Live Session: Dritte On The Road

Intervista a Dritte On The Road

Abbiamo intervistato oggi Silvia, creatrice del blog Dritte On The Road, che ci ha parlato delle sue esperienze in fatto di turismo sostenibile e viaggi fuori dal comune.

Parlaci un po’ di te e del tuo blog

Ciao Luca, intanto grazie mille per l’invito! Inizio con le presentazioni, mi chiamo Silvia, 38 anni, segno zodiacale Gemelli. Le mie origini sono veronesi ma da una vita abito in provincia di Vicenza. Pur occupandomi d’altro nella vita professionale, da sempre sento dentro di me una passione fortissima per i viaggi! Mi sale l’adrenalina già da quando prende forma nella testa l’idea della prossima meta, vicina o lontana che sia.

Mi sono sempre divertita ad organizzare le vacanze e i viaggi in autonomia, spulciando sul web e divorando voracemente le guide. Poi un bel giorno ho deciso di mettere “nero su bianco” le nostre dritte (mie e di mio marito Riccardo) come viaggiatori fai da te.

Nasce così “Dritte on the road”!! Un travel blog dove racconto gli itinerari sperimentati, aneddoti curiosi legati ai nostri viaggi, chicche ed emozioni vissute negli angoli di mondo che abbiamo avuto la fortuna di visitare.

 

Cosa ne pensi del turismo come sfruttamento?

Credo che spesso si dimentichi la vera essenza del turismo come ricchezza e risorsa preziosa per un Paese e per gli abitanti del posto.

Dico questo perché spesso sono rimasta profondamente delusa alla vista di località consumate dal business e che assecondano la domanda turistica a ogni costo. Il risultato è apparso ai miei occhi come una triste standardizzazione del concetto di luogo. Città che diventano sempre più simili costellate di punti vendita delle maggiori catene internazionali.

Dal punto di vista paesaggistico, lo sfruttamento si rivela ancora più efferato se accompagnato da una blanda o quasi assente tutela e del patrimonio ambientale.

Ricordo ad esempio, durante un mio viaggio in Thailandia, la splendida baia di Maya Bay a Phi Phi Island invasa da barconi gravidi di turisti che deturpavano eccessivamente la mia vista. Volgo però lo sguardo avanti, verso forme di turismo eco sostenibile che stanno prendendo sempre più piede a livello globale. Sposo in pieno questa visione di lungo periodo che potrebbe essere la chiave di volta per crearci un futuro più attento e responsabile.

 

Qual è il viaggio più strano che tu abbia mai fatto? Perché?

Dunque… diciamo che di viaggi strani, in senso stretto, non ne ho da raccontare.

Se posso tendo a scegliere mete poco gettonate e meno battute. Un viaggio che potrei definire inusuale è stato un’estate di paio di anni fa ad Halkidiki, nella Grecia continentale.

La scelta è stata dettata dall’esigenza di cercare un mare trasparente senza la calca a cui si è abituati nel pieno della nostra stagione estiva.

Grazie alle tariffe allettanti del volo per Salonicco la scelta è ricaduta sulla Penisola Calcidica. Non ho trovato la Grecia classica che tutti noi conosciamo, tutta casette bianche e localini per intenderci. Ma la vacanza è stata al di sopra delle nostre aspettative. Il mare della Grecia è sempre una garanzia e la zona, ancora poco incline al turismo di massa e alla mondanità, ci ha lasciato il ricordo di un viaggio fatto di relax dal sapore autentico.

Sei mai rimasta in contatto con persone conosciute durante uno dei tuoi viaggi?

Non esattamente. I nostri sono viaggi di coppia, e grazie anche alla grande intesa diventano per noi anche un’opportunità per trascorrere in complicità tutti i momenti legati a questa esperienza. Ciò nonostante ci piace molto entrare in contatto con le persone del posto. Ci succede spesso, specie all’estero, quando alloggiamo nei b&b. Sono occasioni preziose per conoscere meglio un Paese, vedere come vivono gli abitanti dei luoghi che andiamo a visitare. Chiacchierate divertenti che ci arricchiscono!!

Qual è il significato del viaggio per te?

Per me un viaggio è scoperta in mille sensi. Scoperta dei pezzetti di mondo e riscoperta di noi stessi. Personalmente mi fa crescere e mi arricchisce come persona. Il viaggiare fa parte del mio DNA perché mi fa sentire viva. Il raccontare poi la mia esperienza attraverso le righe del blog è rivivere le emozioni e farle vivere anche a chi lo legge.

D’altronde, come recita il motto che gira attorno al mio blog, “ogni esperienza, anche la più piccola, è un viaggio”.

 

 

Ringraziamo ancora Silvia per questa bellissima intervista. Vi ricordiamo che potete trovare il loro blog qui

 

Sei un viaggiatore? Vuoi provare a viaggiare e vivere le stesse esperienze di Silvia?

Registrati subito!

Condividi questo articolo con i tuoi amici

Come funziona Rolling Pandas?

req

Crea il tuo viaggio

  • Viaggia in tutto il mondo
  • Scopri 1000+ tour organizzati
  • Più di 200 partner scelti con cura
prev

Ricevi il preventivo

  • Manda la tua richiesta senza impegno
  • Ricevi il preventivo da un esperto locale
  • Prenota con un clic
go

Parti in sicurezza

  • Piattaforma per pagamenti sicuri
  • Utilizzato da centinaia di viaggiatori
  • Opzioni di pagamento flessibili

Vuoi fare un viaggio su misura? Scrivici!

  • Silvia
    08/05/2018 at 13:52

    Grazie per la bella chiacchierata !!🤗 Complimenti anche per il sito!

chat
Aggiungi un commento
keyboard_arrow_up