Le 10 isole più belle del Madagascar

Le 10 isole più belle del Madagascar

Condividi questo articolo

Le isole del Madagascar sono tantissime e bellissime. Tromelin, Sainte-Marie, le varie gemelle Nosy, la fantastica Tsarabanjina sono solo alcune delle figlie della grande isola rossa.

Le isole del Madagascar, nonché lei stessa, conservano ancora paesaggi e ambienti dove l’uomo e la natura fanno da padroni, dove spiagge bianche disperdono i loro chicchi in mezzo ad acque cristalline che si infrangono sulla riva con le loro onde.

Ti accompagneremo alla scoperta delle isole del Madagascar dagli appellativi simpatici che ne sintetizzano le caratteristiche e delle loro storie affascinanti.

Le spiagge del Madagascar al tramonto
Le spiagge del Madagascar al tramonto
  1. Île de Tromelin
  2. Île Sainte-Marie
  3. Nosy Faly
  4. Nosy Iranja
  5. Nosy Komba
  6. Nosy Sakatia
  7. Nosy Tanikely
  8. Nosy Ve
  9. Nosy Vorona
  10. Tsarabanjina

1. Ile de Tromelin o isola delle sabbie del Madagascar

Veduta aerea dell’Isola di Tromelin
Veduta aerea dell’Isola di Tromelin

Con una superficie di meno di 1 km quadrato, quest’isola del Madagascar sembra una mandorla che galleggia nel mare ed è intrisa di storie e leggende di schiavi, relitti e tempeste.

Lontana 450 km dal Madagascar e 500 dalla Reunion, Tromelin galleggia in mezzo al nulla, ma è stata a lungo contesa fra Mauritius e Francia per i suoi 280000 km quadrati di Zona economica esclusiva.

Oltre a “isola delle sabbie” è anche chiamata “isola degli schiavi dimenticati”, perché? Dopo aver abbandonato per una tempesta schiavi malgasci sulle sue terre, i francesi lasciarono loro provviste per 3 mesi con la promessa che sarebbero arrivati i soccorsi. Ovviamente, questa non fu mantenuta e solamente 15 anni dopo la nave del capitano Tromelin approdò sull’isola omonima e trasse in salvo i pochi sopravvissuti.


2. Île Sainte Marie o isola dei pirati del Madagascar

Le tombe dei pirati su Ile Sainte-Marie
Photo credits to Antony Stanley on flickr
Le tombe dei pirati su Ile Sainte-Marie

Questa piccola isola del Madagascar sta acquisendo sempre più popolarità grazie alle sue acque cristalline, alle sue spiagge bianche adombrate da qualche palma, ma soprattutto grazie ai… pirati! 

Sì, hai capito bene: infatti Robert Culliford, Olivier Levasseur, Christopher Condent, Henry Every, Abraham Samuel, Thomas Tew e William Kidd sono solo alcuni dei più conosciuti corsari che hanno solcato il suolo di Santa Maria proprio per la sua posizione strategica in mezzo alle rotte per il commercio di spezie nell’Oceano Indiano.

Si pensa addirittura che possa essere stata la protagonista della Repubblica di Libertatia di soli pirati e che vi siano ancora dei tesori nascosti tra le sue sabbie, oltre che quelli in superficie, ossia gli unici esempi di tombe corsare al mondo!


3. Nosy Faly in Madagascar o isola santa

Le spiagge di Nosy Faly in Madagascar
Photo credits to Marco Assini on flickr
Le spiagge di Nosy Faly in Madagascar

Parte del Madagascar, quest’isola deve il suo appellativo agli antenati dei Sakalava che sono sepolti nelle sue terre. 

Il rispetto e la spiritualità sono una prerogativa su Nosy Faly che è votata non solo alla devozione verso gli antenati, ma anche alla natura e alla sua preservazione. Infatti, è una delle mete perfette per l’ecoturismo con offerte di giri in bicicletta, battute di pesca, whale watching e bagno con i delfini. 


4. Nosy Iranja o isola delle tartarughe del Madagascar

Il lembo di spiaggia che separa le due piccole isole del Madagascar di Nosy Iranja, l’isola delle tartarughe
Il lembo di spiaggia che separa le due piccole isole del Madagascar di Nosy Iranja, l’isola delle tartarughe

Nosy Iranja è una delle più caratteristiche isole del Madagascar. 

La palette tipica dell’isola è bianco per le sue sabbie, azzurro del mare e del cielo e verde della rigogliosa vegetazione.

Formata da due minuscole isole, Nosy Iranjia Keli e Nosy Iranjia Be, unite da un lembo di sabbia bianca che viene sommerso quando c’è alta marea, prende il nome di isola delle tartarughe, e sai perché? Qui le tartarughe marine amano deporre le uova e in cui si possono osservare i primi passi di queste amabili creature che si gettano in mare.

Inoltre, non saranno solo i bellissimi paesaggi e gli animali che troverai in Madagascar su quest’isola a stupirti, ma anche la miriade di attività che puoi fare: snorkeling tra la barriera corallina, kayak sulle acque blu, trekking a piedi o in mountain bike, escursioni in quad o fuoristrada e tante altre.

Come arrivare a Nosy Iranja? 

Basta atterrare all’aeroporto della vicina Nosy Be in cui arrivano la maggior parte dei voli internazionali e collegato con Antananarivo e poi prendere una delle barche che portano verso l’isola.

Quando andare a Nosy Iranja?

I mesi migliori sono quelli tra aprile e ottobre in cui le temperature sono migliori e il clima non troppo umido.

Per quanto riguarda dove dormire a Nosy Iranja, poi, ci sono diverse possibilità: se ami il lusso il resort di Keli fa per te, altrimenti puoi optare per un semplice hotel o una casa.


5. Nosy Komba o isola dei lemuri del Madagascar

Un cartellone su Nosy Komba che segnala la sua caratteristica: essere l’isola dei lemuri del Madagascar
Photo credits to Rita Willaert on flickr

Posizionata vicino alla costa nord-occidentale del Madagascar, quest’isola vulcanica deve la sua popolarità ai primati che la abitano, ben oltre 60 razze, e in particolare ai macachi. 

“Maki Maki” è il suono che riecheggia nell’aria per richiamare questi buffi animali ghiotti di banane e certi che qualche turista sia pronto ad offrire loro del cibo. 

Il cono insulare si divide fra il mercato in cui comprare pezzi di artigianato locale, il Parco dei lemuri in cui girano indisturbati in libertà, le spiagge bianche su cui rilassarsi  e la zona dove ci sono le case.


6. Nosy Sakatia o isola delle orchidee del Madagascar

Un’orchidea su Nosy Sakatia
Un’orchidea su Nosy Sakatia

L’isola di Sakatia in Madagascar si trova a soli 10 minuti di navigazione dalla famosa Nosy Be. 

È poco conosciuta, ma sa regalare emozioni uniche a chi percorre i suoi sentieri, soprattutto nell’entroterra.

Snorkeling tra la barriera corallina e trekking sono solo alcune delle attività in cui puoi avventurarti sull’isola delle orchidee, che pullula di fiori e piante da tutte le parti.

Le spiagge bianche e le acque cristalline che si confondono col blu del cielo all’orizzonte offrono momenti di relax sdraiati al sole che fa capolino e le zone più interne donano la possibilità di vivere momenti a contatto con la natura tra piante di caffè, alberi del viaggiatore, piante di pepe, frutteti, lemuri, camaleonti e, ovviamente, orchidee!


7. Nosy Tanikely o isola della piccola terra del Madagascar

Tramonto su Nosy Tanikely, in Madagascar
Tramonto su Nosy Tanikely, in Madagascar

Nosy Tanikely in Madagascar è stata dichiarata Parco Naturale nel 2010 grazie alla sua biodiversità terrestre e marina sorprendente nonostante la sua piccola dimensione. 

Le attività che si possono fare sono le più disparate: dallo snorkeling a lunghe nuotate in mare, ai pic nic o alle passeggiate fino in cima all’isola.

Data la sua barriera corallina meravigliosa e le sue acque trasparenti, Nosy Tanikely è un acquario a misura d’uomo, un posto in cui immergersi e vedere la flora e la fauna subacquea senza bisogno di maschere.

Razze, delfini, piccoli squali e tanti altre creature marine stanno aspettando solo te per sguazzare in compagnia!


8. Nosy Ve

Un Phaeton rubricauda, uccello tipico di Nosy Ve
Un Phaeton rubricauda, uccello tipico di Nosy Ve

Nosy Ve in Madagascar è un’isola al largo del villaggio Anakao, piccola ma dalle mille sorprese!

Infatti, ogni anno orde di turisti partono alla volta di questa meta per la presenza di particolari uccelli chiamati Phaethon rubricauda per le loro “code” rosse che attirano ornitologi da tutto il mondo.

Questi particolari volatili sono protetti dal divieto di ucciderli perché sacri secondo il popolo Vezo che, per questo motivo, considerano questo luogo come spirituale.

Nosy Ve si presenta agli occhi di chi la guarda come una distesa di sabbia bianca che si getta nel mare blu con alberi mai troppo alti che la fanno essere poco ombreggiata.


9. Nosy Vorona o isola degli uccelli del Madagascar

Un’amaca su cui sdraiarsi per un po’ di relax su Nosy Vorona

Ti è mai capitato di sognare di vivere su un’isola deserta tutta per te? Bene, su Nosy Vorona questo è possibile! 

Infatti, quest’isola del Madagascar 50 metri per 50 metri è in affitto con la sua villa, il suo personale e la sua spiaggia, tutta per te (e, volendo, altri 11 amici)!

Questo isolamento vi farà vivere al meglio l’area marittima e la sua tranquillità coccolati dal dondolio di un’amaca all’ombra di una palma.

Nonostante sia così remota e fuori da occhi indesiderati o confusione, quest’isola del Madagascar dista soltanto 15 minuti di piroga da Nosy Be per garantirti una possibile connessione con il mondo reale e di resuscitare dal relax quando vuoi.


10. Tsarabanjina o l’isola bella del Madagascar

Il tramonto sulle acque di Tsarabanjina
Il tramonto sulle acque di Tsarabanjina

Il suo significato letterale è l’isola bella da guardare. 

Situata a Nord di Nosy Be e parte dell’arcipelago di Nosy Mitsio, Tsarabanjina è un’isola votata all’ecosostenibilità con la protezione delle tartarughe marine e l’utilizzo di prodotti a km 0 che arrivano dai pescatori e agricoltori delle isole vicine.

I suoi paesaggi tipici del Madagascar si confondono con la spiritualità proveniente dall’Asia in un luogo unico e sacro che ti farà ritrovare il tuo io interiore all’insegna di relax e tante attività che potrai svolgere sull’isola.

I fondali sono vere e proprie metropoli abitate da ogni forma marina, ideali per lo snorkeling. Prenditi un momento anche per il whale watching e la pesca subacquea assieme a tuttte le altre escursioni che puoi fare su quest’isola del Madagascar.

Una volta calato il sole tra sfumature di rosso e arancio, il cielo lascia il posto per brillare ai plancton che provocano la bioluminescenza sulle rive. Il mare al buio si accende lasciando spazio ad un paesaggio fatato.

Le isole del Madagascar sono come una matrioska in cui il pezzo più grande è proprio l’isola rossa che racchiude tanti piccoli elementi dentro di sé. 

Trekking, snorkeling, relax e tanto altro stanno aspettando solo te nel tuo viaggio in Madagascar!


Condividi questo articolo

Lascia un commento