Le città imperiali in Marocco: il profumo della tradizione

Tempo di lettura: 13 minuti

Le città imperiali in Marocco, là dove il tempo si è fermato

 

Non sono molti i luoghi capaci di sprigionare tutta l’intensità storica, culturale, emotiva di un Paese. Le città imperiali in Marocco sotto questo punto di vista sono meravigliosamente speciali e uniche. E’ tra i vicoli di queste città infatti che brilla tutta l’essenza marocchina nella quale non ci si può che perdere ammaliati.

 

Le magnifiche quattro città imperiali in Marocco

Tra le onde dell’Atlantico che si immergono nelle spiagge illuminate dal caldo sole e le alte cime dell’Alto Atlante sorsero fin dall’antichità, grazie al passaggio di diverse dinastie reali, le 4 magnifiche città imperiali del Marocco, che ancora oggi stupiscono i visitatori. Marrakech, Fez, Rabat e Meknes formano da sole un tour ideale, tappe simbolo di quello che oggi è anche conosciuto come il “regno della luce”.

 

 

 

1. La città rossa: cosa vedere a Marrakech

A 150 km dalle coste atlantiche, nel cuore del Marocco, Marrakech domina in tutto il suo splendore il caldo territorio ai piedi dell’Alto Atlantico. Marrakech è una delle maggiori città del Marocco nonché la più importante tra le città imperiali. La sua posizione è geograficamente strategica, tanto è vero che si potrebbe dire tranquillamente che in Marocco, tutte le strade portano a Marrakech. Non a caso sono tantissime le escursioni che da Marrakech partono per raggiungere il mare, il deserto oppure l’Alto Atlante.

Quando andare a Marrakech? Il periodo migliore per visitarla insieme alle altre città imperiali è la primavera europea, e i primi mesi autunnali. D’estate le temperatura possono facilmente toccare e superare i 40 gradi.

La voglia di escursione a Marrakech è tanta, al pari del desiderio di scoprirne ogni segreto perché già  prima di entrare nella città, sia che arrivate in treno, in macchina oppure dall’aeroporto Marrakech-Menara, si percepisce quanto sia particolare questa città e l’atmosfera intorno ad essa: l’aria limpida del deserto schiarisce il cielo rendendo lo spettacolo all’orizzonte magnifico con il cielo terso e celeste che contrasta perfettamente con il bianco delle alte cime dell’Alto Atlante che sfumano con il grigio/rossastro delle rocce della montagna. La città è ricca di architettura ed è apprezzabile per lo stile e la tinta rossa delle sue abitazioni. (le case vengono costruite secondo canoni specifici, tra cui il colore rosso!).

Dedica almeno un giorno intero alla visita di questa città! Per preparati per una passeggiata tra la gente e  i vicoli del sensazionale centro antico, che non a caso è stato insignito del titolo di Patrimonio dell’UNESCO, ecco Cosa vedere a Marrakech durante i tuoi giorni di visita:

 

 

 

Piazza Jemaa el-Fnaa

Centro nevralgico della città, questa piazza è considerata una delle più belle al mondo. Una piazza vivace, dove la vita e l’essenza marocchina non muore mai. Tutte le vie dei souk convergono in questa piazza sede del più grande mercato a cielo aperto del Marocco e probabilmente uno dei più grandi e belli del mondo. La piazza è uno spettacolo da vedere, da sentire, e da respirare tra profumi, suoni, colori, mercanti e turisti in continua interazione. 

Di giorno non vi è quindi solo il mercato dove tra l’altro si ha l’imbarazzo della scelta su cosa prendere come ricordo dell’esperienza (tappeti, datteri, spezie, prodotti tipici, babbucce marocchine), ma ci si può anche sostare ad ammirare e interagire con chiromanti, erboristi, suonatori, decoratrici di hannè, incantatori di serpenti e ammaestratori di scimmie!

La sera, specialmente al tramonto è obbligatorio una tazza di tè dalle terrazze che circondano la piazza che nel mentre diverrà più affollata con danzatori Chleuh, cantastorie, musicanti e maghi che animeranno la vostra esperienza da mille e una notte.

 

La Medina e i souk

Restando in tema di mercato, artigianato e prodotti tipici del luogo, Marrakech ospita una moltitudine di souk che si diramano dalla piazza Jemaa el-Fnaa attraverso i vicoli stretti della medina, una tra le più grandi e caratteristiche del Marocco. Ti troverai a camminare in una vera rete di viuzze dove perdersi è riperdersi è inevitabile! Ma in questo caso ne vale davvero la pena. Le bancherelle ti attrarranno per la loro ricchezza culturale e di oggetti e non solo: potresti ricevere svariati inviti ad assaggiare ed unirti a pasti e degustazioni di thè o caffè. Non rifiutare mai!

Tra i posti più apprezzati all’interno dei souk vi è la pizza delle Spezie (Place des Epices), il paradiso per chi ama perdersi negli odori speziati e uno spettacolo di tradizione marocchina. Anche il souk dei tintori è molto amato dai turisti. Tappeti, matasse di ogni colore esposte e appese ai muri creano un dipinto che calamita lo sguardo all’istante.

 

La Moschea Koutoubia

Questo edificio monumentale è la più grande moschea di Marrakech, in Marocco. E’ nota anche come la moschea dei librai. E’ caratteristica per le sue mure rosse, rosate che a seconda del momento della giornata regala suggestive sfumature. (Particolarmente bello è l’effetto al tramonto). L’architettura colpisce molto ed ha ispirato altre costruzioni nel mondo.  le finestre curve e le merlatura in ceramica ne decorano l’esterno. Inoltre un’enorme piazza circondata da verdi giardini rimane vive la notte poiché illuminata costantemente. Il minareto alto 77 metri domina piazza Jemaa el-Fnaa e domina la skyline di Marrakech.

I palazzi imperiali

Essendo la principale città imperiale del Marocco, Marrakech è ricco di edifici architettonici di origine reale. Tra questi spicca Palazzo de la Bahia (della bella), sfarzoso e costruito come pegno d’amore dal grand visir Ahmed ben Moussa alla sua favorita tra le 4 moglie e le 24 concubine che ha avuto! L’edificio è interamente decorato in marmo, terracotta, faggio e cedro. E’ inoltre un ambiente fresco, calmo e verdeggiante. Un gioiellino di Marrakech.

Visitate anche palazzo El Badi, che in realtà è quasi un sito archeologico visto che parliamo delle rovine di quello che era un gigantesco palazzo reale ispirato all’alhambra di Granada. Dotate di un enorme cortile e una piscina lunga 90 metri con grandi decorazioni in marmo italiano e oro, le rovine di questo palazzo vanno assolutamente visitate!

 

Le tombe Sadiane

Scoperte e restaurate di recente, questo mausoleo dedicato a circa 60 membri della dinastia Sadiana colpisce per le sue decorazione e per lo sfarzo. Famosissima la stanza delle dodice colonne decorata in legno e stucco.

La madrasa di Ben Youssef

Questa scuola coranica, ai tempi la più grande del Marocco, non è più in funzione. Tuttavia il suo stile rappresenta un’eccezione importante a livello architettonico. La forte matrice ispano-moresca caratterizzata da marmi, stucchi, ceramiche e decorazioni geometriche finalizzate al non rendere vistosa l’assenza di figure umani e vivente, come vuole il Corano, sono l’esempio perfetto di cosa vedere a Marrakech se si cerca uno stile diverso da quello islamico-andaluso.

Molto consigliato è il biglietto cumulativo con il Museo di Marrakech.

 

 

I rigogliosi giardini

Marrakech non è solo la “città rossa”, ma come si percepisce è una città ricca di colori e tra questi il verde è il più sorprendente! Marrakech infatti è tra le città più ricche di vegetazione del Marocco. Molto famosi sono i Giardini La Mamounia, noto per aver ospitato più volte Winston Churchill e il Jardin Secret, nascosto tra le vie della medina antica. Il principale parco resta comunque il Jardin Majorelle, una grande oasi lussureggiante che splende nella parte nuova di Marrakech. Le piante presenti in questi giardini vengono da tutto il mondo e vi è un’ampia selezione di piante grasse. Il verde della vegetazione in questo luogo contrasta perfettamente con le strutture interne in blu majorelle, una tonalità di blu cobalto, che regala degli scorci unici tra i più amati e postati sui social. Per farti un’dea visita il sito dei giardini Majorelle. 

Gli Hammam – un bagno nella cultura marocchina

L’Hammam al giorno d’oggi è una struttura molto simile a delle spa: i turisti ne sono molto attratti ed è possibile addirittura organizzare tour per questi locali! In realtà quando vi indichiamo questi posti come una cosa da vedere a Marrakech, l’intento è quello di trasmettere l’importanza degli hammam nella cultura del Marocco. Proprio per questo ti consigliamo di visitare gli hammam pubblici dove la tradizione permane e quindi la popolazione continua a lavarsi e massaggiare a terra. Effettuato con un guanto ruvido e un sapone tipico nero, questo massaggio rappresenta un atto di purificazione. Ricordati che sei in un bagno pubblico! Portati il necessario (accappatoio e ricambio), e rispetta al massimo i costumi del luogo.

 

Dove dormire a Marrakech: pernottamento nei Riad

Infine non perdetevi la possibilità di p essere ospitati nei riad di Marrakech, un tipo di edificio tra i più iconici e simbolici del Marocco. Si tratta di strutture sviluppate su più piani che chiusi internamente, si affacciano su meravigliosi giardini interni. Per scoprire di più sulle caratteristiche dei riad a Marrakech e in Marocco consulta il nostro approfondimento nella guida definitiva al Marocco!

Per concludere questo focus su cosa vedere a Marrakech, la prima delle città imperiali in Marocco, ecco alcune utilissime indicazioni sul trasporto interno alla città.

Marrakech è fornito di linee autobus che però risultano spesso essere particolarmente affollate e dotate di mezzi piuttosto antiquati. L’alternativa principale è data dai taxi. Qualora lo usassi controlla sistematicamente che il tassametro sia attivato. Facilmente raggiungibile è l’aeroporto Marrakech-Menara situato a soli 3 km a Sud della città.

Un trasporto molto turistico è il calesse, ma non è esattamente una delle principali attrazioni di Marrakech. Come detto inizialmente il miglior modo per visitare Marrakech è farlo a piedi, soprattutto per quanto riguarda la medina della quale difficilmente troverete una cartina precisa. Ma il bello è proprio è questo! Cammina per i souk, prestando la giusta attenzione ai mezzi a due ruote che possono eventualmente trafficare i vicoli della Medina.

 

 

2. Tuffo nel passato più remoto: cosa vedere a Fez

Fez è la più antica e autentica delle città imperiali del Marocco; la sua fondazione risale ad una decina di anni prima dell’800 d.C. E’ anche delle quattro, la città più a Nord.

Fez è riconosciuta inoltre come città santa e capitale religiosa del Marocco ed è il polo di massima concentrazione della cultura marocchina, fatto che ben si denota anche dalla prestigiosa università di Fez, ovviamente la più antica del Marocco.

Ecco cosa vedere a Fez per abbandonare il mondo esterno ed entrare nella dimensione marocchina al 100%.

 

– La medina di Fez, Patrimonio dell’Unesco

– Visita alla Madrasa Bou Inania

– La Moschea di Karaouine e l’Università al Qarawiyyin

– Le antiche concerie di Fez  

– Altre attrazioni per le vie della Medina di fez

– Palazzo reale

 

 

La medina di Fez, Patrimonio dell’Unesco

Fez è divisa in due zone, la città nuova e la  città vecchia. Per passare da una parte all’altra il passaggio più suggestivo è attraverso l’imponente porta Bab Bouljoud. Una volta varcata ti troverai nella medina di Fez cheè probabilmente la più tortuosa tra tutte le medine in Marocco, infatti è super consigliato farsi guidare da una guida locale, a piedi o con i muli, unico vero mezzo di trasporto che ha accesso alla Medina. Di fatti, ci piace indicare la medina di Fez come  la più grande “zona pedonale” del pianeta terra.

Gli asini rappresentano anche la principale fonte di pericolo stradale poichè essendo spesso caricati al massimo arrivano ad occupare l’intera stretta carreggiata dei vicoli.

Ovviamente le particolarità della medina risiedono tutte nell’atmosfera creata dal souk e dall’architettura degli edifici. Profumi e colori sono caratteristici del Marocco e Fez ne è un chiaro emblema.

 

 

Visita alla Madrasa Bou Inania


Molto di ciò che ti proponiamo sono all’interno della stessa medina di Fez, a partire dalla Madrasa Bou inania, scuola coranica che ha anche la funzione di moschea. Proprio per questo è dotata di un minareto che rende unica nel suo genere questa scuola. Come la madrasa a Marrakech, lo stile è tipicamente moresco, il che vuol dire che le decorazioni sono sviluppate secondo una parola chiave: geometria. la precisione e i colori dei pavimenti, delle facciate, dei porticati sono impressionati. In questa madrasa le aule sono visitabili e accessibili anche da i non musulmani.

La Moschea di Karaouine e l’Università al Qarawiyyin

Che Fez in Marocco sia la capitale culturale e religiosa del Marocco non può essere messo in discussione. L’università al Qarawiyyin è la più antica del Marocco ed è un’altra popolare cosa da vedere a Fez. L’università include la moschea principale della città, quella di Karaouine. Sebbene la struttura nel complesso spicchi per il bianco, non mancherà di stupirti specialmente per le arcature moresche e coperture in verde che rivestono i pavimenti e i tetti. La moschea come la maggior parte in Marocco non è visitabile, ma vi ci si potrà affacciare e addirittura fare foto!

 

 

Le antiche concerie di Fez  

Il luogo più emblematico all’interno della medina di Fez sono senza dubbio le antiche concerie.

Qui si colorano i manufatti artigianali e si producono i colori da tintura in maniera del tutto naturale! Una dimostrazione di lavoro manifatturiero di altri tempi.

l’odore è tra i più forti immaginabili tanto è vero che lo spettacolo che vi si pone davanti agli occhi deve essere compensato con un naso attentamente tappato. Non è facile sopportare tale odore! Ma la gente del posto vi aiuterà donandovi foglie di menta che dovete assolutamente avere.

Per il resto la macchina fotografica è tutto quello che vi serve per immortalare i colori di queste concerie, che con il giusto gioco di luci creerà fermo immagini perenni nei vostri ricordi.

 

 

Altre attrazioni per le vie della Medina di Fez

perdendosi allegramente tra le vie della Medina di Fez avrai la fortuna di ammirare posti come la Piazza Negjjarine, e la sua pittoresca fontana. La casa dell’orologio, che conserva la clessidra ad acqua realizzata per scandire il tempo delle preghiere del popolo musulmano e il quartiere ebraico con la sua sinagoga e cimitero ebraico.

Palazzo reale

Come in molte città in Marocco, a Fez potrete ammirare un palazzo reale. Quello di Fez è situato nella parte nuova della città ed è un’imponente struttura con le sue sette porte ad arco dorate e le decorazioni e piastrelle colorate finemente lavorate. Purtroppo l’accesso è vietato e quindi non vi resterà che la possibilità di fotografare la comunque la splendida facciata.

Dopo aver visto cosa vedere A fez, trasferiamoci finalmente sul mare, precisamente a Rabat, la capitale del Marocco.

 

 

3. La capitale del Marocco: cosa vedere a Rabat

Sebbene ne sia la capitale, Rabat è spesso la più sottovalutata tra le città imperiali del Marocco. probabilmente perchè tra le quattro città è la più vicina al mondo occidentale a livello di urbanizzazione. Rabat infatti rappresenta la seconda area urbana per dimensioni del Marocco.

Ma Rabat custodisce bellezze che non sono da meno rispetto ad altri siti del Marocco e anche in questo caso stiamo parlando di una città dichiarata Patrimonio dell’Unesco. Scopriamo assieme cosa vedere a Rabat:

 

 

Kasba degli Oudaïa

In riva all’oceano Atlantico a ridosso della foce del fiume che attraversa la città sorge il quartiere più famoso di Rabat: il Kasba degli Oudaïa. Costruito in cima ad un promontorio questo quartiere impatta per il suo colore ocra ed accessibile tramite quella che è considerata la più bella porta di arte moresca del Marocco: la porta Bab Oudaia. Una volta attraversata il clima andaluso vi investirà insieme a ricche trame azzurre che ricordano la città blu Chefchaouen. Questo quartiere è disseminato di gallerie d’arte ed è senza dubbio la migliore cosa da vedere a Rabat.

 

 

Necropoli di Chella

Risalendo il fiume potrete accedere anche a questa necropoli all’interno di una fortezza. Si tratta di un’importante sito archeologico che ha mantenuto le caratteristiche dell’urbanistica del tempo. La necropoli ha origini risalenti ai Fenici. La zona è famosa anche per la presenza di numerose cicogne che nidificano proprio qui!

La torre di Hassan

La torre di Hassan è un minareto, l’unico superstite di quella che era la moschea Di Hassan disintegrata dal terremoto di Lisbona nel 1755. In realtà anche il minareto crollò ma fu ricostruito. L’opera, alta  poco meno di 50 metri e costruito in mattoni rossi è rimasta incompleta ma rappresenta comunque uno dei simboli di Rabat.

 

 

Il Mausoleo di Mohammed V

Attraversando il piazzale dove è situato il minareto è possibile visitare il mausoleo di Mohammed V dove sono anche sepolti i figli. La bellezza di questo monumento risiede tutta nello stile islamico, marocchino. Marmi bianchi e bellissime decorazioni lo rendono certamente un degno luogo dove un sultano possa riposare.

Il Dâr-al-Makhzen: palazzo reale

ll palazzo reale di Rabat è la sede del re di Marocco ed è un enorme complesso in stile islamico spiccando per l’eleganza. La sicurezza qui è a livelli altissimi quindi la visita è limitata. la struttura è accessibile dal retro, attraverso il parco adiacente che in fioritura è spettacolare e colpisce i visitatori. 

Ricorda che per visitare le zone accessibili del palazzo serve il passaporto!

Ovviamente includiamo tra le cose da vedere a Rabat, la medina che ha un impatto molto simile alle medine delle altre città imperiali sebbene probabilmente sia la meno rinomata.

 

 

Arriviamo ora a Meknes, l’ultima delle città imperiali del Marocco!

4. Dentro 25 km di mura: cosa vedere a Meknès

Meknès è al centro tra le altre tre città imperiali chiudendo di fatti un triangolo geografico che quasi per coincidenza richiama molto alla geometria tanto amata dallo stile architettonico islamico. Il collegamento tra le città di fatti è molto comodo. taxi e treno sono i migliori modi. Se disponete di un auto noleggiata la trasferta è generalmente comoda e poco trafficata.

In generale in tutto il l Marocco, Meknès è forse una delle città più piccole, ma il patrimonio storico, culturale al suo interno non è affatto irrilevante. Oltretutto è una delle città meno afflitte dal turismo di massa e proprio per questo è molto adatta per una visita rilassata.

Meknes in Marocco è anche unica perchè è circondata da alti bastioni e mura che toccano i 25 km di perimetro quasi come a proteggere e preservare il patrimonio di questa città.

Ecco cosa vedere a Meknès!

 

 

La Place el-Hedim e Bab el-Mansour

Entrati nella medina di Meknès (ovviamente patrimonio dell’UNESCO) l’atmosfera è la classica di totale immersione nel mondo marocchino. Place el-Hedim è senza dubbio il centro nevralgico della città che per caratteristiche è davvero simile a  Piazza jemaa el-Fnaa a Marrakech. Non per niente un salto nelle terrazze per una visita panoramica della città al tramonto è assolutamente indispensabile! A rendere magnifica questa piazza è la porta di accesso Bab el-Mansour. in una parola: magnifica!

 

 

La Madrasa Bou Inania

La scuola coranica di Meknes, in Marocco è l’ennesimo stupendo esempio dello stile architettonico marocchino ( soffitti in legno, le pareti decorate con  mosaici, porte e arcate decorate con iscrizioni ornamentali geometriche. All’interno della madrasa è possibile trovare una magnifica stanza dove si compiono le abluzioni (riti spirituali) e un’altra per la preghiera, nota con il nome di salat.

Il sito archeologico Volubilis

Questo sito archeologico è il più importante del Marocco e anche il meglio conservato. Di origine romana sono riconoscibili molte strutture dell’antichità dato il buon livello di mantenimento. Non solo numerosi sono i mosaici raffiguranti scene richiamanti la mitologia greca e romana.

 

 

Cosa vedere a Meknès va oltre queste che sono le principali attrazioni. Qui come in ognuna delle città imperiali del Marocco il tempo si è fermato e sprizza forte nell’aria il profumo della tradizione . Le medine sono cariche di storia e cultura, ma sono scrigni che vanno esplorati con la giusta curiosità e delicatezza che ogni buon viaggiatore conosce.

 

 

Scopri tutto il resto che ha da offrire questo splendido paese cliccando qui per consultare la nostra guida definitiva sul Marocco e scoprire tutte le mete di un viaggio da sogno!

 

Organizza il tuo magico tour tra le città imperiali del Marocco con Rolling Pandas!

Registrati subito!

Condividi questo articolo con i tuoi amici

Come funziona Rolling Pandas?

req

Crea il tuo viaggio

  • Viaggia in tutto il mondo
  • Scopri 1000+ tour organizzati
  • Più di 200 partner scelti con cura
prev

Ricevi il preventivo

  • Manda la tua richiesta senza impegno
  • Ricevi il preventivo da un esperto locale
  • Prenota con un clic
go

Parti in sicurezza

  • Piattaforma per pagamenti sicuri
  • Utilizzato da centinaia di viaggiatori
  • Opzioni di pagamento flessibili

Vuoi fare un viaggio su misura? Contatta un operatore locale!

mood_bad
  • Non ci sono commenti
  • chat
    Aggiungi un commento
    keyboard_arrow_up