Madagascar: cosa vedere sull’Isola Rossa tra baobab e lemuri

Condividi questo articolo

Madagascar cosa vedere? Questo Paese famoso per lemuri, baobab, birdwatching, giungle, e tante isole offre ai visitatori un ricco parco giochi da esplorare. Rimarrai affascinato dalla sua bellezza: i canyon e le gole ampie, le grandi cascate e la pura diversità del paesaggio. Un giorno sei in una giungla tropicale, il successivo in un’arida pianura e poche ore dopo sei nella foresta subtropicale! Inoltre, ci sono davvero varietà apparentemente infinite di lemuri.

Anche se il Madagascar è remoto e i voli sono costosi, i visitatori non sono eccessivi e, così, potrai goderti tutto ciò che ha da offrire al meglio!

Ed ecco che noi di Rolling Pandas abbiamo deciso di proporti una rassegna di cosa vedere in Madagascar


Madagascar cosa vedere: la via dei baobab

Gli alberi di baobab sono alberi enormi che possono crescere fino a 25 metri di altezza con un diametro di 7 metri e possono vivere fino a mille anni. Mentre ci sono molti alberi simili fra loro, i baobab non hanno confronti e sono completamente unici e tra le cose da vedere in Madagascar! Sono uno spettacolo impressionante, soprattutto quando la tua guida ti avviserà che quel gigante che starai abbracciando è solo un bambino di 400 anni. Questi splendidi alberi si trovano ovunque sull’Isola, ma sulla Route Nationale 8 fiancheggiano tutta la strada per 198 km, da Morondava a Belo Sur Tsiribihina, lasciando tutti coloro che la percorrono completamente attoniti di meraviglia tanto da essere diventata Monumento Naturale e una cosa da vedere in Madagascar. Il momento migliore per le foto è durante l’alba o il tramonto. Il momento peggiore per via delle orde di turisti? Quelle stesse ore, ma ne vale la pena!


Madagascar cosa vedere: Tsingy

Questo parco vicino alla costa occidentale, composto a sua volta da due Parchi (Great Tsingy e Little Tsingy), non è un posto facile da visitare. Per arrivarci ci vuole un giorno intero di tragitto in auto su un terreno molto accidentato in quanto molto remoto, ma anche con pochi turisti. Il lato positivo oltre a quello di non dover fare file o preoccuparsi delle persone intorno a te? È uno dei siti più incredibili del paese. L’acqua e il vento hanno speso secoli a scolpire il calcare formando cime frastagliate che sembrano una fila di coltelli infinita. Per spostarti userai ponti di corda, scale e cavi. La zona è frequentata anche da molti speleologi esperti e ti consigliamo di accoppiare un viaggio qui con un giro in barca lungo il fiume Tsiribihina.  


Madagascar cosa vedere: Isalo National Park

Situato nella parte centro-meridionale del Paese, questo Parco è caratterizzato da molteplici sentieri accidentati. Burroni, gole e canyon, animali, molti dei quali endemici, che corrono indisturbati: Isalo National Park ti lascerà senza fiato ed è una cosa da vedere assolutamente in Madagascar. Ci sono tre cascate in cui puoi rinfrescarti dopo le tue passeggiate e una varietà incredibile di specie di lemuri che, ormai abituati alle orde di turisti che accorrono ogni anno, corrono tranquillamente incontro agli umani in cerca di un po’ di cibo. Per viverti al meglio l’esperienza prendi una guida che ti spieghi nel dettaglio le specie del Parco, sia animali che vegetali, e la cultura locale. Punto in più per questo fantastico sito: il cielo limpido e la mancanza di inquinamento luminoso rendono alcuni tramonti incredibili e le notti puntellate da miriadi di stelle tanto da scorgere chiaramente la Via Lattea come mai prima.

Caratteristica è anche la zona del parco con le sepolture dell’etnia Bara, che usa seppellire i defunti in grotte naturali. 

Ricordati di portare con te molta acqua e un cappello per evitare di disidratarti!

Apertura: lunedì-venerdì

Costo dell’ingresso: circa 20 euro


Madagascar cosa vedere: Nosy Be

Situata poco a largo della costa Nord-Ovest, Nosy Be è il posto dove andare per le spiagge tipiche del Madagascar. Qui troverai chilometri e chilometri di spiagge di sabbia bianca e un ambiente un po’ più turistico, con ristoranti costosi, grandi resort e molte coppie e famiglie, che è generalmente chi visita il Madagascar in cerca di un po’ di relax. Ogni domenica in spiaggia partono feste in cui divertirsi con la sabbia fra le dita ed è il posto perfetto per incredibili snorkeling, immersioni, pesca e whale watching.

L’isola è anche dotata di un aeroporto, il che la rende comodissima per il turismo, e della Riserva Naturale di Lokobe, un’area protetta che racchiude la foresta pluviale che una volta ricopriva tutta l’isola.

Il paesaggio è costellato da fenomeni naturali tra laghi vulcanici che ospitano coccodrilli, colline, monti, baie e ettari di mangrovie. Per non parlare poi della rana e del camaleonte più piccoli del mondo che vivono sull’Isola!

È il paradiso delle isole tropicali per antonomasia, cosa da vedere assolutamente in Madagascar!


Madagascar cosa vedere: Ile Sainte-Marie

Mentre tutti vanno a Nosy Be per le migliori spiagge e resort più eleganti, se vuoi qualcosa di un po ‘più locale, economico e rilassato, Île Sainte Marie, al largo della costa nord orientale, è ciò che fa per te. Questa ex capitale dei pirati, in cui affondò la nave del Capitano Kidd, è un’isola fresca piena di piccole insenature, un cimitero di pirati, deliziosi frutti di mare e un’atmosfera rilassata simile a quella dei Caraibi. Le spiagge non sono ricche di comfort come quelle di Nosy Be, ma c’è una bellissima e incontaminata spiaggia di sabbia bianca a sud dell’isola vicino all’aeroporto che non è molto visitata. Questa è anche la parte migliore dell’Isola per il whale watching. 


Madagascar cosa vedere: Ranomafana National Park

Un perfetto esempio di foresta pluviale tropicale, Ranomafana è uno dei posti migliori del Paese per vedere i lemuri, poiché ne ospita dodici specie. Oltre ai lemuri, ci sono i famosi coleotteri giraffa e molti uccelli, camaleonti e altri animali selvatici. Tra i molteplici percorsi disponibili, ti consigliamo di prendere una guida anche qui, i migliori sono quelli mattutini poiché la maggior parte dei tour li salta e avrai la possibilità di girare il parco in piena, o quasi, solitudine e avere il paesaggio tutto per te. Ci sono anche sorgenti termali vicino alla città in cui rilassarsi. A causa della popolarità del parco, c’è un limite giornaliero al numero di persone che lo possono visitare, quindi è meglio andare in bassa stagione. Nonostante il Ranomafana sia molto ampio, è possibile vederne solo una piccola parte, il che lo rende particolarmente affollato. 

Apertura: lunedì-venerdì

Costo dell’ingresso: circa 15 euro


Madagascar cosa vedere: Andasibe-Mantadia National Park

Questo Parco si trova tra la capitale e la costa orientale ed è famoso per il lemure Indri, che emette un suono simile a un pipistrello ululante che riecheggia nella giungla. Nelle vicinanze si trova anche il famoso Lemurs Park, in cui i lemuri girano indisturbati per il Parco e a cui ti puoi avvicinare perchè addomesticati.


Madagascar cosa vedere: Toliara

Sulla costa occidentale, questa piccola città è famosa per gli espatriati che si trasferiscono lì, la pizza (un piatto molto popolare nel paese) e per essere un trampolino di lancio per escursioni subacquee nella Grande barriera corallina al largo. Anche l’unità che arriva qui sulla N7, l’unica autostrada nord-sud, è piuttosto sorprendente, dato che puoi passare di fianco a Ranomafana, Isalo e altri luoghi lungo il percorso!


Madagascar cosa vedere: Antananarivo

La capitale del Madagascar è un luogo caotico in cui fermarsi per vedere il parco dei lemuri e il Rova, il vecchio palazzo, e avere un’idea della scena internazionale in città, nonché come punto di partenza per altre escursioni.

Rova è una fortezza che, nonostante sia stata restaurata e rimaneggiata più volte, offre uno spaccato interessante della storia malgascia, del periodo in cui la tribù Merina dominava e regnava sulla città e sull’isola. I capi di stato del Madagascar appartengono perlopiù a questa etnia, ma Antananarivo è una città cosmopolita e dalle molteplici influenze: dalle varie etnie malgasce a quella francese, retaggio della storia coloniale dell’Isola Rossa. Infatti, sono proprio i francesi ad aver disegnato la città nella sua parte bassa, Basse Ville, con mercati, traffico di auto e hotel perfetti come base d’appoggio per spostarsi sull’Isola, e in quella alta, Haute Ville, da cui poter raggiungere il Lago Anosy. 


Madagascar cosa vedere: Anakao

Un delizioso paesino di pescatori nomadi dell’etnia Vezo che utilizzano piroghe per andare a pescare, con appena 3.000 abitanti, nella regione sud occidentale dell’isola.

Anakao ospita alcuni dei resort più lussuosi del Madagascar, grazie alla sua conformazione per lo più pianeggiante con spettacolari dune di sabbia.

Le spiagge sono da cartolina, con sabbia bianca e mare cristallino, ricchissimo di pesci, e ideale anche per gli amanti del surf!

Anakao rappresenta l’alternativa a Nosy Be per le sue spiagge, il suo mare meraviglioso, il relax che si respira in ogni suo parte e la barriera corallina che si può osservare.

Questo villaggio è perfetto anche per il whale watching, in particolare tra giugno e settembre, mesi in cui le balene attraversano il canale del Mozambico e si possono vedere da vicino a bordo delle imbarcazioni dei pescatori locali. 


Situato a diverse centinaia di miglia al largo della costa del Mozambico, il Madagascar è uno dei luoghi più singolari della Terra. È una terra dalle mille sfumature: rive dorate, montagne lussureggianti e canyon. Questi habitat eclettici ospitano un’incredibile varietà di animali selvatici, il 90% dei quali non si trova in nessun’altra parte della Terra. C’è qualcosa per tutti in Madagascar, che tu stia cercando di rilassarti su spiagge incontaminate o di immergerti in una foresta pluviale incontaminata. La capitale del paese, Antananarivo, è un crogiolo di storia coloniale, cultura diversificata e ottima cucina moderna. Ora che sai in Madagascar cosa vedere, affrettati a prenotare il tuo prossimo viaggio!


Condividi questo articolo

Lascia un commento