Racconti in valigia: innamorarsi dei paesaggi argentini

Condividi questo articolo

Oggi il panda ha il piacere di intervistare Gianluca, un incallito viaggiatore che ama condividere le sue esperienze su thererumnatura.it

Parlami un po’ di te e del tuo blog

Da piccolo non ho avuto la fortuna di viaggiare molto, infatti le mie vacanze avevano sempre luogo in Calabria dai nonni. Crescendo, però, mi sono reso conto che volevo ampliare i miei orizzonti, sentivo che passare il mio tempo libero a riposare in riva al mare non mi bastava più . Per sopperire a questa mancanza di scoperte durante l’infanzia ho iniziato a viaggiare inizialmente in Italia, per poi scoprire anche il resto d’Europa e negli ultimi anni anche i luoghi più lontani. Così facendo, mi sono reso conto che il viaggio non è solo relax, ma è soprattutto scoperta, infatti spesso mi capita di tornare a casa più stanco di prima!

Ho iniziato a viaggiare unicamente per passione, condividendo le mie esperienze sulla mia pagina Instagram. In seguito mi sono accorto però che il miglior modo per creare un legame con i miei lettori era quello che aprire un blog. In questo modo ho avuto la possibilità di creare una community con cui condividere consigli preziosi e tutti i dettagli dei miei viaggi.
Inoltre il blog è diventato un modo per coltivare la mia passione per la fotografia e la scrittura.

Ho visto che hai recentemente parlato di Argentina, cosa ti ha affascinato di più di questo Paese? 

L’Argentina è un paese molto vasto se comparato alla distanze a cui noi europei siamo abituati. Ciò che però mi ha particolarmente colpito è che durante i lunghi tragitti in pullman non ci si annoia mai, infatti guardando fuori dal finestrino si può godere che paesaggi meravigliosi, che sembrano quasi essere dei set cinematografici.
Se avete la fortuna di andarci non pensate unicamente al punto di arrivo, ma anche al tragitto!

Cosa consiglieresti di vedere in Argentina ai nostri lettori? 

Il mio primo consiglio è di ritagliarsi almeno 12-14 giorni per visitare questo paese, infatti il volo per raggiungere l’Argentina è molto costoso e non vale la pena fare tutto di corsa visto che le cose da vedere sono tante!
I luoghi che non potete assolutamente perdervi sono Salta (pur non essendo ancora molto turistica), le cascate dell’Iguazù e la pittoresca Buenos Aires.



Condividi questo articolo

Lascia un commento