Ai Confini dell’Asia: un viaggio di Mario Cimarosti

Condividi questo articolo

Mario Cimarosti e la via della seta

Siamo davvero felici di poter parlare in super anteprima di ‘Ai confini dell’Asia‘, un libro scritto da Mario Cimarosti, veneziano, che da settembre del 2018 ha iniziato a raccogliere le sue esperienze vissute attraverso la via della seta, per far conoscere a più lettori possibili le meraviglie all’ombra di Zar, Sultani e maioliche, un viaggio intesno, ricco di emozioni e di incontri, un percorso straordinario di 24.441 km.

Prefazione di ‘Ai confini dell’Asia’

In assoluta esclusiva, Mario ha concesso la prefazione del suo libro a Rolling Pandas. Siamo felici di presentarvela di seguito:

Ho sempre avuto una sentita passione per la scrittura, una passione che poi negli anni ho indirizzato nella lettura e nei miei viaggi, che sono diventati inevitabilmente la mia professione. Adesso però ho deciso di mettere nero su bianco i miei anni trascorsi in viaggio per lavoro, alla ricerca prima di tutto di me stesso perché viaggiare, a mio avviso, è un po’ come addentrarsi nella parte più intima della nostra anima, ci permette di scavare intensamente nelle nostre più profonde emozioni.
Sono veneziano, mio padre Ernesto è stato un artista vetraio, come poteva non esserlo considerando che è nato proprio a Murano, la splendida isola del vetro conosciuta in tutto il mondo, e questo viaggio che racconterò nel mio libro inizia esattamente da qui, da Venezia dove vivo tutt’oggi e dalle sue isole, terra nei secoli di dominati e dominatori, luoghi unici al mondo aperti alle conquiste ed ai conquistatori, confine inesorabile tra terra e mare dove le onde e l’acqua portano a scandire le giornate di questo popolo. Di qui dalla notte dei tempi si sono colonizzate culture e tradizioni provenienti da ogni parte del nostro pianeta, e proprio questa mentalità veneziana dedita all’accoglienza ed all’ecletticità esplorativa mi ha spinto sempre più lontano, partendo da Venezia verso popoli, costumi e usanze differenti e suggestive, da qui alla Russia, e ancora in Siberia, in Mongolia, sempre più avanti e sempre più lontano a scoprire la meravigliosa terra d’ Oriente. Fino alla Grande Cina, addentrandomi poi in tutta l’Asia Centrale, attraverso la terra dei carovanieri la mitica Samarcanda in Uzbekistan, incentivato dal desiderio di conoscenza ho continuato negli anni il mio lungo viaggio addentrandomi fino al Caucaso lambendo le coste del Mar Caspio sono arrivato in Georgia e in Azerbaijan fino alla straordinaria Armenia con il suo dolore di nazione “violentata” ma anche l’orgoglio di un popolo armeno che ha saputo alzare la testa nei momenti più difficili della propria storia, diventando oggi una meta ambitissima per i viaggiatori alla ricerca di paesaggi bellissimi e di tanta tantissima cultura. Trascinato dal vento della curiosità ho viaggiato attraverso due Continenti Europa e Asia, attraversando di fatto Oriente e Occidente ammainando le vele della mia fiera e audace esperienza solo con l’approdo nella antica capitale dell’Impero Romano, la Nuova Roma di Costantinopoli, quando davanti ai miei occhi è apparsa Istanbul, incredibile terra dei Sultani ricca di storia, in una Turchia simbolo di culture condivise dai popoli più lontani nei secoli fino ai giorni nostri.
Mi auguro che attraverso questo libro, io possa portare nel lettore quella sensazione impagabile che si traduce con il desiderio di viaggiare per visitare questi Paesi, lasciando a casa ogni forma di pregiudizio, trovando ognuno a modo proprio, le giuste motivazioni per decidere di seguirmi in queste esperienze perché credetemi, non è proprio possibile a mio avviso lasciar passare tutta la vita senza visitare almeno una volta queste straordinarie terre, lungo la meravigliosa via della seta.
Ho effettuato negli anni quello che a me piace definire il mio “Silk Ring Tour” (il viaggio nell’anello di seta), si perché il mio è stato un viaggio circolare ad anello appunto, che si è interamente consumato lungo tutta la Via della Seta, ribattezzata dall’ Onu la “strada del dialogo” perché in questa via straordinaria il viaggiatore scopre il valore più importante per chi ha davvero sete di scoperta, che spero di riuscire ad evidenziare in questo mio libro: il filo conduttore tra i popoli di Europa e Asia. Questa strada del dialogo, o meglio la Via della Seta unisce di fatto religioni diverse ortodossi, apostolici armeni, cristiani cattolici, islamici maomettani, elimina per il viaggiatore ogni forma di pregiudizio e amplia la coscienza di chi, come me, ha intrapreso un viaggio interiore unendomi eternamente a queste terre meravigliose.
Mi sono da sempre ispirato, considerando le mie origini veneziane, all’immenso viaggiatore di tutti i tempi Marco Polo, che tra il 1200 e il 1300 ha intrapreso un viaggio rimasto nella storia del nostro Paese, fronteggiando terre sconosciute e impervie spingendosi da Venezia fino alla Cina. Ho voluto rivivere questo itinerario sulla mia stessa pelle, componendo un mio puzzle personale, rievocando due decenni di miei viaggi che ho vissuto e sperimentato, ritrovandomi sorpreso e affascinato allo stesso tempo, ho potuto in questo modo ristabilire in me un forte senso di libertà, questa mia scrittura è quasi come una meditazione profonda, un viaggio emozionale appunto, dove tutto il resto rimane rigorosamente fuori, mentre dentro perversa la strada del non pregiudizio verso questi popoli troppo spesso definiti “strani e diversi” da chi non li ha mai vissuti e compresi.
Ringrazio di cuore le migliaia di persone che in questi anni hanno partecipato alle mie conferenze riempiendo le sale ed i teatri di tante città d’Italia, sono certo che continueremo ad incontrarci per condividere ancora insieme la mia, anzi la nostra passione, fino ai confini dell’Asia.
E allora vi invito a questa lettura “a cuore aperto” magari immedesimandovi insieme a me in viaggio in questi luoghi affascinanti, mi auguro che questo mio libro possa accendere nel lettore almeno una esile fiamma di curiosità per la Via della Seta e per la storia straordinaria degli Zar di Russia, camminatemi pure accanto mentre leggete, entrate in pieno nelle emozioni che io stesso ho provato in questo lungo viaggio, spero vivamente di farvi emozionare e di potervi trasferire almeno un po’ della mia immensa passione per questi popoli  e la loro storia, magari un giorno, se ancora non l’avete fatto, questi miei racconti saranno stati da stimolo per voi per iniziare il mio stesso viaggio proprio come quel detto che sono certo dovrebbe accompagnare sempre un viaggiatore: “ vedere con i propri occhi vale più di mille racconti “… Buona lettura!

Se siete rimasti affascinati (quanto lo siamo rimasti noi) dalle righe sopra, non vi resta che tuffarvi nelle 224 pagina di ‘Ai confini dell’Asia’. Il libro è disponibile in tutte le librerie d’Italia e online per esempio su Amazon.


Condividi questo articolo