Tempo di lettura: 9 minuti

Il Capodanno cinese evento unico al mondo

Dal Capodanno cinese, alla festa delle lanterne, ma non solo. Andare in Cina a Febbraio quando arriva il vento della primavera significa scoprire la Cina nelle sue mille sfaccettature e tradizioni più belle.

 

Il Capodanno cinese, conosciuto anche come festa di primavera, quest’anno, l’anno del maiale secondo lo zodiaco cinese, cadrà il 5 febbraio. Andare in Cina e partecipare a questa festa, tra luci e colori e tanta tradizione in cui si è immersi fino alla famosissima festa delle lanterne, è qualcosa che sicuramente rimane impresso nei cuori e nei ricordi di chi vi assiste. Questo articolo vi accompagnerà nella magia del febbraio cinese.

  1. 1. Tradizione e miti della festa di primavera

  2. 2. Cosa non perdere del Capodanno cinese

  3. 3. La festa delle lanterne – un’esperienza magica

  4. 4. Come vivere a pieno Il Capodanno cinese

  5. 5. Andare in cina a Febbraio, non solo la festa di primavera


Tradizione e miti della Festa di Primavera

La festa di primavera nasce nell’antichità cinese più di 4000 anni fa ed è strettamente legata al culto delle antiche divinità alla quale durante il cambio del ciclo stagionale si offrivano sacrifici in cambio della buona sorte per l’imminente inizio della stagione produttiva. Il primo giorno dell’anno è dato dal calendario lunisolare, secondo la quale i mesi iniziano con il novilunio e coincide con la seconda luna nuova dopo il solstizio d’inverno. Con il nuovo anno si accolgono così le divinità benigne e si scacciano quelle maligne tramite preghiere, riti e danze tra cui quelle famose del leone e del dragone. In particolare, secondo un’antica leggenda, esisteva un mostro chiamato Nian che ogni 365 giorni si manifestava per predare essere umani e bambini. L’unico modo per sfuggirgli fu sfruttare le sue debolezze: I rumori forti e il colore rosso.

Proprio per questo il giorno del Capodanno cinese, ancora oggi si potrà assistere a città e case interamente rivestite e decorate di rosso a suon di fuochi d’artificio e petardi scoppiati dalle famiglie in segno di buon auspicio e protezione dalla tremenda creatura e cattivi presagi.

Altro elemento distintivo del calendario cinese è che ogni anno è rappresentativo di un animale rappresentante di un segno zodiacale che differisce da quello a cui siamo abituati. il 2019 sarà quello del maiale e proprio per questo, immagini, rappresentazioni e gadget del maiale saranno molto diffuse per le strade delle città. Gli altri segni sono rappresentati in ordine cronologico da topo, bue, tigre, coniglio, drago, serpente, cavallo, capra, scimmia, gallo e cane. Il segno è rappresentativo di un intero anno lunare.


Cosa non perdere del Capodanno cinese

Per assistere al Capodanno Cinese bisogna andare in Cina con discreto anticipo, dato ovviamente il grande flusso di partecipanti ma anche perché la preparazione e l’attesa del momento è qualcosa che vi coinvolgerà molto. Arrivato il fatidico momento esploderà la festa dal più piccolo borgo alla grande città. La Cina è un paese enorme e scegliere cosa visitare è molto arduo, ma se avrete la fortuna e la possibilità ecco alcuni luoghi dove varrebbe la pena essere durante il periodo della festa della primavera.

  • – Fiere del Tempio
  • – Fiera dei Fiori a Guangzhou
  • – Fuochi artificiali a Hong Kong
  • – La muraglia cinese illuminata

Le fiere del tempio si svolgono in tutta la Cina e hanno forte legame con la religione e le tradizioni imperiali. Assisterete infatti a riti e celebrazioni dell’antichità riprodotte in tutti i loro colori e costumi. Molto famose sono le fiere del tempio di Pechino, di tradizione secolare dove è possibile assistere a molte esibizioni tradizionali tra cui le famosissime danze popolari del dragone e del leone nella loro massima espressione.

La fiera dei fiori di Guangzhou inizia poco giorni prima del Capodanno cinese e si suddivide in molti siti in giro per la città dove sarà possibile ammirare fantastiche composizioni ed esposizioni floreali. Dai fiori di pesco alle peonie, respirerete un clima che trasmette tutto il senso della festa di primavera.

Hong Kong invece rappresenta il polo economico e più moderno di tutta la Cina, ma lo spettacolo del Capodanno cinese è comunque garantito grazie all’incredibile show pirotecnico dei fuochi d’artificio che dominano la skyline della città. Ciò avverrà il secondo giorno dell’anno contrariamente alla tipica tradizione occidentale di sparare i fuochi allo scoccare della mezzanotte.

La muraglia cinese è un simbolo della Cina, nonché una delle sette meraviglie del mondo antico. La notte di capodanno dalle torrette dei potenti riflessi di luce la illumineranno rendendo la maestosa opera particolarmente suggestiva.


La festa delle lanterne: un’esperienza magica

Al quindicesimo giorno dopo il Capodanno Cinese la popolazione si riunirà ancora una volta in festa, sotto la luna piena, per la tradizionale festa delle lanterne nata più di 2000 anni fa.

Anche dietro la festa delle lanterne vi sono credenze e mitologie. Tradizionalmente è una pratica nata come omaggio a Buddha ma molto diffusa è la leggenda che luci e lanterne iniziarono ad essere esposte come inganno all’imperatore del Cielo il quale aveva intenzione, durante il quindicesimo giorno dell’anno, di bruciare villaggi e terre agli umani rei di aver ucciso un uccello sacro, scambiandolo per una delle bestie feroci dalle quali si dovevano difendere quotidianamente. Fu la magnanima figlia dell’imperatore del Cielo ad avvisare la popolazione che grazie ad un vecchio saggio ideò lo stratagemma delle lanterne. Vedendo la terra illuminata e infuocata l’imperatore si convinse dell’avvenuto raid e la popolazione si salvò. Da questa lontana leggenda nasce la festa delle lanterne ed oggi ogni città della Cina si riempie di suggestivi allestimenti. Ogni genere di lanterna da quelle di carta alla più moderne e meccanizzate coloreranno la Cina attraendo turisti da tutte le parti del mondo. Generalmente alle lanterne vi sono attaccati degli indovinelli ed è tradizione risolvere questi enigmi in un clima festoso e di danze folkloristiche, con possibilità di premi, anche ingenti, per la loro corretta risoluzione. Sarà inoltre possibile assaggiare lo yuanxiao, specialità consistente in palline riso ripiene tipicamente servite prima della festa serale. Le lanterne accese e spesso lasciate librare in cielo soprattutto da bambini, crea un’atmosfera che lascia senza fiato e che rende la festa delle lanterne la degna conclusione di uno degli eventi più belli e unici al mondo: Il Capodanno Cinese.


Come vivere a pieno il Capodanno Cinese

Andare in Cina durante il periodo della festa della primavera richiede una certa propensione nell’immergersi nella cultura cinese quindi non bisogna perdere occasione di scambiarsi gli auguri durante il giorno di Capodanno, magari tramite il famoso scambio di buste rosse.

Molto interessante e curioso è verificare sotto che segno zodiacale siate cercandolo su internet o scoprendolo sul posto. Se ci si immedesima a pieno nella cultura cinese vivere la festa di primavera nel proprio anno renderà i festeggiamenti più personali. Se così non fosse partecipare alla festa collettiva vi darà comunque grandi soddisfazioni..

Importantissimo è la cultura del pasto. Le famiglie si riuniscono già dalla vigilia e il primo pasto dell’anno e poi cosa si mangia nelle serate successive avrà impatto per tutto l’anno! Proprio per questo vi sono anche tradizioni legate a determinati cibi da mangiare in determinati giorni della festa di primavera che le famiglie rispettano ogni anno. Voi in quanto turisti avrete occasione di assaggiare ogni genere di specialità a partire dagli involtini primavera, i ravioli e tanto pesce. Ognuno di questi piatti ha dietro la propria simbologia e chissà che non vi possano portare fortuna anche a voi.

Nel credo popolare cinese vi è molto spazio alle superstizioni: la popolazione vi presta molta attenzione. Ad esempio lavare i capelli, vestiti e casa durante i primi giorni dell’anno porta via la fortuna e guai se un bambino piange il giorno di capodanno, verrà redarguito dagli anziani.

Come turisti, è bene ma anche bello vivere la cultura cinese quindi occhio a:

  • – Non vestire di nero
  • – Spendere cifre sfortunate (il 4 è un numero sfortunato)
  • – Rompere piatti
  • – Maneggiare forbici e coltelli
  • – Chiedere e prestare soldi  


Andare in Cina a febbraio, non solo la festa di primavera

La Cina è indubbiamente un Paese enorme, ma febbraio climaticamente rappresenta il mese perfetto e non solo per le festività legate al Capodanno Cinese.

Dal lento finire del rigido inverno a Nord, Alla fine della stagione secca, l’inizio della primavera, e il primo caldo nelle zone a Sud ecco ciò che si può ulteriormente vedere se si vuole andare in cina a Febbraio:

  • – Hainan e il suo mare stupendo
  • – Festival della neve di Harbin
  • – Le prime fioriture delle terrazze di riso di Yuanyang
  • – Monte Emei, terra di paesaggi e buddismo
  • – Pechino, prima della stagione ventosa

 

 

Se dopo la frenesia del Capodanno cinese oppure in alternativa, cercate un posto dopo rilassarvi, troverete perfetta l’isola di Hainan vero e proprio paradiso tropicale. Tra le bianche spiagge e il mare cristallino avrete anche l’opportunità di visitare maestosi monumenti storici (memoriale dei cinque funzionari in primis) e templi buddisti. Per i più avventurosi è possibile fare escursioni all’interno della foresta pluviale.

Dalla parte opposta della Cina, confinante alla Siberia e a temperature più basse si svolgerà il Festival del ghiaccio e della neve, precisamente ad Harbin. Febbraio è l’ultimo periodo disponibile per ammirare le maestose sculture e costruzioni in ghiaccio che creano una e vera e propria cittadina di ghiaccio, illuminata a colori durante la notte. Con l’arrivo della primavera l’evento si concluderà poiché la particolarità è che durerà fino a che le condizioni meteo lo consentiranno. Sarà il primo caldo a decretare lo scioglimento delle sculture.

La festa di primavera ha il suo aspetto più romantico e naturale nella regione dello Yunnan, dove nelle terrazze di riso irrigate di Yuanyang sbocceranno i primi fiori nell’acqua che riflettendo la marea di nubi e i colori dell’arcobaleno a seconda del meteo renderanno il paesaggio mozzafiato. Non a caso il sito è patrimonio dell’UNESCO.

Per gli amanti dell’inverno classico in montagna e sulle piste il monte Emei è ciò che fa per loro. Un posto carico di storia e cultura in quanto una delle montagne più connesse alla tradizione buddista. Non distante dal gettonatissimo grande Buddha di leshan, il monte Emei offre anche un grande connubio con la natura. Tra albe, tramonti e spettacoli di nubi è possibile anche prenotare tour in visita del panda gigante.

Impossibile infine non menzionare Pechino. La conclusione dell’inverno rigido e le celebrazioni del Capodanno cinese lasciano la capitale pronta per la primavera ventosa. Ecco che sarà quindi possibile visitare la città in tutta tranquillità, passando per i luoghi iconici come la città proibita in un contesto meno affollato.

 

 

Probabilmente è impossibile andare in Cina e visitarla tutta in una sola volta, ma esplorarla e scoprirla durante la festa di primavera ed avere l’opportunità di partecipare al Capodanno cinese e alla festa delle lanterne è un’esperienza da provare almeno una volta nella vita.

Non resta che organizzarsi, preparare la valigia e partire!

Per conoscere altre mete da sogno e viaggi in tutto il Mondo iscriviti e se vuoi raccontaci la tua esperienza!

 

Registrati subito!

Condividi questo articolo con i tuoi amici

Come funziona Rolling Pandas?

req

Crea il tuo viaggio

  • Viaggia in tutto il mondo
  • Scopri 1000+ tour organizzati
  • Più di 200 partner scelti con cura
prev

Ricevi il preventivo

  • Manda la tua richiesta senza impegno
  • Ricevi il preventivo da un esperto locale
  • Prenota con un clic
go

Parti in sicurezza

  • Piattaforma per pagamenti sicuri
  • Utilizzato da centinaia di viaggiatori
  • Opzioni di pagamento flessibili

Vuoi fare un viaggio su misura? Contatta un operatore locale!

mood_bad
  • Non ci sono commenti
  • chat
    Aggiungi un commento
    keyboard_arrow_up