Lanzarote, un angolo di vita

Vacanze alle Canarie: Lanzarote

Sole e mare sono l’apriti sesamo dell’estate dall’alba dei tempi. Gran parte della popolazione mondiale inizia a spulciare la miriade di opuscoli di cui ha fatto razzia nell’agenzia viaggi i primi giorni dell’anno. La stessa gran parte trova che il periodo estivo formi un sodalizio perfetto con le località balneari, fuggendo così dal caldo torrido delle città per approdare nei famosi locus ameni tropicali. Tuttavia è bene sapere che ci sono anche dei paradisi evergreen dove l’inverno non si fa sentire, e vi è lo sconto famiglia per un Natale in bermuda.
Si dà il caso che se volete fare una vacanza alle canarie, l’isola di Lanzarote con le sue spiagge risponda a tali requisiti.
Lanzache? Anche se la nomea delle sue sorelle Canarie come Fuerteventura e Tenerife non rimane indifferente, Lanzarote è un bestseller che aspetta di essere letto.

 

Registrati su Rolling Pandas

 

viaggio alle canarie

Lanzarote e le spiagge

Essendo un’isola Lanzarote e spiagge vanno di pari passo. La punta di diamante è Playa Papagayo, la quale, dall’alto dell’autorità di Tripadvisor (compagno fedele dei clienti e turisti) è stata decretata una delle 10 spiagge più belle del nostro pianeta.
“Da impazzire” e “meravigliosa” sono solo due dei mille elogi riportati nelle recensioni della piattaforma, i quali lasciano correre l’immaginazione. In effetti la spiaggia sembra quasi isolarsi dall’ambiente circostante, grazie alle ripide scogliere che la cingono, riparandola dal venti dell’isola e dalle onde dell’oceano. Nonostante la muraglia tutt’intorno, Papagayo non è una fortezza inespugnabile, bensì raggiungibile in quindici minuti circa da Playa Blanca.

lanzarote cosa vedere

Lanzarote: cosa vedere

Nelle nostre vacanze alle Canarie, ci spostiamo dal punto più a sud dell’isola verso nord-ovest e approdiamo sulla Luna.
Non capita spesso di cambiare pianeta quando si viaggia, eppure il Parco Nazionale di Timanfaya sembra garantire un’esperienza di quanto più simili aspettative. Quindi se siete a Lanzarote, cosa vedere assolutamente vi chiederete? Questo Parco è sicuramente una delle attrazioni principali, da non perdere.
Lanzarote ha origini vulcaniche e, in particolare, Timanfaya nacque dopo le eruzioni del XIX secolo, assumendo una conformazione quasi lunare.
Ai lettori che staranno fantasticando su un semplice parco di “rocce rosse”, intervengo prontamente precisando che appena sotto quelle semplici rocce la lava scorre tutt’ora ad una temperatura pari a 400-600 °C, dato che il vulcano di Timanfaya non ancora si assopisce. Non a caso il cuore del parco fu chiamato “Las Montañas del Fuego”. Un nome ad una garanzia letterale. Sotto questa zona, al centro del parco, la lava scorre ad appena 4 km di profondità. Consiglio di mantenere gli occhi bene aperti, non me ne vogliano i geyser.
Saprete di essere giunti a questo inferno rosso quando scorgerete il Diablo con il forcone a tre punte, protagonista di una delle più antiche leggende di Lanzarote.
Lanzarote, cosa vedere dopo il Parco di Timanfaya? La nostra prossima meta è: El Jardín de Cactus.
Constatato che esistono svariati modi in cui allestire un giardino, non credo che molti possano dire di aver visto nulla di simile. Scostato il sipario vi ritroverete davanti ad una platea di cactus dislocati su più piani senza riuscire a vederne la fine. Autore di tal meraviglia fu César Manrique, artista nativo dell’isola nonché promotore della sua naturale bellezza.
A quanto pare la mano di Manrique fu a dir poco generosa nel rinvigorire le meraviglie dell’isola, tanto che alla sua morte la sua dimora fu fatta museo. Essendo una delle prime nonché migliori opere d’arte del pittore, la casa fu riempita dei suoi capolavori ed aperta al pubblico sotto il nome di Fundación César Manrique.
Tra le sue creazioni a misura d’uomo, Jameos del agua raggiunge i primi posti. Fu realizzato da Manrique nel 1966. Sfruttando la conformazione geologica e le falde acquifere, l’artista canaro riuscì a creare una piscina naturale in superficie coronata da un perimetro roccioso e un lago sotterraneo salato, facendo della natura il marmo grezzo da cui scolpire una Pietà tutta sua.

lanzarote clima

Lanzarote: clima

Com’è a Lanzarote il clima? A Lanzarote potrete trovare temperature di stampo primaverile per gran parte dell’anno. Non si superano infatti i 30 gradi nemmeno ad agosto.
L’unica eccezione a Lanzarote per il clime è quando si verifica il fenomeno della calima, ovvero quando il vento proveniente dal deserto del Sahara soffia portando delle tempeste di sabbia a Lanzarote e facendo alzare le temperature anche fino ai 40 gradi centigradi.
A Lanzarote il clima è particolare anche a causa della posizione dell’isola, posizione che la rende più esposta ai venti alisei durante tutto l’anno. Questi venti creano una situazione perfetta per poter fare surf. Lanzarote è infatti una delle mete preferite per i surfisti di tutto il mondo.
Per scegliere quando organizzare un viaggio a Lanzarote il clima è importante per la tipologia di attività che si vuole svolgere, ma nel complesso le temperature rimangono miti per tutto l’anno.

Da buoni viaggiatori si sa che ogni partenza è essa stessa una gioia nuova, già pensando alla parola aereo ci si immagina con la valigia in mano, o lo zaino in spalla, all’arrembaggio verso una terra molto molto lontana dalla grigia quotidianità. Lanzarote è fresca, colorata, straordinariamente sorprendente e, dulcis in fundo : non è un cliché.

 

Guarda tutti i viaggi di Rolling Pandas!

Guarda i nostri viaggi Mare & Relax

 

Comments

Add a comment

mood_bad
  • No comments yet.
  • chat
    Add a comment
    keyboard_arrow_up