I 20 Paesaggi più Straordinari del Mondo e dove trovarli. La classifica 2018

Condividi questo articolo con i tuoi amici

Tempo di lettura:

Scopri i Paesaggi da Sogno più Belli del Mondo e le mete più straordinarie

Ti invito a scoprire insieme a me i paesaggi da mozzare il fiato, luoghi magnifici, straordinari, destinazioni ideali che ti lasceranno senza respiro.
Si sa, chi è un vero guru dei viaggi, un amante indiscusso della scoperta ha un solo obiettivo: scovare le Meraviglie del nostro Mondo. La prole perfettamente riuscita di Madre Natura, che stupirà anche il viaggiatore più esperto.
Grotte di cristalli, laghi celati da imponenti montagne, isole incontaminate, lagune blu, deserti spumosi, canyon che colano a picco nelle gole e spiagge che ti faranno sentire in paradiso. Questi luoghi, favolosi e bellissimi, sono da visitare, da ammirare almeno una volta nella vita.

20 Paesaggi Mozzafiato e dove trovarli

Vi presento la classifica 2018 delle 20 Meraviglie del nostro pianeta di cui Madre Natura va più orgogliosa.

1. SALAR DE UYUNI (BOLIVIA)

Ci troviamo di fronte ad un immenso deserto di sale, il più grande al mondo (quasi 11mila KM2 di superficie), nei dintorni della cittadina di Uyuni in Bolivia. In alcuni tratti, questo paesaggio surreale, sembra quasi una prosecuzione del cielo sulla terra. Infatti, quando una leggera patina d’acqua è presente sulla superficie, questo deserto sembra un’enorme specchio, dove il cielo riflette se stesso.

2. MINIERA DI NAICA (MESSICO)

La Grotta dei Cristalli nei pressi di Naica, nel pieno deserto messicano dello Stato di Chihuahua, è una delle miniere più curiose al mondo. Per i cinefili più attenti, questa grotta ricorda un po’ quella segreta dei primi film di Superman. Una cattedrale adornata da cristalli di selenite di dimensioni sbalorditive (che raggiungono i 10 metri di altezza, i 2 metri di diametro e arrivano a pesare oltre le 50 tonnellate).

3. GREAT BLUE HOLE (BELIZE)

Al largo della costa est del Belize, nel mar dei Caraibi, una voragine di origine carsica che raggiunge i 123 metri di profondità, con una larghezza di 300 metri e ricoperta da stalattiti della lunghezza di 12 metri è stata ribattezzata Great Blue Hole. Riconosciuta Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco, la cavità, che si trova all’interno dell’atollo di Lighthouse Reef, si è formata durante l’ultima Era Glaciale. E’ conosciuto per essere uno dei siti di immersione più belli del mondo.

4. ANTELOPE CANYON (STATI UNITI)

Si trova in Arizona, nella terra dei Navajos. Le pareti sono fatte di roccia di arenaria, che sfuma dal rosso all’arancione fino al viola. Modellate dall’acqua e dal vento, hanno creato nel tempo una fitta rete di grotte e tunnel, che, attraversati da fasci di luce, creano un ambiente perfetto e sinuoso da sembra un dipinto. Un luogo magico, che gli amanti della fotografia non potranno evitare di catturare con i loro flash.

5. LA GROTTA DI MENDENHALL (ALASKA)

Una vera e propria grotta di ghiaccio, che si espande nel ventre di Mendenhall, in Alaska. A pochi chilometri dalla capitale, in questa grotta azzurra lunga 18 km, è celato un mondo sommerso da fiaba. È uno dei ghiacciai più spettacolari al mondo, che sta, purtroppo, rischiando di scomparire a causa del surriscaldamento globale e il conseguente scioglimento dei ghiacciai.

6. CAMPI DI RISO TERRAZZATI (CINA)

Questi spettacolari campi di riso noti come i campi terrazzati di YuanYang, che si snodano nella provincia dello Yunnan, sono uno degli spettacoli più belli dell’Asia, costruiti e utilizzati da secoli dall’etnia Hani, e patrimonio dell’UNESCO. A guardarli dall’alto sembrano le vetrate della più maestosa tra le cattedrali. Sono divisi in spicchi e presentano colori e tonalità cangianti, che variano a seconda delle stagioni e della luce della giornata.

7. MORNING GLORY POOL (STATI UNITI)

Questa variopinta piscina nel Parco Nazionale di Yellowstone, in Wyoming, è tra i 10 ‘buchi’ naturali più famosi al mondo. Il suggestivo gioco di colori cangianti che si crea in superficie, che va dall’azzurro, all’arancione, al verde e al giallo, è dovuto ai batteri che vivono nelle sue acque. Il nome gli venne assegnato nel 1880 dalla moglie della guida del parco, che si basò sul colore blu, all’epoca predominante nella piscina, simile a quello del Morning Glory – un fiore noto sin dai tempi degli Aztechi.

8. LA FORESTA DI BAMBU’ (GIAPPONE)

La foresta di bambù a Sagano, nella regione montuosa di Arashiyama, a ovest di Kyoto, è un luogo unico e ricco di fascino, dove giganteschi alberi di bambù si ergono imponenti fino a toccare il cielo. Il tutto è reso ancora più magico dal vento che fa intonare ai bambù un suono definito dal governo “uno dei cento suoni del Giappone da preservare”.

9. PAMUKKALE (TURCHIA)

Questo fenomeno geologico noto come Pamukkale, che in turco significa “Castello di cotone”, sono conformazioni termali naturali di acqua calda, limpida e cristallina, riconosciute Patrimonio dell’UNESCO. Le piscine termali, avvolte di roccia bianca, sono posizionate sulle pendici di una candida collina che si affaccia nel vuoto, permettendo a chi si immerge nelle loro acque di godere di un panorama sulla vallata spettacolare.

10. GROTTA DI FINGAL (SCOZIA)

La grotta di Fingal è una grotta marina sull’isola di Staffa, nell’arcipelago delle Ebridi interne, in Scozia, e fa parte del National Nature Reserve del National Trust for Scotland. È formata da colonne basaltiche di forma esagonale, originatesi da una probabile colata lavica, 60 milioni di anni fa. Per la sua ampiezza, il soffitto a volta e i suoni prodotti dalle onde che si infrangono sulle pareti, ricorda un po’ una cattedrale. Per gli amanti della musica, dovete sapere che la grotta ispirò Mendelssohn e i Pink Floyd nelle loro melodie.

11. LE MONTAGNE DEL PARCO ZHANGYE DANXIA (CINA)

Ci troviamo di fronte alle famose Montagne Arcobaleno del Danxia. Oltre 300 km quadrati di estensioni montuose nella provincia di Gansu, vicino al deserto del Gobi. Le sue rocce scoscese, levigate e taglienti lisce presentano colori insoliti, mesciati per dare forma ad affascinanti arcobaleni di tinte. Il fenomeno è il risultato di depositi di arenaria rossa e di minerali avvenuti più di 24 milioni di anni fa, causati dall’azione delle placche tettoniche e dal lavoro di levigazione nel tempo di vento e pioggia.

12. PARCO NAZIONALE DEI LENÇÓIS MARANHENSES (BRASILE)

Il parco è una fusione tra le dune del Sahara e gli specchi d’acqua della Scandinavia. Un’area protetta nello Stato brasiliano del Maranhão, costituita da un’immensa valle sconfinata di acqua dolce cristallina e intervallata da sensuali dune di sabbia candida come la neve, che si estendono fin dove l’occhio può volgere lo sguardo. L’area della Lagoa Azul, in particolare, è una delle zone più belle e ricercate, tra le cui dune si creano stagni da gennaio a giugno, con l’arrivo delle piogge.

13. MACHU PICCHU (PERÙ)

È il luogo dove la stravolgente grandezza della natura si combina perfettamente con i segni lasciati da una delle civiltà più grandi di sempre. La cittadella sacra di Machu Picchu vi farà sentire come stare tra le nuvole e godere di un panorama stupendo, immersi nella storia e nel mito. Immagina di ammirare Machu Picchu dalla Porta del Sole, dopo una faticosa ma avvincente camminata di 4 giorni lungo il Camino Inca. Un rito di passaggio per chi si inoltra per la prima volta in Perù.

14. FAIRY POOLS, ISOLA DI SKYE (SCOZIA)

Per gli amanti delle escursioni e della natura con un bel pizzico di ossessione per la Scozia e i suoi paesaggi, l’Isola di Skye deve essere assolutamente inserita nella vostra lista delle cose da vedere prima di morire. In particolare le Fairy Pools, ovvero le magiche “piscine fatate”. Si trovano nei pressi dei monti Cuillins e sono meravigliose piscine naturali di acqua fredda e limpida, formate dalle cascate che sgorgano dalle pendici di questi monti.

15. VALLE DEL JIUZHAIGOU (CINA)

Questa località, lett. “Valle dei Nove Villaggi”, è una meravigliosa e incantata riserva naturale nella provincia di Sichuan in Cina. Riconosciuta Patrimonio dell’UNESCO, vanta laghi dalle tonalità turchesi, una vegetazione lussureggiante e un sistema di cascate che regala un panorama mozzafiato. Ciò che attrae, in particolare, è la sua struttura geologica. Un panorama ricco di montagne carsiche e ghiacciai e laghi di origine glaciale che contengono un’acqua limpidissima grazie alla presenza di carbonato di calcio.

16. ULURU (AUSTRALIA)

In Australia, nel Parco Nazionale Uluru-Kata Tjuta, troviamo Uluru. Un imponente massiccio roccioso, celebre per le sue intense tonalità di rosso che variano in maniera stupefacente durante le ore del giorno, specialmente all’alba e al tramonto, assumendo colori che vanno dall’oro, al bronzo, al viola. Questi effetti cromatici, molto repentini, sono frutto della presenza di minerali chiamati feldspati, che riflettono particolarmente la luce rossa. Inoltre c’è molta presenza di ferro nelle pareti, e il colore rosso è quindi dovuto all’ossidazione del ferro, che genera ruggine dalla tonalità bronzo.

17. KYAIKTIYO GOLDEN ROCK (BIRMANIA)

In Asia, nello stato della Birmania a ridosso di Yangon potremo ammirare la “Golden Rock”, situata sul monte Kyaiktiyo. Un massiccio roccioso, in bilico su una montagna, per “un capello di Buddha” come vuole la leggenda – secondo i primi visitatori, infatti, la roccia si credeva riuscisse a stare ferma in bilico per merito di qualcosa di miracoloso. Per tale notivo, circa duemila anni fa, sopra la roccia fu costruita una pagoda, dove migliaia di turisti ogni anno si recano per attaccare una lamina d’oro puro in cambio di un po’ di fortuna.

18. MORAINE LAKE (CANADA)

In Canada ci troveremo in presenza del Moraine Lake, un lago molto singolare per il paesaggio pittoresco che lo circonda e per il colore delle sue acque, che varia dal blu al verde a causa di particelle rocciose situate sui suoi fondali. Il lago, di origine glaciale, si trova nella “Valley of the Ten Peaks”, e si estende per circa mezzo chilometro quadrato ed è circondato da 10 montagne da cui prende il nome la vallata.

19. GOLDEN CIRCLE ROUTE (ISLANDA)

È un itinerario ricco di fascino, con 3 tappe principali: il Parco Nazionale di Pingvellir, un territorio pieno di spaccature dovute a movimenti tettonici continui. Toglie poi il fiato la cascata Gullfoss, larga 20 metri e lunga 2,5 chilometri. E per concludere, la valle geotermica Haukadalur, che ospita due geyser attivi: lo Strokkur che erutta circa ogni 5-10 minuti e il Geysir che erutta circa quattro volte al giorno.

20. ANGKOR WAT, CAMBOGIA

Nella Cambogia buddhista, ci troveremo al cospetto di un tempio indù, risalente al regno dei Khmer. È il più grande del mondo e noto per uno stile architettonico molto particolareggiato. L’Angkor Wat è stato eretto con blocchi di arenaria e intarsiato di bassorilievi che raffigurano scene del Ramayana, del Mahabharata e dei Purana. Si erge circondato da un fossato ed è consacrato a Vishnu. Gli appassionati di videogames devono sapere che il tempio è stato scelto per l’ambientazione di giochi quali Tekken e Tomb Rider.

 

Queste sono le 20 meraviglie del nostro Mondo che ho scelto per te. Ma la lista potrebbe continuare all’infinito, sulle bellezze che Madre Natura ci ha concesso in dono. Ti invito a scoprirle o a riscoprirle (sono luoghi che ammirerei, e credo ammireresti senza fine). E magari in questo viaggio, scoprirai ulteriori meraviglie che avrai voglia di condividere con noi e con la community di viaggiatori appassionati come te.

 

 

Non perdere l’occasione unica e rara di partire alla scoperta di paesaggi straordinari, che ti toglieranno il fiato.

Scopri i nostri viaggi

E ricorda, tu goditi la vacanza. Al resto ci pensa Rolling Pandas!

 

Condividi questo articolo con i tuoi amici

mood_bad
  • Non ci sono commenti
  • chat
    Add a comment
    keyboard_arrow_up