Un incredibile viaggio tra le più belle città del Giappone

Condividi questo articolo

Molti avventurieri nei secoli si sono susseguiti in Giappone, e ancora oggi questo paese esercita un certo appeal.

Visitare le città del Giappone significa anche prendere parte alle sue tradizioni: la cerimonia del tè e le lotte di sumo. I giardini zen e le sorgenti termali completano la visita di questo paese dal carattere poliedrico.

Significa incrociare le gambe su un pavimento di tatami, indossare un tradizionale yukata, fare il bagno in un onsen nella foresta, dormire in un albergo capsula nella futuristica capitale, assistere a un combattimento di sumo o giocare in una sala da pachinko.


La Top 5 delle città del Giappone

Molte sono le attrazioni, e non basterebbe una vita per viverle tutte e decisamente non basta un viaggio per decidere cosa vedere in Giappone perché la lista è infinita. Rolling Pandas ti propone quelle che sono le 5 città del Giappone che devi assolutamente visitare per fare un salto nel tempo, tra tradizione e modernità, tra tecnologia e spiritualità.

  1. Tokyo
  2. Yokohama
  3. Kyoto
  4. Osaka
  5. Nara

1. Tokyo, fulcro economico e culturale del Giappone

Iniziamo il nostro viaggio in Giappone a Tokyo, la capitale del Giappone e sicuramente la città più conosciuta e popolare. Si tratta di una delle metropoli più popolose del mondo, con oltre 15 milioni di abitanti, e di conseguenza è anche molto caotica e vasta da visitare. Il fascino della capitale è inconfondibile: Tokyo è sicuramente la città fulcro economico e culturale dell’arcipelago e viene visitata ogni anno da tantissimi turisti provenienti da tutto il mondo. Tokyo strega e incarnando alla perfezione l’animo contraddittorio del Sol Levante.

I quartieri sono decine e questo rende ancora più difficile scegliere cosa visitare in Giappone; la cosa interessante è che ogni quartiere ha le sue caratteristiche e attrazioni imperdibili da visitare, come se fosse una piccola città all’interno di una grande città. A partire dal centro, con il Palazzo Imperiale, la residenza dell’imperatore ancora oggi, che si estende tra edifici e giardini per oltre 23.000 metri quadrati, potrai passare gran parte del tuo viaggio in Giappone a girovagare tra le strade di Tokyo.

I quartieri principali da vedere sono:

  • Shibuja – il quartiere giovanile
  • Asakusa – dove la tradizione giapponese vive ancora mescolata alla modernità: è possibile infatti incontrare ragazze vestite col kimono e vedere passare i risciò, i mezzi simili a carri che sono trainati da uomini
  • Tsukiji – il quartiere dove ha luogo il mercato del pesce
  • Ginza – il quartiere del lusso
  • Ikebukuro – dove puoi acquistare anime e manga
  • Rappongi – il quartiere moderno della vita notturna con architetture di ultimissima generazione;
  • Marunouchi – il quartiere della stazione
  • Ueno – centro culturale della città con musei e templi, dove potrete passeggiare, in primavera, all’ombra dei fantastici alberi di ciliegio che spesso si vedono nei film o negli anime

2. Yokohama

Dopo aver iniziato il viaggio a Tokyo, qualsiasi altra città del Giappone sembrerà minuscola. Yokohama si trova a meno di 40 chilometri d’auto a Sud della capitale ed è decisamente una città meno turistica, ma qualche giorno vale la pena dedicarglielo, in fondo è la seconda città del Giappone più popolata.

Fra le zone da non perdere durante un viaggio in Giappone a Yokohama troviamo:

  • Il giardino Sankeien – situato a Sud di Yokohama, in pieno stile giapponese. Presenta una serie di edifici storici. Nel parco ci sono un laghetto, piccoli fiumi, fiori e splendidi sentieri che riproducono l’atmosfera di Kyoto.
  • La Yokohama Landmark Tower – che fino al 2014 era il grattacielo più alto della Nazione (dal suo osservatorio è possibile vedere il famoso Monte Fuji). È dotato del secondo ascensore più veloce al mondo dopo quello presente nel grattacielo Taipei 101.
  • La Yokohama Chinatown (Yokohama Chukagai) – è la più grande Chinatown del Giappone e si trova nel centro della città. Lo sviluppo di Yokohama Chinatown è stato molto rapido. E’ stato uno dei primi porti giapponesi ad essere aperti al commercio estero nel 1859. Divenne la residenza dei tanti commercianti cinesi che si stabilirono in città.

3. Kyoto, tradizione e spiritualità

Non si può parlare di un viaggio in Giappone senza menzionare la bellissima Kyoto, probabilmente la città più celebre della Nazione dopo Tokyo. È la seconda città preferita dai turisti che vogliono fare un tour in Giappone, probabilmente perché qui ancor di più si respira quella spiritualità e tradizione che contraddistingue il Giappone. Camminando per le strade tipiche vi imbatterete in tantissimi templi e santuari che vi trasporteranno in un lontano passato che non dimenticherete facilmente.

Fondamentale è avere un programma di viaggio per sapere esattamente cosa vedere a Kyoto:

  • Fushimi Inari – nella zona meridionale di Kyoto, dove è presente il più antico santuario shintoista, il regno delle porte Torii, il Fushimi Inari Taisha. I visitatori sono attratti sia dalla bellezza dei santuari sia dal particolare tunnel rosso costruito con porte Torii che da lì conduce alla foresta fino alla cima del monte Inari, da cui prende il nome appunto.
  • Kiyomizudera – uno dei templi buddisti più famosi del Giappone, è stato costruito nell’VIII secolo e nel 1994 è stato dichiarato patrimonio dell’Unesco.
  • Nishiki Market – questo storico mercato tra cosa vedere a Kyoto è sicuramente una delle attrazioni principali. Si possono trovare un’enorme varietà di cibi che possono essere definiti molto particolari e non solo dai turisti.

04. Osaka, la città commerciale del Giappone

Osaka è nota come la capitale commerciale tra le città del Giappone. Poco distante da Kyoto, ad Osaka si ha un panorama estremamente avveniristico; la città infatti è estremamente moderna e ricca di grattacieli. Non a caso è famosa tra le città del Giappone, per l’architettura, la vita notturna e il sostanzioso cibo di strada.

Le attrazioni da non perdere durante un viaggio in Giappone ad Osaka:

  • L’acquario di Osaka – noto anche come Kaiyukan, si trova nel villaggio di Tempozan sulla baia di Osaka. È uno degli acquari più spettacolari del Giappone. Ti introduce a varie forme di vita che abitano il Pacifico in un modo ben organizzato e impressionante.
  • Il Castello di Osaka – la cui costruzione è iniziata nel 1583 sul vecchio sito del tempio Ishiyama Honganji (distrutto da Oda Nobunaga tredici anni prima) è stato il più grande castello di quel periodo. Il progetto di Toyotomi Hideyoshi era di far divenire il castello il centro del nuovo Giappone unificato, sotto il suo controllo. L’attuale castello è invece una ricostruzione in cemento armato del 1931.
  • Il Santuario Sumiyoshi Taisha – è uno dei più antichi santuari del Giappone. Venne fondato nel III secolo prima dell’introduzione del Buddismo. Il suo stile unico di architettura è noto come Sumiyoshi-zukuri, ed è privo di influenze asiatiche. Solo altri due stili architettonici sono considerati puramente giapponese: il Shinmei-zukuri al santuario Ise e il Taisha-zukuri all’Izumo Taisha.

E ovviamente ricordatevi di approfittare dei numerosi locali e della vivace vita notturna per sperimentare piatti deliziosi e diversi dal solito, con il giusto mix di tradizione e modernità.


05. Nara, l’antica Capitale

Un’altra meta da non perdere durante un viaggio in Giappone è l’antica capitale Nara. Nara è una città piuttosto piccola (ha meno di quattrocentomila abitanti), però è una città ricca di storia.; qui si trovano importanti templi e opere d’arte che risalgono all’VIII secolo, quando Nara era stata scelta tra le città del Giappone come sua capitale. Dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO nel 1998, questa città dall’aspetto tradizionale giapponese è meta ogni anni di migliaia di turisti che vogliono avere un assaggio di storia.

Caratteristica della città è la presenza di cervi sika, il simbolo della città e che non si fanno scrupoli nell’avvicinarsi ai turisti e chiedere del cibo. Nello shintoismo il cervo è considerato un messaggero degli dei, e i circa 1200 cervi sono diventati un simbolo della città e sono considerati un tesoro naturale.

Da visitare in questa città del Giappone:

  • Il Giardino Isuien – è un tipico giardino giapponese. Isuien significa infatti “giardino costruito sull’acqua”, e il nome del giardino deriva dal fatto che i suoi stagni sono alimentati dal piccolo fiume Yoshikigawa. Sul lato opposto, si trova il giardino Yoshikien.
  • Il Todaiji – uno dei templi più famosi e storicamente importanti del Giappone e un punto di riferimento di Nara. Il tempio è stato costruito nel 752 ed è il più grande edificio in legno del mondo. Al suo interno si trova una delle più grandi statue in bronzo del Buddha in Giappone.
  • il Parco di Nara – la casa dei cervi sika; fondato nel 1880, è il luogo di molte delle attrazioni principali, tra cui il tempio Todaiji, Kasuga Taisha, Kofukuji e il Museo nazionale di Nara.

Un viaggio tra le città del Giappone è quello che molti attendono tutta una vita. Spiegare il motivo di quest’attrazione è molto difficile, anche per lo scrittore più vivace.

Sono le immense metropoli futuristiche ad attirare? O i piccoli villaggi bucolici circondati da bellezze naturali incredibilmente belle ed evocative? O forse, è la lontananza tra le nostre culture?

Forse sono tutte queste ragioni, forse nessuna. Una cosa è certa, quando si sente il “il richiamo del Giappone”, si è destinati a rispondere.


Condividi questo articolo

Lascia un commento