Tasmania: tutti i segreti dell’isola

Condividi questo articolo

La Tasmania, in Australia, è un’isola tutta da scoprire. Infatti, essa custodisce gelosamente le gemme preziose che ha all’interno di un labirinto intricato di foreste, montagne, ruscelli e baie sperdute dai mille colori accesi e dai suoni inusuali.

Le sue città e i suoi paesaggi incontaminati offrono mille opportunità e spunti per un viaggio in Australia davvero indimenticabile.

Qui potrai scoprire alcuni dei suoi segreti!


Lavender fields – Bridestowe Estate

Se ami i colori e i profumi non puoi assolutamente perderti questa tappa. Nel nord della Tasmania, a meno di un’ora di auto da Launceston, puoi trovare un luogo in cui non ti sembrerà nemmeno di essere in Australia, bensì nella campagna francese! 

Dagli anni ‘20 del ‘900, anno dopo anno, gli australiani hanno coltivato la lavanda con continui miglioramenti arrivando ad avere questo immenso tesoro viola di 260 acri sul cui sfondo si staglia il lontano Monte Arthur. 

La maggior parte dei segreti della Tasmania sono immobili e scolpiti nel paesaggio: questo, invece, richiede dedizione e una scelta apposita del periodo, forse è proprio questo suo essere effimero che lo rende ancora più magico. Infatti, i fiori di lavanda fioriscono indicativamente tra dicembre e febbraio, ma ti basterà andare sul sito https://bridestowelavender.com.au/ per rimanere aggiornato sul momento esatto della fioritura.

Questa magica meta è un’emozione unica che colpirà tutti i tuoi sensi: vista di infiniti campi tinti di indaco, olfatto sommerso da aromi avvolgenti, tatto stimolato dalla morbida superficie dei fiori. 

Dopo esserti immerso in questo magico mondo viola, potrai collezionare ricordi andando al negozio di souvenir della “fattoria” in cui si possono comprare creme, oli, saponi e tanto altro, e riprendere le forze gustandoti piatti tutti al gusto di lavanda.


Port Arthur

A circa un’ora e mezza direzione sud-est dalla capitale Hobart, si trova questo sito storico protetto dall’UNESCO, nonché museo a cielo aperto. Lo spettacolo di tale location non sta solo nella visita del luogo stesso, ma anche nella percorrenza della Tasman e dell’Arthur Highway che ti faranno compiere un viaggio alla scoperta della terra australiana proiettando paesaggi magnifici davanti ai tuoi occhi.

Ciò che rende così importante e famosa questa meta è la sua storia. Infatti, Port Arthur in Tasmania, Australia, è nato come stazione per la produzione di legna nella prima metà del 1800 ed è stato trasformato in penitenziario per i condannati delle colonie britanniche australiane tre anni più tardi. La parte più interessante e più ricca di memorie è la cosiddetta Prigione Separata in cui gli inglesi misero in atto un modo completamente nuovo di trattare i prigionieri: forma a croce al cui centro vi era un guardiano onnisciente, silenzio tombale che regnava all’interno dell’edificio, 23 ore al giorno di reclusione e un’ora di lavori per il sostentamento della colonia o partecipazione a funzioni religiose, sistema di premi e punizioni. Secondo l’impero britannico questo metodo avrebbe portato alla riabilitazione dei condannati che, se fossero mai usciti, avrebbero posseduto skills lavorative e culturali necessarie per reinserirsi in società. 

Nel 1996, durante una visita turistica, questo luogo di detenzione è stato anche scena del massacro a colpi di fucile di più di 30 persone per mano.

Insomma, se sei un amante di storia Port Arthur è il luogo perfetto per te con i suoi corridoi, sentieri e stanze carichi di vicende.


Tessellated pavement

Dopo aver visitato Port Arthur, non puoi farti mancare questo spettacolo della natura formatosi grazie alla frattura delle rocce per il movimento della terra e scolpite dalle onde e dai sedimenti del mare. Approdando in questo posto ti sentirai come catapultato nel soggiorno di una qualsiasi casa in cui le piastrelle sono state appoggiate con cura a formare il pavimento. 

Dopo una breve camminata dal parcheggio, potrai ammirare il paesaggio da un viewpoint sovrastante le rocce, ma per godere appieno di questa esperienza dovrai compiere un piccolo sforzo: salire una serie di scalini che ti porteranno direttamente sulle rocce bagnate dal mare su cui ti sembrerà di camminare sulle acque.


Bay of fires

Un luogo dai colori mistici e inusuali. Così si presenta la cosiddetta Baia dei fuochi davanti agli occhi sognanti dei turisti che possono ammirare le sue spiagge bianche e le sue acque cristalline incorniciate da grandi rocce rosso fuoco. Questo sito è perfetto per foto degne di un travel blogger affermato.

Situata sulla costa nord-est della Tasmania, in Australia, questa baia deriva il suo nome dalle Adventure del capitano Tobias Furneaux, che venne colpito dai fuochi degli aborigeni sulla spiaggia. 

Per un’esperienza a 360 gradi, sai cosa vedere assolutamente in Australia: davanti a te una distesa di acqua blu e alle tue spalle colline ridenti che confondono il paesaggio tra giochi di curve sinuose.

Quick tip: sali su un’auto pronto per un road trip che parte da Hobart e finisce a Launceston in cui potrai ammirare tutte le meraviglie dell’East Coast!


MoNa – Museum of Old & New Art

A soli 15 minuti di auto dalla capitale, questo museo è la più grande collezione privata di tutta l’Australia. Nato dall’incontro del genio matematico e proprietario David Walsh e lo studio di architettura Katsalidis, questo museo è una vera e propria chicca e una cosa da vedere assolutamente in Australia. 

L’accesso è garantito sia via fiume, spettacolare e magnificente, che via terra, deludente e poco impressionante. Queste due diverse entrate rappresentano il bisogno di privacy e popolarità di Walsh che si allena tutti i giorni sul campo da tennis antistante il museo. 

Una volta varcata la porta, ti troverai all’interno di un mondo sotterraneo ricolmo di arte e pezzi macabri del tutto fuori dal comune. Infatti, questo museo è conosciuto anche come “museo shock” per la sua poetica basata tutta su sesso e morte: urne cinerarie, sarcofaghi egizi, carogne di animali, sculture di corpi mutilati ti condurranno in un viaggio catacombale su toni ruggine e cupi.

In questo “anti-British Museum” potrai costruire la tua personale opinione di un’arte tutta da scoprire tra le ombre.


Maria Island painted cliffs

Se ti piace collezionare paesaggi suggestivi nella tua memoria, questa meta in Tasmania, Australia, fa sicuramente al caso tuo!

Le pareti rocciose che affacciano sulla baia sembrano raffigurare gli anelli tipici di un tronco d’albero tagliato e lasciano spazio a toni giallo-arancio che pervadono tutta l’Australia, dal color ruggine che caratterizza il MoNa alle scogliere rossastre della Bay of Fires.

Se ti chiedi cosa c’è da sapere su questo sito, è importante informarti sulla massa di turisti che, soprattutto in estate, vi fanno visita. Infatti, per evitare file interminabili e orde di persone, i periodi migliori in cui prenotare il tuo viaggio in Australia sono Settembre e Novembre o Aprile e Maggio. 

L’isola si estende in lunghezza per 20 km e in larghezza per 13 km, motivo per cui ti consigliamo di noleggiare una bella bici e girarvela in lungo e in largo per poter assaporare e nutrire i tuoi occhi dei paesaggi incontaminati e meravigliosi che questo piccolo paradiso può offrire. 

Ora non ti resta che salire sul prossimo traghetto da Triabunna con una sola frase nella mente: “Collecting memories, not  things”.


Grindelwald: la Svizzera in Australia

Situata 15 km a nord di Launceston in Tasmania, Australia, una gita a Grindelwald ti riporterà in Europa per un giorno, per la precisione in Svizzera. Infatti, nel 1980 l’olandese Roelf Vos ha venduto la sua catena di negozi a Woolworths e ha deciso di costruire questa piccola gemma in un posto totalmente fuori dal comune e dalle ambientazioni europee. 

Il piccolo borgo svizzero è costruito attorno ad un lago e riprende in tutto e per tutto lo stile della sua gemella in Europa: gronde bianche, vasi pieni di fiori, persiane e balconi in stile nordico.


Mole Creek Caves

Un’altra meta spettacolare da non perdere sono queste grotte situate nel Mole Creek Karst National Park, circa 40 minuti ad ovest della città di Deloraine. 

Potrai goderti la vista delle meravigliose Marakoopa e King Solomon Caves solo tramite un tour che ti consigliamo di prenotare con anticipo per evitare di non trovare posti.

Già il sentiero per giungere a destinazione sarà impressionante e incantato, ma volta dentro sarai attorniato da cristalli lucenti, piscine riflettenti, stalattiti e stalagmiti che ti accompagneranno in un mondo magico parallelo.

Non solo i tuoi occhi saranno strabiliati di fronte ad un tale spettacolo della natura, ma anche il tuo orecchio potrà udire suoni unici e del tutto caratteristici, ampliati dalle cavità rocciose intorno a te.


Tahune Forest airwalk

Soffri di vertigini? Bene, allora questa è l’occasione per superare le tue paure perché, come si dice, il gioco vale la candela! 

50 metri sopra le rive del fiume Huon, si erge una passerella in acciaio lunga 620 metri che permette di “volare” dove le acque di Huon e Picton si mescolano e si abbracciano tra di loro.

Che tu sia tranquillo e poco sportivo, avventuriero e sempre alla ricerca dell’adrenalina, grande o piccino questa meta è adatta a te e ti permetterà di toccare il cielo con un dito!


Sea Sparkles

Con un po’ di fortuna, di notte si possono ammirare rive fluorescenti dai toni blu/bianchi che renderanno la superficie del mare incantata come in una fiaba. 

Queste masse di Noctiluca scintillans attraggono turisti da tutto il mondo che rimangoo estasiati alla vista di un fenomeno così particolare. 

Se ti stai chiedendo quando prenotare in il tuo viaggio in Australia, ciò che devi sapere è che durante i mesi caldi è più facile poter godere dello spettacolo, ma è in realtà possibile che si palesi in qualsiasi momento dell’anno. Durante le ore diurne appare come un ammasso che colora di rosa le rive del mare, per poi illuminarsi allo scoccare della notte. Infatti, non è il buio che le “accende”, bensì il loro orologio biologico integrato che non le fa illuminare di giorno neppure se messe in una stanza buia. 

Se sei così fortunato da imbatterti in una visione chiara e pulita del loro blu luminoso, puoi anche scattare foto limpide e magiche con il tuo smartphone.

E per finire, notizia del giorno: le puoi anche raccogliere! Infatti, se riempi un barattolo dell’acqua illuminata da questi plancton, ti basterà lasciarlo aperto durante il giorno e richiuderlo durante la notte scuotendolo per avere una lampadina naturale in camera tua per un piccolo periodo di tempo!


Russel falls

Queste cascate non sono sicuramente le più conosciute della Tasmania, ma meritano di essere inserite nei segreti che questa fantastica isola custodisce gelosamente nel suo scrigno pieno di gioielli. 

Situate nell’Mt Field National Park, ad una sola ora da Hobart, questi sgorghi d’acqua sono l’attrazione principale del parco per le sue linee verticali e segmentate incorniciate da felci verdi.

La passeggiata di ritorno aggiunge valore alla sola vista delle Russel falls accompagnando gli esploratori in mezzo alla foresta tra muschio e mirto.


Il diavolo della Tasmania

Dopo aver letto dei luoghi che non puoi assolutamente perdere in Tasmania, Australia, è ora di una creatura che potrai trovare solo su quest’isola.

Il suo nome deriva dai suoni diabolici che escono dalla sua bocca, ma non è solo questo a renderlo un anima del diavolo: manto nero, occhi pungenti, denti aguzzi, indole rissosa e pasti a base di carogne fanno sì che il piccolo marsupiale sembri essere uscito proprio dagli inferi. 

Delle dimensioni, che potrebbero trarre in inganno, di un beagle, il diavolo della Tasmania ha una testa forte e un collo muscoloso che rendono il suo morso il più potente di tutti i mammiferi in rapporto alle dimensioni.

Amanti della nightlife, di giorno rimangono chiusi dentro le loro tane intagliate negli alberi. Le lunghe persecuzioni perpetrate dai coloni europei e la rara forma di cancro trasmissibile che lo colpiscono da qualche anno lo hanno portato ad essere a rischio estinzione, nonchè l’ultima specie superstite dell’ordine Dasyuromorphia.

La Tasmania è un piccolo portagioie che nasconde gemme preziose tutte da scovare, non ti è venuta voglia di prenotare il tuo prossimo viaggio in Australia?


Condividi questo articolo

Lascia un commento