Racconti in valigia: MatTravel

In viaggio con Matteo

Abbiamo intervistato oggi Matteo, autore del blog mattravel.it, che ci ha raccontato dei suoi viaggi e delle sue idee sul mondo travel.

 

Raccontaci un po’ di te e del tuo blog

Il nostro blog è nato nel 2016 dalla voglia di condividere con amici e conoscenti la forte passione per i viaggi e per il mondo. L’idea si è sviluppata in modo del tutto naturale: durante i nostri viaggi erano in molti a scriverci per avere informazioni. Cosi abbiamo sentito la voglia di condividere i nostri viaggi, tramite immagini, racconti e consigli, per offrire spunti a chi ne ha bisogno e un po’ di svago a chi ha voglia di evadere, anche solo con la mente.

 

 

Cosa ne pensi del viaggio come esperienza?

Rischiamo di cadere nel banale ma siamo sinceri nel dire che per noi il viaggio è un’occasione. Se lo vivi senza porti limiti il viaggio sa arricchirti più di qualsiasi altra cosa. Apre la mente e permette di andare oltre. Per noi il viaggio non si limita al gesto di prendere un aereo e visitare un paese, ma è un’immersione a 360 gradi nella sua cultura. Il viaggio come esperienza e’ la possibilità di guardare la vita da un punto di vista diverso, di uscire dalla routine. Il viaggio ti forma, ti plasma. Insomma potremmo andare avanti ore…

 

 

Come scegli le tue mete di solito?

Ipotizziamo nella nostra mente alcune mete in base a quello che ci attira in quel momento. Poi partiamo con la ricerca online e aggiudichiamo il volo meno costoso… l’aspetto economico è senza dubbio determinante nella definizione delle nostre mete…

 

Quali sono i preparativi che fai di solito prima di un viaggio?

I giorni che precedono i viaggi sono quelli che più ci piacciono, perché ci sono l’emozione, la carica, l’eccitazione e… la preparazione di tutto ciò che serve. Quello su cui ci concentriamo, prima ancora delle valigie, è lo zaino, che include tutta l’attrezzatura i tech (che aumenta a dismisura a ogni viaggio che facciamo..arriveremo ad avere lo zaino più grande del bagaglio. Un paradosso). C’è poi il controllo di documenti, visti e passaporti…che sono noiosi ma fondamentali. E infine… il momento più bello: la bozza di un itinerario ipotetico…per avere un’idea delle cose che assolutamente non vogliamo perdere. Ma, guai a prenotare con anticipo, ci piace improvvisare quanto più possibile una volta arrivati sul posto.

Cosa ne pensi del turismo sostenibile?

siamo tornati da poco dal Vietnam e possiamo dire di essere rimasti colpiti negativamente dalla sporcizia incontrata ad Ha Long bay. Un posto magico che da anni è diventato patrimonio dell’umanità. Eppure, abbiamo trovato una quantità folle di plastica e sporcizia. Noi ci siamo affidati a un tour operator che organizza escursioni a favore del turismo sostenibile. Quando possiamo cerchiamo di farlo. Abbiamo recentemente contribuito anche alla salvaguardia dell’oceano tramite la raccolta della plastica. Sono piccoli gesti, ma siamo convinti che tutti insieme possiamo ottenere grandi risultati.

 

Qual è il tuo sogno nel cassetto per quanto riguarda i viaggi?

Nonostante il nostro dichiarato amore per il sud est asiatico, uno dei sogni nel cassetto è senza dubbio il Sud Africa dove vorremmo immergerci in gabbia con gli squali. Chissà che non si avveri…per quanto riguarda le mete è la Polinesia, per il nostro amore incondizionato verso il mare e le sue forme di vita… a questa possiamo accostare il sud america, la Namibia e il Nepal. Un altro grande sogno nel cassetto riguarda il sud africa dove vorremmo immergerci in gabbia con gli squali.

 

 

Raccontaci un aneddoto di uno dei tuoi viaggi

Un aneddoto che ricordiamo sempre con il sorriso risale al nostro primo viaggio insieme a Bali. Ogni giorno diverse persone ci fermavano per chiederci una foto. Sembravamo delle star, tutti volevano fare foto con noi, tutti ci fermavano. Non riuscivamo a darci una spiegazione. Le abbiamo pensate tutte, anche che quello fosse un trucco per distrarci e sfilarci gli oggetti dagli zaini. Alla fine abbiamo scoperto che erano semplicemente attratti dal biondo e dai tratti occidentali.

Degno di nota anche quel giorno in cui siamo stati fermati dalla polizia maldiviana in aeroporto per alcune incongruenze nel visto. Non solo abbiamo perso il volo ma siamo stati costretti a fermarci nella capitale Malè dove proprio in quel momento era in atto un colpo di stato.

 

Ringraziamo ancora Matteo per questa bellissima intervista. Vi ricordiamo che potete trovare il suo blog qui

Sei un viaggiatore? Vuoi provare a viaggiare e vivere le stesse esperienze di Matteo?

 

Registrati subito!

Condividi questo articolo con i tuoi amici

Come funziona Rolling Pandas?

req

Crea il tuo viaggio

  • Viaggia in tutto il mondo
  • Scopri 1000+ tour organizzati
  • Più di 200 partner scelti con cura
prev

Ricevi il preventivo

  • Manda la tua richiesta senza impegno
  • Ricevi il preventivo da un esperto locale
  • Prenota con un clic
go

Parti in sicurezza

  • Piattaforma per pagamenti sicuri
  • Utilizzato da centinaia di viaggiatori
  • Opzioni di pagamento flessibili

Vuoi fare un viaggio su misura? Contatta un operatore locale!

mood_bad
  • Non ci sono commenti
  • chat
    Aggiungi un commento
    keyboard_arrow_up