Racconti in valigia: La magia di Lucca e dintorni

Condividi questo articolo

Oggi il panda ha il piacere di intervistare Federica e Alessandro, due guide ambientali escursionistiche che amano le avventure in mezzo alla natura. Trovate le loro proposte su amazinglucca

Raccontatemi qualcosa su di voi e su come nasce la vostra attività

Io (Federica) sono una guida ambientale escursionistica dal 2012. Sono da sempre un’appassionata di montagna e natura in generale. Sono stata per diversi anni il presidente di un’associazione che organizzava ogni weekend escursioni più o meno impegnative nel territorio di Lucca in particolare, e della Toscana e Liguria in generale. Adoro passare le giornate all’aria aperta e condividere con i miei ospiti le meraviglie nascoste del nostro territorio.

Alessandro è un appassionato di bicicletta e natura. Ci siamo conosciuti ad una delle mie escursioni e non ci siamo più lasciati. Adesso siamo marito e moglie e partner in affari. Lui è diventato guida di MTB nel 2016 e guida ambientale escursionistica da poche settimane. Insieme abbiamo creato Amazing Lucca, con lo scopo di far conoscere in maniera approfondita, divertente e dinamica tutti i tesori incastonati nel nostro territorio. Lucca non ha solo uno stupendo centro storico, intorno a noi ci sono colline, montagne, laghi, torrenti che meritano di essere scoperti.

Come è nata la vostra passione per la Natura e le escursioni all’aria aperta?

La nostra passione è nata fin da piccoli. Molte delle nostre domeniche le abbiamo trascorse in montagna, o nei torrenti insieme ai nostri genitori. E’ stato un amore a prima vista, che non ci ha più abbandonato. Abbiamo continuato ad esplorare il nostro territorio e non solo. Anche nelle nostre vacanze, cercavamo luoghi colmi di natura. I miei studi (Federica) si sono allineati con la mia passione e mi sono laureata in Scienze Agrarie Curriculum Gestione del territorio agro-forestale. Ad un certo punto, ho sentito la necessità di condividere la mia passione e la mia competenza con altre persone. Sono diventata guida e ho cominciato ad accompagnare le persone nei luoghi a me più cari. Alessandro ha assecondato la sua passione per la bicicletta in mezzo alla natura. Ha esplorato tanti luoghi in sella alla sua MTB, scoprendo piccole meraviglie. Quindi, ha deciso di dare una svolta alla sua vita, ha lasciato il vecchio lavoro e adesso si dedica a tempo pieno e con soddisfazione ad accompagnare le persone in luoghi unici. Questo lavoro per noi è fonte di continua ispirazione, e grazie ai nostri ospiti cerchiamo di migliorare ogni volta i nostri itinerari, includendo sempre un po’ di enogastronomia. La conoscenza di un territorio passa anche attraverso i sensi.

Chi si reca a Lucca per un week end cosa non può assolutamente perdersi?

Lucca è una città incantevole, con le sue intatte mura che racchiudono un centro storico ottimamente conservato. Ma non è solo questo. Tutto il territorio che circonda il centro storico racchiude tesori di inestimabile valore, che sarebbe un peccato perdersi, dedicandosi solo al “dentro” le mura. Per esempio un’opera mirabile come l’acquedotto monumentale di Lorenzo Nottolini, costruito nella prima metà dell’Ottocento, perfettamente incastonato nella campagna appena fuori il centro, che ha inizio nel luogo chiamato “Parole d’oro”, valle dove sono ancora oggi captate le acque che alimentano le fontane del centro. Per gli amanti del trekking assolutamente da non perdere il Parco Regionale della Alpi Apuane (geoparco mondiale UNESCO): scenari mozzafiato, ruscelli, grotte, cascate e angoli ancora selvaggi. Per gli amanti del vino e dell’olio e delle camminate più morbide consigliamo le Colline Lucchesi, votate alla produzione di eccellente vino (DOC Colline Lucchesi, sia rosso che bianco), con i loro caratteristici paesi e il Monte Pisano (riconosciuto dall’UNESCO come parte della Riserva della Biosfera “Selve costiere di Toscana”), che divide Lucca e Pisa, dove si produce un ottimo olio e con brevi camminate si può osservare tutta la valle di Pisa fino al mare. Da non dimenticare le ville storiche intorno a Lucca, dimore dei mercanti lucchesi, a testimonianza degli antichi sfarzi di questa città, collegati da incantevoli itinerari da percorrere a piedi o in bicicletta. Insomma, ce n’è per tutti i gusti, e noi siamo qui per soddisfare le curiosità di ognuno, creando anche tour su misura.

Quali sono le ricette tipiche del vostro territorio che preferite?

La farina di castagne è un ingrediente fondamentale di molte ricette e io (Federica) l’adoro! Sia in versione salata come pasta, pane, polenta (da non perdere la polenta con gli ossi salati, ricetta tipica della Garfagnana), sia in quella dolce castagnaccio, necci, biscotti. Solitamente nelle mie escursioni, per coccolare i clienti, porto con me qualche fetta di castagnaccio da fare assaggiare. Io (Alessandro) prediligo i tortelli alla lucchese, ripieni di carne e con un po’ di bietola. Inoltre la zuppa di farro, la garmugia (una zuppa primaverile con piselli, fave, asparagi e carne macinata). Un must per chi viene a Lucca è l’assaggio del Buccellato, una sorta di pane dolce con uvetta e anice.


Condividi questo articolo

Lascia un commento