9 animali che vivono solo in Madagascar

Condividi questo articolo

madagascar quando andare: i lemuri del madagascar

Non solo spiagge, relax, acque cristalline e natura, ma in Madagascar si trova una fauna del tutto del tutto fuori dal comune. Ecco un altro motivo per cui milioni di turisti ogni anno prenotano il loro viaggio su quest’isola: per tutti gli animali che vivono solo in Madagascar!

Collocato in mezzo all’Oceano Indiano verso la costa sud-orientale dell’Africa, la sua posizione isolata ha permesso a quasi 25000 specie di svilupparsi in isolamento per arrivare ad avere la nomea della tipica “fauna del Madagascar” più unica che rara!

Lemure del Madagascar (o anche proscimmia del Madagascar), rettili, anfibi, uccelli e mammiferi: quest’isola tutta a sé nasconde una miriade di animali da vedere in Madagascar.

  1. Lemure o Proscimmia del Madagascar
  2. Rane del Madagascar
  3. Camaleonte Brookesia
  4. Fossa
  5. Coleottero giraffa
  6. Testuggine raggiata
  7. Geco dalla coda a foglia
  8. Coua gigante del Madagascar
  9. Tenrec

1. Lemure o Proscimmia del Madagascar

I lemuri sono dei primati che hanno trovato il loro habitat naturale soltanto su quest’isola. Al giorno d’oggi esistono ancora 60 tipi di lemure in Madagascar, ma a causa di deforestazione e caccia molti di loro si stanno estinguendo, quindi affrettati a prenotare il tuo viaggio in Madagascar per godere della compagnia di questi fantastici animaletti! 

Lemuri dalla coda ad anelli

Compagni di casa dei danzerini del Madagascar, questi lemuri vivono nelle foreste secche occidentali e meridionali del Madagascar. 

Se quando pensi ad un lemure ti balza subito alla mente una coda lunga, bianca e nera, hai già presente come si possono presentare gli appartenenti a questa specie: infatti, i lemuri dalla coda ad anelli sono quelli più conosciuti e si cibano di fiori, frutti, foglie e corteccia.

Questi animali hanno una colorazione simile a quella del procione, con cui però non hanno nessuna parentela: manto grigio, ventre, torace, collo e estremità bianchi, una “mascherina” nera sul muso e la caratteristica coda più lunga del corpo ad anelli bianchi e neri alternati.

Il corpo è snello e la faccia allungata simile a quella di una volpe. I giovani lemuri hanno occhi azzurri che diventano gialli-arancio verso l’età adulta. Come dimensioni è paragonabile ad un gatto, con una lunghezza fra i 40 e i 50 cm e un peso che varia dai 5 ai 6 kg.

Se ti stai chiedendo dove puoi trovare questi simpatici animali che vivono solo in Madagascar, la risposta è nelle foreste sud occidentali con terreni folti d’erba o fiumi intenti a cibarsi di frutti, semi foglie o qualche insetto.

La cosa curiosa è che i lemuri dalla coda ad anelli vivono in branchi di 20-30 guidati di solito da un leader femmina e sono molto territoriali, tanto che ogni branco è padrone indiscusso di una particolare zona in cui nessun altro può andare.

Aye-aye

Muso di furetto, orecchie da pipistrello che roteano indipendentemente, denti da roditore, occhi verdi penetranti e zampe nere con un dito che sembra un rametto: che cos’è? No, non un puzzle, bensì l’Aye-aye, un animale tipico del Madagascar! Questi piccoli lemuri utilizzano lo strano ditino per sondare le cortecce degli alberi e vedere se possono cibarsi del loro contenuto di frutti, semi o larve di insetti. Se la ricerca è andata a buon fine mangiano il legno per riscuotere il loro premio. 

In alcune aree del Madagascar la popolazione locale li ritiene portatori di sfortuna e queste povere creature non sono solo sottoposte a caccia e deforestazione, ma anche ad uccisioni da parte degli indigeni.

Indri

Il verso simile a quello della megattera preannuncia le sue dimensioni sopra la media per un lemure: infatti, è la più grande specie esistente. 

Dalla colorazione bianco-nera, puoi imbatterti in un indri durante un’escursione nella foresta pluviale del Madagascar orientale, di cui questa simpatica creatura ha fatto la sua dimora per i suoi frutti e foglie succose.

Sifaka di Verreaux

Procedendo verso Sud, passando per la parte occidentale, potrai incontrare quest’altra specie di lemuri che si cibano di 3F: frutti, fiori e foglie. 

Chiamati anche “lemuri ballerini”, questi piccoli animali sono soliti avanzare a passo di danza sulle solo zampe posteriori quando attraversano una radura e sono una cosa che non puoi proprio perderti!

Microcebi

Come il nome suggerisce, questi lemuri sono minuscoli, tanto da essere chiamati “lemuri-topo” per le loro piccolissime dimensioni. Se vuoi incontrarli armati di pazienza e dormi il pomeriggio perché queste creature sono animali notturni che si cibano di insetti, piccoli vertebrati, frutti e fiori.

Super curiosità di cui non potrai fare a meno: questi micro animaletti aiutano una causa molto importante, infatti sono usati come modello per trovare una cura all’Alzheimer!


2. Rane del Madagascar

In Madagascar esistono intorno alle 300 specie di rane e ben il 99% di queste hanno trovato il loro habitat naturale soltanto qui! La cosa più curiosa è che, sull’isola, gli unici anfibi presenti sono appunto le rane: nessun rospo, salamandra o tritone, solo rane!

Tra tutte queste avevamo l’imbarazzo della scelta e abbiamo deciso di parlarvi delle due specie che ci sembravano più buffe!

Rana pomodoro

Chiamata sangongong dai malgasci, questo anfibio si presenta con una lunghezza compresa tra i 6 e i 7 cm per le femmine e tra gli 8 e i 10 per i maschi, un manto rosso fuoco e a volte più di 200 g di peso.

La puoi trovare nella zona nord-orientale dell’isola in stagni, fossi e risaie fino a 200 m di altitudine. Ma attento, questo animaletto sa come difendersi ed è molto permaloso: infatti, se disturbato, si gonfia e produce una sostanza appiccicosa simile a colla che è molto irritante per l’uomo.

Trascorre il suo tempo a specchiarsi nell’acqua e a rincorrere insetti e vermi, i suoi pasti preferiti!

Rana mantella

La sua protezione è anche il suo punto debole. Non è un indovinello, ma la caratteristica propria di questi anfibi: infatti, la loro pelle dai colori vivaci viene usata per segnalare ai predatori il loro manto tossico, ma le rendono anche molto popolari tra i collezionisti che,  portandole progressivamente verso l’estinzione, le prelevano dal loro habitat naturale per metterle in teche di vetro come fossero trofei.

Amanti delle zone più fresche, vivono tra i 1000 e i 2000 m di altitudine nel centro-est dell’isola.


3. Camaleonte Brookesia

Più o meno la metà delle specie di camaleonti mondiali vive in Madagascar. Nonostante sia pensiero comune che queste creature cambino colore per adattarsi all’ambiente che li circonda, in realtà il loro “trasformarsi” è finalizzato a esprimere emozioni, difendere la loro zona e parlare con gli amici. 

Una delle specie più curiose tipiche del Madagascar è quella dei camaleonti Brookesia, rettili un po’ atipici rispetto ai loro parenti, perchè? Gli appartenenti a questa “famiglia” hanno una capacità limitata di cambiare colore, le femmine sono più grandi dei maschi, la coda è corta e non prensile, vivono sul suolo della foresta e non sugli alberi e, in ultimo, sono super specifici e si dividono in tantissime sottocategorie, tanto che alcuni trovano dimora in “quartieri” chiusi di pochi km2.

I camaleonti di questo genere sono tra i rettili più piccoli al mondo (circa 30 mm) e si cibano di piccoli insetti, quando si sentono in pericolo si fingono morti mimetizzandosi con le foglie e vivono perlopiù di giorno al contrario della maggior parte dei loro parenti.


4. Fossa

Apparentemente un incrocio tra un puma e un cane, questo animale è un parente della mangusta

L’antagonista di “Madagascar” è un predatore temuto in questa terra dalla fauna del tutto fuori dal comune: infatti, la fossa è un carnivoro che si nutre di quasi ogni specie animale presente sull’isola, tanto da risultare particolarmente antipatico alle popolazioni locali per le sue stragi di pollame. Tranquillo, però, se non “disturbi il can che dorme”, non verrai attaccato perchè a quanto pare la carne umana è una delle poche non di suo gradimento!

Anche se non hanno le ali, questi predatori possono “volare” sugli alberi grazie alla loro agilità così da non dare scampo a nessuno!


5. Coleottero giraffa

Con il suo centimetro di lunghezza, questa creatura ha saputo comunque entrare nelle “celebrities” malgasce. 

Ingegnatosi per trovare un modo per costruire meglio il nido e per lottare con più forza, questo coleottero ha sviluppato un collo talmente lungo da sembrare quello di una giraffa. 

La cosa curiosa delle “mamme giraffa” è che nascondono le uova all’interno di foglie d’albero arrotolate.

Se sei curioso di incontrarlo, lo puoi ammirare in tutte le sue tonalità nero-rosse soltanto nel tuo viaggio in Madagascar!


6. Testuggine raggiata

Guscio alto e dalle linee gialle, testa piatta: ecco a te la tartaruga raggiata!

Trascorre i suoi 100 anni di vita brucando erbe, frutti e piante succulente nei boschi meridionali del Madagascar.

Questa simpatica creatura, infatti, è una specie che ama la terra ferma ed è talmente particolare e bella che l’uomo l’ha introdotta nelle isole Mauritius e Réunion strappandola dal suo habitat naturale in cui è in pericolo di estinzione a causa della caccia e della deforestazione.


7. Geco dalla coda a foglia

Detto anche geco satanico per i suoi grandi occhi rossi, gli artigli ricurvi per muoversi agilmente tra gli alberi e la sua bocca rosso acceso, questa creatura ama la notte in cui si aggira nella foresta tropicale a cerca di insetti da mangiare. 

Specialità? Scappare dai predatori! Infatti, questi gechi hanno una spettacolare capacità mimetica, tanto da riuscirsi ad appiattire per ridurre al minimo la loro ombra e far cadere la coda volontariamente per mandare in confusione i loro cacciatori.


8. Coua gigante del Madagascar

Se sei abituato a vedere fagiani in campagna, sei già circa preparato per incontrare questo simpatico uccello. Infatti, il coua gigante del Madagascar assomiglia molto a questi volatili delle nostre zone rurali, ad eccezion fatta che vive solo in Madagascar!

In quest’isola trovano dimora 258 specie di uccelli, 115 delle quali sono tipiche e vivono solo qui. 

Pensa che in queste zone fino a pochi secoli fa vi erano uccelli che arrivavano fino a 500 kg e 3 metri di altezza; con uova di 10 kg sfamavano fino a 150 persone! 


9. Tenrec

Oltre a lemuri e carnivori esistono anche altri mammiferi unici in Madagascar, come questi piccoli ricci-topo ragno. Con il suo corpo lungo 25 cm, la pelle rosa scuro, gli aculei che ricordano suo cugino riccio, si sposta e vive nelle zone ricoperte dalla foresta pluviale, nelle savane, nelle zone cespugliose, nelle praterie e nella foresta spinosa come lui: insomma, lo puoi trovare un po’ dappertutto!

La loro dieta è a base di insetti e, grazie alla radiazione evolutiva, si sono evoluti e insediati solo in Madagascar con una varietà di specie.

Una di queste è il tenrec striato che, caratterizzato dalla striscia gialla che gli corre lungo la schiena, è capace di emettere degli ultrasuoni per comunicare nella fitta foresta pluviale attraverso la cosiddetta “stridulazione” tipica degli insetti.


Condividi questo articolo

Lascia un commento