Live Session: Travelholicsouls

Condividi questo articolo con i tuoi amici

Intervista a: Travelholicsouls

Abbiamo intervistato oggi Simone e Zineb, autori del blog Travelholicsouls, che ci hanno raccontato delle loro esperienze e del loro modo di viaggiare.

Parlateci un po’ di voi e del vostro blog

Siamo Simone e Zineb, una coppia che nonostante il poco tempo a disposizione -stupida vita moderna piena di impegni e di doveri e di lavoro con gli straordinari- dedica ogni momento libero ai viaggi!

Ed è da questo tempo ritagliato alla quotidianità, dai sacrifici che sono stati necessari a prendere treni ed aerei, dalla voglia di scoprire il mondo e di impiegare al meglio la nostra vita nasce Travelholicsouls, un diario di bordo virtuale fatto di riassunti, consigli, stati d’animo, racconti e preparativi.

Abbiamo pensato che parlare delle nostre esperienze dirette avrebbe potuto aiutare gli altri, magari evitandovi le nostre disavventure o magari facendo venir loro voglia di vivere le più indimenticabili esperienze.

 

Qual è il viaggio più strano che abbiate mai fatto? Perché?

Senza ombra di dubbio, l’Islanda.

Del mondo abbiamo visto poco ma abbiamo altrettanto pochi sono i dubbi sul fatto che possa esistere un posto che anche solo lontanamente gli somigli.

Bisogna visitarlo per capire quanto è assurdo. Parliamo del paese che detiene il record di geyser, che vanta un lago su cui galleggiano iceberg, spiagge di sabbia nera… è un posto in cui si può vedere le luci dell’aurora boreale, le balene…

Capite che è difficile togliere il primato ad un posto simile, no?

 

Avete mai stretto relazioni importanti con persone conosciute durante i vostri viaggi?

Noi siamo i più grandi sostenitori dei rapporti interpersonali ed interraziali (non a caso Zineb è di origine marocchina mentre Simone è italiano): cerchiamo di farci più amici possibile, ovunque in giro per il mondo e anche se ora come ora non abbiamo ancora stretto nessun rapporto che vada oltre il sentirsi ogni tanto, speriamo succeda presto.

In compenso, abbiamo coltivato molti rapporti con viaggiatori sparsi per il mondo che speriamo presto di incontrare.

 

Cosa ne pensate del turismo sostenibile?

Da una parte ci chiediamo se davvero ci fosse bisogno di qualcuno che imponesse una presa di coscienza nel comportarsi correttamente dalle altre parti del mondo e ci arrabbiamo per il menefreghismo e la superficialità delle persone; dall’altra siamo davvero contenti che il problema sia stato preso in carico seriamente, che si stia coltivando una cultura sociale e che pian piano si stia capendo che un viaggio può essere ancora più bello se correlato della cultura locale e se fatto nel rispetto del luogo.

Se doveste scegliere un luogo che non avete ancora visto quale sarebbe e perché?

Ma è una domanda difficilissima! Tutto il mondo vale come risposta?

Ora come ora abbiamo il cuore diviso tra due mete: il Myanmar e la Nuova Zelanda. Il primo per la misticità del posto e per il suo spirito ancora poco corrotto dal turismo; il secondo per la magia dei suoi paesaggi.

 

Preferite viaggiare in solitaria o in gruppo?

Da soli non abbiamo mai viaggiato, minimo siamo partiti noi due, in coppia…. Però ci piacerebbe, partire soli, alla ricerca di qualcosa che non sapevamo di star cercando. “Ama, mangia e viaggia”, non sarebbe male come nuovo libro!

Per quanto riguarda i viaggi di gruppo invece, ci è capitato di partire con gli amici ed è sempre una piacevole esperienza…. Non escludiamo di poterlo fare in futuro con completi sconosciuti. Sarebbe un bellissimo modo di conoscersi!

Qual è il significato del viaggio per voi?

Imparare.

Un viaggio aiuta a crescere, a migliorarsi, a liberarsi di pregiudizi e di idee infondate.

Viaggiare ci ha insegnato ad affrontare i problemi, gli inconvenienti, a dare il giusto peso alle cose, ad apprezzare ciò che abbiamo e ciò che invece gli altri non hanno, ad amare il nostro pianeta e a cercare di fare il meno male possibile.

Viaggiare insegna cose diverse in posti diversi a persone diverse e ciò che insegna a me può essere completamente diverso da quello che insegna ad un Marco qualsiasi nel mondo o a un Yong… ma insegna sempre qualcosa a chiunque.

L’importante è porsi sempre nei panni di chi vuole imparare.

Ringraziamo ancora Simone e Zineb per questa bellissima intervista. Vi ricordiamo che potete trovare il loro blog qui

Sei un viaggiatore? Vuoi provare a viaggiare e vivere le stesse esperienze di Simone e Zineb?

Registrati subito!

Condividi questo articolo con i tuoi amici

mood_bad
  • Non ci sono commenti
  • chat
    Aggiungi un commento
    keyboard_arrow_up