrita82/


Condividi questo articolo

Lascia un commento