Racconti in valigia: Viaggio nel fantasy con Moony Witcher

Un viaggio nel fantasy con Moony Witcher

Abbiamo intervistato Moony Witcher, autrice del blog moonywitcher.com e del sito sestalunaservizieditoriali.it, che ci ha raccontato di se, delle sue esperienze e delle sue idee sul mondo travel.

 

 

Raccontaci un po’ di te, delle tue attività e del tuo blog

Mi chiamo Roberta Rizzo ma i lettori mi conoscono come Moony Witcher, uno pseudonimo scelto molti anni fa, quando svolgevo la professione di giornalista. Le mie saghe fantasy sono tradotte in circa 40 Paesi del mondo e questo mi permette di viaggiare per incontrare i lettori di diverse nazionalità. Scrivo per passione, per amore, per necessità esistenziale. Scrivere, per me, è vivere. Il genere fantasy è quello che prediligo poiché posso creare mondi, linguaggi e personaggi usando l’immaginazione. E il mio blog è molto seguito e ricevo email da giovani lettori e anche dai loro genitori. Ma non mancano gli adulti che, fin da quando erano bambini, mi seguono ancora. Usare l’immaginazione è rendere reale il tuo pensiero. E’ creatività. E i viaggi della mente corrispondono spesso a viaggi reali che faccio sempre con entusiasmo.

Come scegli le tue mete di solito?

Quando decido di partire scelgo mete che uniscano il relax a itinerari culturali. Il viaggio deve essere un arricchimento mentale ma anche un piacere di assaporare il riposo e le pietanze del luogo.

 

Quali sono le destinazioni che più ti hanno colpito? Perché?

Sicuramente i viaggi che mi hanno affascinato più di altri riguardano il Messico e l’Austria. Due mete moto diverse ma che offrono numerosi spunti per il mio lavoro di scrittura. Il Messico, con i siti archeologici dei Maya non sono soltanto entusiasmanti ma portano a scoprire leggende e culture immense e affascinanti, La vegetazione, il cibo e la musica sono elementi importanti che Messico, nella sua complessità geografica, offre con generosità. Ho nuotato con i delfini, visitato posti incantevoli quasi paradisiaci, come l’Isla mujeres (l’isola delle donne) per non parlare di Chapala, a pochi chilometri da Guadalajara. L’Austria, invece, mi ha colpito per le architetture delle case, i castelli e per la cultura musicale e l’arte in genere. Amo molto il Leutasch e quando posso ci torno.

 

Qual è la cosa che non può mancare durante uno dei tuoi viaggi?

Quando viaggio non può mancare il mio taccuino degli appunti. E’ indispensabile per fermare pensieri e riflessioni che ho osservando luoghi e bellezze.

Ci puoi dire secondo te che legame può esserci tra quello a cui ti dedichi e il viaggio?

E’ evidente che per per me viaggiare significa arricchire la cultura e le ispirazioni per nuovi romanzi. Conoscere il mondo, le culture, le tradizioni di tanti popoli è un dono al quale non posso e non voglio rinunciare.

 

Un consiglio personale su una lettura da portarsi in viaggio

In viaggio è sempre utile portare un libro che ti possa allietare. Ma se il tempo lo si vuol dedicare solo ed esclusivamente al viaggio stesso, allora una buona guida turistica è apprezzabile. Leggere e studiare gli itinerari per scoprire posti e borghi, spiagge incontaminate o trattorie locali è fondamentale per godersi una vacanza da non dimenticare.

 

 

Ringraziamo ancora Roberta per questa bellissima intervista. Vi ricordiamo che potete trovare il suo blog  moonywitcher qui e il suo sito sestalunaservizieditoriali  qui

Sei un viaggiatore? Vuoi provare a viaggiare e vivere le stesse esperienze di Roberta?

 

Registrati subito!

Condividi questo articolo con i tuoi amici

Come funziona Rolling Pandas?

req

Crea il tuo viaggio

  • Viaggia in tutto il mondo
  • Scopri 1000+ tour organizzati
  • Più di 200 partner scelti con cura
prev

Ricevi il preventivo

  • Manda la tua richiesta senza impegno
  • Ricevi il preventivo da un esperto locale
  • Prenota con un clic
go

Parti in sicurezza

  • Piattaforma per pagamenti sicuri
  • Utilizzato da centinaia di viaggiatori
  • Opzioni di pagamento flessibili

Vuoi fare un viaggio su misura? Scrivici!

mood_bad
  • Non ci sono commenti
  • chat
    Aggiungi un commento
    keyboard_arrow_up