Live Session: Daniela Larivei

Intervista a: Daniela Larivei

Abbiamo intervistato oggi Daniela, autrice del blog Daniela Larivei, che ci ha raccontato delle sue esperienze in Repubblica Dominicana.

Raccontaci un po’ di te e del tuo blog

Mi sono approcciata al blogging nel 2013, quando ho deciso di lasciare l’Italia e trasferirmi in Repubblica Dominicana per un anno sabbatico. Vanityfair.it mi aveva dato la possibilità di raccontare l’isola sul loro blog. Ho avuto subito grandi riscontri quindi, compresa la potenzialità di questo mezzo, e ritornata in Italia, qualche mese dopo, nel gennaio 2015, ho aperto il mio blog sulla Repubblica Dominicana (danielalarivei.com). Qui si trovano informazioni a 360° sulla Repubblica Dominicana, dai viaggi all’internazionalizzazione delle imprese, dal mercato immobiliare alle escursioni, fino all’Aloe Vera della Repubblica Dominicana, di cui sono Ambassador in Italia. La piantagione di Aloe Vera presente nel nord dell’isola è la più grande piantagione al mondo e io all’epoca ero stata la prima italiana a visitare la piantagione. Da quasi un anno, però, ho implementato il blog aggiungendo i viaggi nei Paesi arabi (che amo tanto motivo per cui ho studiato arabo per tre anni!), il pet (sono anche top pet sitter), e i viaggi con e per l’osservazione di animali. Il mio blog mi permette di scrivere e quindi di continuare a esercitare la mia professione giornalistica, anche se in modo diverso.

Cosa ne pensi dei viaggi organizzati?

Ognuno di noi ha un proprio modo di viaggiare che rispecchia la personalità o le esigenze del momento. Penso alle persone fortemente pigre che in vacanza vogliono rilassarsi ed essere serviti e riveriti. In questo caso, fare da soli può essere molto impegnativo e stressante. Meglio quindi affidarsi a un viaggio organizzato e a qualcuno che pensi a tutto. D’altronde, come dicono gli psicologici, la vacanza può anche essere una fonte di stress, specie se si deve organizzare da soli ogni minimo dettaglio. Nella mia vita ho fatto viaggi organizzati che si sono svolti molto bene. E inoltre secondo me, per alcune destinazioni, va privilegiato il viaggio organizzato rispetto al fai da te, se non fosse altro che si evitano disguidi burocratici che possono ritardare o ostacolare l’inizio della vacanza. Oggi, poi, complice il web, si tende a comprare il volo da soli. Ma se non si è più che pratici si rischia davvero di spendere il triplo di quanto si sarebbe speso affidandoci a una agenzia o a un consulente. Spesso i numeri dell’assistenza sono a pagamento, per non parlare di quando si sbaglia a scrivere una lettera del proprio cognome… Non sono bei momenti!

Preferisci viaggiare da sola o in gruppo?

Anche in questo caso, dipende. In genere, assolutamente da sola! Soli o in gruppo, l’importante è che si scelga in linea con la propria personalità. Altrimenti, sì è un problema. Comunque ho quasi sempre viaggiato da sola. Le vacanze sono sacre, non per nulla sono un diritto costituzionalmente garantito! In un gruppo, come nei corsi, c’è sempre un elemento (o più di uno) disturbante. Oltre al fatto che spesso gli interessi non combaciano e se si presentano criticità all’interno del gruppo che non si è in grado di gestire si rischia di litigare e rovinarsi le vacanze. I viaggi sono preziosi, sono momenti che dedichiamo a noi stessi, quindi vanno vissuti nel migliore dei modi. A me piace vedere e scoprire, non ho tempo di cercare di tenere in equilibrio e omogeneo un gruppo. Ho fatto però viaggi con amiche, mai più di una e anche ogni volta diversa, ma eravamo sulla stessa lunghezza d’onda e quindi non ci sono mai stati problemi.

Hai mai viaggiato in posti pericolosi?

Per me gli unici posti pericolosi sono quelli dove ci sono guerra, battaglie o situazioni politiche in bilico. Per il resto, tutto il mondo è Paese. Quando si viaggia bisogna avere le stesse accortezze di quando si è invece in Italia. Io vivo a Milano ma non andrei mai in Stazione Centrale di sera tardi o notte. Anche all’estero, e anche se si è in vacanza e sotto una palma, bisogna sempre usare il buon senso. Per esempio, io ho vissuto un anno in Repubblica Dominicana. Molti si chiedono se sia pericolosa. Io non ho mai avuto problemi di sicurezza. Sono sempre stata prudente e ho sempre condotto un sano stile di vita.

Cosa ne pensi del turismo di massa?

Anche in questo caso non c’è giusto e sbagliato. Io non lo amo, cerco sempre di evitare il turismo di massa. Però a volte succede che per vedere alcuni luoghi, fare alcune escursioni o pernottare in alcune strutture, volenti o nolenti, si deve sposare il turismo di massa. Io organizzo anche viaggi in Repubblica Dominicana e da un po’ di tempo sto cercando di promuovere un turismo diverso, grazie anche alle nuove direttive del Governo dominicano. Certo l’isola Saona e le piscine naturali sono uno spettacolo. Ma ci sono luoghi non battuti dal turismo di massa e attrazioni che vale davvero la pena vedere. La Repubblica Dominicana non è solo Bayahibe, ma tanto altro. Penso alla penisola di Samana, al sud ovest verso Haiti, a Jarabacoa e Constanza, ovvero alle montagne stile Heidi, alle numerosissime grotte, alcune delle quali con laghi di acqua dolce dove poter fare un bagno rigenerante, alle cascate, alle case sugli alberi, ai rancho e lodge.

 

Un’ultima domanda: mare o montagna?

Bella domanda. Adoro tutti e due. Dipende dal periodo dell’anno. La montagna mi piace molto d’estate e poco d’inverno. Il mare mi piace ma non quando c’è tanto caldo e tanta umidità. Mi piacciono e fanno bene entrambi. Adoro la montagna perché adoro molto camminare, mangiare bene, dormire bene la sera, il fresco… Il mare è sempre… il mare! Oltre al fatto che fa molto bene per la ritenzione idrica. Non amo però farmi rosolare al sole. Quando sono tornata in Italia, dopo appunto il mio anno sabbatico in Repubblica Dominicana, qualcuno, ironicamente, mi ha chiesto se ero stata ai Caraibi o in ospedale. Ma questa è un’altra storia…

Ringraziamo ancora Daniela per questa bellissima intervista. Vi ricordiamo che potete trovare il suo blog qui

 

Sei un viaggiatore? Vuoi provare a viaggiare e vivere le stesse esperienze di Daniela?

Registrati subito!

Condividi questo articolo con i tuoi amici

Come funziona Rolling Pandas?

req

Crea il tuo viaggio

  • Viaggia in tutto il mondo
  • Scopri 1000+ tour organizzati
  • Più di 200 partner scelti con cura
prev

Ricevi il preventivo

  • Manda la tua richiesta senza impegno
  • Ricevi il preventivo da un esperto locale
  • Prenota con un clic
go

Parti in sicurezza

  • Piattaforma per pagamenti sicuri
  • Utilizzato da centinaia di viaggiatori
  • Opzioni di pagamento flessibili

Vuoi fare un viaggio su misura? Scrivici!

mood_bad
  • Non ci sono commenti
  • chat
    Aggiungi un commento
    keyboard_arrow_up