I Feel Betta

Abbiamo intervistato Elisabetta, autrice del blog ifeelbetta.com che ci ha raccontato di sè, delle sue esperienze e delle sue idee sul mondo travel.

credits: ifeelbetta.com

Raccontaci un po’ di te e del tuo blog

Sono Fiorentina😁 . Io e Il blog ifeelbetta.com nasciamo senza filtri e senza tanti fronzoli per far sedere alla stessa tavola cibo e positività. Da un doloroso vissuto passato elaboro storie e pensieri che mi fanno sorridere e riflettere; punti di vista non banali che risolvono frequenti situazioni d’impaccio quotidiano, storie che introducono ricette del buonumore e descrizioni dei luoghi che visito. È il motivo per cui dai post escono spesso frasi dialettali e colloquiali: molti neologismi infantili, palesi storpiature e uno sbruffone sarcasmo mai premeditato, sempre spontaneo e quasi improvvisato. Tutto ciò rende originale e apprezzato il mio modo di raccontare cibo e mondo. Sorridere, incuriosirsi, scoprire parti di sé e della vita, così come viaggiare, non è l’ingrediente in più di un buon piatto, bensì il principale.

 

Che cosa ti spinge di solito ad intraprendere un viaggio?

A volte sono le super-offertone vantaggiose! 😜 Scherzo,  intraprendere un viaggio è spesso l’ispirazione di un momento che diventa idea fissa finché non la raggiungo e ne conosco ogni dettaglio, l’angolo più nascosto e meno trafficato.

Quanto è importante il legame tra cucina e viaggi secondo te?

E’ fondamentale. Non puoi conoscere un luogo senza sapere la colazione quotidiana di chi la vive anche quando tu sarai ripartito in tempo col tuo aereo, o la cena con cui ha finito la giornata contribuendo alla cultura che vediamo di giorno alla luce del sole spiegata in una guida.

 

Italia o estero?

Per quanto io ami ogni singola parte d’Italia -anche quella vicina,vicinissima!- mi piace pensare al viaggio come qualcosa che mi trasporta per un po’ di giorni in un ambiente totalmente diverso che mi trasforma, mi arricchisce e migliora. Direi Estero.

Pensi che sperimentare le specialità locali all’estero sia ancora un limite per molti viaggiatori italiani?

Temo di sì ed è un vero peccato. Ho visto molti viaggiatori italiani dirigersi verso il primo ristorante di dubbia qualità purché offrisse cibo di altrettanta dubbia provenienza italiana.

Non ha senso (visto che possiamo mangiare il fantastico cibo delle nostre nonne tutto l’anno) ma siamo molto attaccati alle nostre abitudini e abbiamo timore di approcciarci a ciò che non conosciamo, senza sapere che provare i cibi locali aumenta a 360° l’esperienza di un viaggio, e soprattutto la possibilità di assaggiare cibi locali deliziosi che possiamo portare a casa come tesoro prezioso riassaporandone ogni sfumatura.

 

Quali sono le destinazioni che ti hanno colpito di più, perchè?

Di tutte direi New York e Istanbul. Due crociere del mondo che dichiarano in modi diversi il passaggio e un bellissimo -seppur contraddittorio- rimescolamento di culture.

Il tuo sogno nel cassetto per quanto riguarda i viaggi

Vorrei assaggiare ogni singola specialità del mondo e scrivere ciò che mi ha resa felice passo per passo, pasto per pasto😜

 

 

Ringraziamo ancora Elisabetta per questa bellissima intervista. Vi ricordiamo che potete trovare il blog  qui

Sei un viaggiatore? Vuoi provare a viaggiare e vivere le stesse esperienze di Elisabetta?

 

Registrati subito!

Condividi questo articolo con i tuoi amici

Come funziona Rolling Pandas?

req

Crea il tuo viaggio

  • Viaggia in tutto il mondo
  • Scopri 1000+ tour organizzati
  • Più di 200 partner scelti con cura
prev

Ricevi il preventivo

  • Manda la tua richiesta senza impegno
  • Ricevi il preventivo da un esperto locale
  • Prenota con un clic
go

Parti in sicurezza

  • Piattaforma per pagamenti sicuri
  • Utilizzato da centinaia di viaggiatori
  • Opzioni di pagamento flessibili

Vuoi fare un viaggio su misura? Contatta un operatore locale!

mood_bad
  • Non ci sono commenti
  • chat
    Aggiungi un commento
    keyboard_arrow_up